laRegione
pensioni-le-attese-degli-svizzeri-sono-troppo-elevate
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
TICINO
3 min

Formazione dei docenti: l'offerta si amplia

Gli insegnanti di matematica e tedesco scarseggiano anche quest'anno
Ticino
12 min

Procuratori pubblici, fumata bianca in Commissione

La 'Giustizia e diritti’ propone al plenum l’elezione dei 19 pp uscenti (più il Pg Andrea Pagani), compresi i 5 ‘bocciati’ dal Cdm e gli 8 ritenuti idonei dagli esperti
Bellinzonese
50 min

Con Bellinzona360 la vecchia carta coi timbri va in pensione

La tessera di legittimazione cartacea con foto verrà sostituita dal primo gennaio. In arrivo anche un account online 'e-cittadino'
Ticino
1 ora

Scoperto maxi traffico internazionale di canapa e hashish

Dal 2014 si sono messi in circolazione oltre 2mila chili di sostanze per 3 milioni di franchi. Cinque persone in manette
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, dai volontari i buoni spesa per chi è in difficoltà

L'iniziativa è di un gruppo di privati cittadini: buoni spesa da utilizzare nei tre punti vendita del Comune
Ticino
2 ore

Altri 128 positivi al Covid-19 in 24 ore

In calo contagi e ricoveri, ma anche i dimessi. Dimezzati i decessi rispetto a domenica
Ticino
3 ore

Meno suolo occupato nel fondovalle del Ticino

Nella fotografia dell'Osservatorio dello sviluppo territoriale la crescita è rallentata dalla politica del Piano direttore. Si riducono ancora terreni agricoli e verde
Locarnese
6 ore

Centovalli, dopo le incertezze, il ‘nuovo corso’

Il preventivo 2021 risentirà sicuramente del contraccolpo legato all'emergenza sanitaria. Ma il futuro passa, per le sue ricadute, dalle nuove funivie
Luganese
6 ore

Virus, prima ondata: 17 studenti di Lugano scrivono un libro

Dialoghi, prose e poesie prodotti dagli allievi della maturità professionale su iniziativa della docente, Georgia Fioroni
Ticino
7 ore

Il gesto del gioco d’azzardo nella quotidianità

Con il periodo delle festività i centri commerciali spesso propongono anche lotterie e gratta e vinci gratuiti per scopi pubblicitari
Mendrisiotto
16 ore

All'Obv è aperta la 'caccia' all'origine del contagio

Aumentati i casi di Covid fra pazienti e personale, la chiusura ai famigliari è una misura obbligata. Intanto, le strutture ospedaliere sentono la pressione
Bellinzonese
16 ore

Imprese responsabili, insuperabile lo scoglio dei cantoni

Iniziativa accolta dalla maggioranza del popolo, ma respinta da 14 cantoni e mezzo. Via libera al controprogetto. Keller-Sutter: varie questioni aperte.
Mendrisiotto
17 ore

A Balerna s'inventano la Rassegna da... asporto

I ragazzi della 'Sgüra Fest' e un gruppo di esercenti lanciano una iniziativa ispirata al Gallo
Bellinzonese
17 ore

Bellinzona, ‘provocatorio il comportamento dei manifestanti’

Il Municipio replica alle critiche riportate in un'interpellanza sul controllo di polizia effettuato il 27 ottobre davanti a una banca in centro città
Ticino
16.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 14:56

Pensioni, le attese degli svizzeri sono troppo elevate

Negli ultimi 18 anni le rendite effettive del secondo pilastro sono diminuite del 20%. Il risparmio privato diventa sempre più importante per colmare le lacune

Sono sorprendenti i risultati rilevati dall’ultimo barometro VZ (VermögensZentrum), a proposito delle attese del pensionamento. Un recente studio della società di consulenza in materia previdenziale, mostra che gli svizzeri sono sì fiduciosi circa la rendita Avs, mentre nutrono dei dubbi sulla sicurezza delle rendite erogate dalle casse pensioni. «Nonostante la velata incertezza verso la previdenza professionale, la maggioranza non sembra preoccuparsi per le loro future finanze. Eppure le perdite di reddito futuro sono importanti», ci spiega Michael Imbach, responsabile VZ per il Ticino.

Un esempio per capire meglio. «Se nel 2002, un uomo di 55 anni con un salario annuo lordo pari a 120 mila franchi poteva aspettarsi da Avs e cassa pensioni una rendita di circa 75mila franchi, nel 2020, chi si trova nella stessa situazione di reddito ed età di 18 anni fa, può attendersi al massimo 60mila franchi lordi circa. Questo vuol dire che le rendite promesse si sono ridotte di circa 15mila franchi, pari al 20%», spiega Imbach.

I motivi di questo risultato negativo sono presto detti. «La remunerazione degli averi del secondo pilastro è stata decisamente ridimensionata (dal 4% l'anno all'attuale 0,75%, ndr). Inoltre, le casse pensioni riducono costantemente nella parte obbligatoria (fino a 85’320 franchi l’anno) e sovra obbligatoria (oltre gli 85mila franchi assicurati) l'aliquota di conversione. Quella percentuale, cioè, che trasforma il capitale accumulato in rendita. Nel 2002 questa aliquota era del 7,2% per l’intero avere di vecchiaia. Ora siamo al 6,8% per la parte obbligatoria e al 5,8% (mediamente) per quella sovra obbligatoria. In futuro, se i cittadini accetteranno la riforma previdenziale (sempre rifiutata in passato, ndr) queste percentuali potrebbero scendere rispettivamente al 6% e al 4,4% anche a causa dell’aumento della speranza di vita», spiega l’esperto. Ricordiamo che VZ è una società di consulenza indipendente.
Non vende prodotti assicurativi e previdenziali. Le sue prestazioni sono remunerate a parcella a seconda delle esigenze di chi chiede consiglio.

Il coronavirus è un incentivo a rivedere la situazione previdenziale

Gli svizzeri sono quindi troppo ottimisti rispetto alla previdenza? «Diciamo che c'è ancora questa aliquota di conversione al 6,8 per cento che illude perché nel tempo - e gli esperti lo sanno - diminuirà in quanto non è sostenibile a lungo termine». Se una persona in avanti con l’età pensa al suo pensionamento, si rende conto di ciò, ma un giovane di 20-30 anni è lontano anche solo con l’idea di andare in pensione. «Questo è vero perché c’è uno scontro generazionale. Chi oggi ha più di 50 anni frena sulle riforme, penalizzando i giovani», commenta Imbach.

Come prepararsi, allora, visti anche i chiari di luna economici causati dalla pandemia di coronavirus? «Secondo noi diventa fondamentale prendere in mano la propria situazione previdenziale e mettere in atto correttivi. Uno è quello di stipulare polizze di terzo pilastro (polizza sulla vita, conto interessi o deposito titoli), deducibili fino a 6’826 franchi l’anno (se si è dipendenti) dal reddito. Per chi è indipendente la parte deducibile è pari al 20% del reddito e al massimo fino a 34'128 franchi l’anno».

Il vantaggio fiscale però decade con il ritiro del capitale del terzo pilastro. In pratica lo Stato oggi con una mano dà e con l’altra toglierà al momento del pensionamento. «Questo è vero in parte in quanto la tassazione speciale unica è comunque pari a un quinto di quella ordinaria. Quindi conviene gestire il proprio risparmio personale senza lasciarlo su un conto che non remunera più nulla», spiega ancora Imbach ricordando comunque che è sempre possibile colmare lacune di capitale nel secondo pilastro con versamenti facoltativi. «Anche questi importi sono deducibili fiscalmente. Se un lavoratore dipendente dispone di un risparmio privato, il mio consiglio è quello d'investirlo, almeno in parte e se non si ha bisogno della liquidità, in un’integrazione della previdenza». Infine, continua ancora Michael Imbach, ci sono diverse gestioni delle casse pensioni e «l’invito ai datori di lavoro è quello di scegliere soluzioni flessibili a seconda del grado di rischio e di reddito dei propri dipendenti. Comunque, secondo noi le possibilità di migliorare le future rendite non sono né nel primo pilastro (Avs), né nel secondo (casse pensioni), ma nella previdenza privata.

E chi attualmente ha redditi bassi, come può migliorare la propria situazione? «Notiamo tante persone che non hanno il terzo pilastro e il motivo è quello di non riuscire a risparmiare. Analizzando la loro situazione patrimoniale si scopre che si ha una sostanza di qualche migliaio di franchi. Ecco, se quella liquidità non è urgente, sarebbe meglio fare un versamento nel terzo pilastro. Si avranno meno ansie al momento del pensionamento», conclude Imbach. 

© Regiopress, All rights reserved