a-scuola-piu-tardi-un-cerotto-e-non-una-soluzione
ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
4 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
4 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
5 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
5 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
5 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
5 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
5 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
6 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
6 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
6 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
6 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
6 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
TICINO
13.11.2020 - 21:15
Aggiornamento : 23:46

A scuola più tardi: ‘Un cerotto e non una soluzione’

Il Decs posticipa l'inizio delle lezioni alle medie superiori. Le reazioni: servono più corse.

Ridurre la pressione sui mezzi pubblici. Questo il motivo che ha spinto il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello Sport (Decs), in accordo con l'Ufficio del medico cantonale, di posticipare di circa un'ora l'inizio delle lezioni per gli studenti delle scuole medie superiori. L'affollamento sui mezzi pubblici è un tema ampiamente discusso in epoca Covid, piena di contraddizioni fra misure di sicurezza strette in alcune situazioni e lascive in altre. Questa mattina gli allievi di alcune scuole hanno ricevuto un'email da parte delle direzioni che annunciava che le lezioni mattutine sarebbero state ritardate a partire da lunedì 23 novembre.

Nella comunicazione inviata questa mattina agli allievi del liceo di Bellinzona, il direttore Nicola Pinchetti spiega che la decisione del Decs si inserisce in una ‘procedura d'urgenza’. Per il liceo cittadino, prosegue, la decisione non comporterà una modifica dello schema-orario delle classi. Questo si traduce inevitabilmente in un posticipo pomeridiano e serale: “Sarà necessario eliminare alcune pause di 5 minuti durante la giornata e accorciare la pausa del pomeriggio. Questo per riuscire a terminare entro le 17.15”, conclude Pinchetti nella missiva.

Per la Gioventù comunista (Gc) la modifica degli orari indetta dal Governo è un “goffo tentativo per risolvere il problema”. Secondo il gruppo il ”Decs obbedisce qui alle esigenze delle aziende dei trasporti, invece di imporre un aumento delle corse”. Per poter rendere possibile questo incremento, richiesto dal Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (Sisa), sono necessari sufficienti mezzi e conducenti. Per questo la Gc ”rivendica la requisizione dei mezzi di trasporto collettivi inutilizzati dalle aziende private da parte del Cantone”. Secondo la Gioventù comunista sarebbe anche un'occasione per dare un'occupazione a numerosi autisti che si trovano attualmente senza impiego.

Anche il Sisa si è espresso in un comunicato stampa: “Con questa decisione, il Dipartimento dell’educazione non fa che confermare la gravità del problema denunciato dal Sisa fin dall’inizio dell’anno scolastico, ossia il sovraffollamento dei mezzi pubblici utilizzati tanto dagli studenti quanto dai lavoratori pendolari. Problematica molto sentita dagli studenti, al punto da spingere il sindacato studentesco a lanciare una petizione per chiedere l’aumento delle corse negli orari di punta e nelle tratte più affollate: il successo della petizione, che ha raccolto già 500 firme in poco più di 48 ore, dimostra quanto sia diffusa questa preoccupazione”. Il Sisa accoglie la decisione del Decs, ma la definisce come un “cerotto” e non una “reale soluzione”.

Anche la deputata del Movimento per il socialismo (Mps) Angelica Lepori condanna il Decs per aver preso la decisione seguendo principalmente le esigenze delle aziende di trasporto che “non hanno intenzione di cambiare la propria politica”. E aggiunge nella lettera: “È noto che vi è un sovraffollamento dei mezzi pubblici e quindi un maggior rischio di contagio. Ma questo affollamento non è certo una novità”. La deputata è dell'avviso che la misura metta sotto pressione le direzioni degli istituti, ”costrette a ripensare orari, pause e incastri tra docenti di diverse sedi. E questo per ben due volte: una dal 23 novembre e poi con il nuovo orario (dei mezzi di trasporto) in vigore dal 13 dicembre”.

Il Decs da parte sua, declina le accuse spiegando che non ha competenze in materia di organizzazione ma “preso atto delle lamentele di una parte degli studenti quanto al loro sovraffollamento in alcuni orari e della situazione particolare attuale di pandemia, ha chiesto alle direzioni delle scuole medie superiori di verificare la possibilità di modificare l’orario delle lezioni, posticipando almeno per alcune classi l’inizio delle stesse”. Il dipartimento annuncia che sta verificando la fattibilità di questo provvedimento con le aziende di trasporto: “Il cambiamento è temporaneo e strettamente legato alla situazione contingente, come detto ritenuta poco soddisfacente anche da una parte degli studenti”.

La questione dei mezzi di trasporto è infatti di competenza del Dipartimento del territorio (Dt) che però non rilascia dichiarazioni poiché venuto a conoscenza solo oggi della decisione del Decs. Anche le Ffs non commentano la misura e nemmeno la lettera di Angelica Lepori che scrive: “Sono ormai anni che, sistematicamente, si leva l'indignazione popolare per il fatto che le Ffs e i responsabili degli altri vettori di trasporto non abbiano ancora voluto potenziare, in particolare in determinati orari, la loro offerta”. I quali, continua Lepori ”hanno pensato bene di continuare a lasciar correre le cose, pandemia o no”.

 

Leggi anche:

Licei e Commercio, orari posticipati per sgravare bus e Tilo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved