a-scuola-piu-tardi-un-cerotto-e-non-una-soluzione
ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

“Temperature in sella”, quinta tappa: da Losanna a La Brévine

I 50 ciclisti hanno concluso la propria avventura, raggiungendo la meta conclusiva del loro viaggio
Mendrisiotto
11 ore

Anche Chiasso ha la sua passeggiata enogastronomica

La ‘Raminalonga del Penz’, in programma il 22 agosto, si inserisce in una tipologia di eventi pronti a tornare ad animare il Mendrisiotto
Bellinzonese
13 ore

Valli di Blenio e Leventina: così vicine e così diverse

Viaggio cicloturistico alla scoperta dei due fondovalle segnati da destini opposti: se la Ferrovia del Gottardo fosse passata sotto il Lucomagno...
Locarnese
13 ore

Locarno, al Club Andromeda l'integrazione si fa dipingendo

Un trio di pittori e frequentatori del Centro diurno cittadino dell'Organizzazione sociopsichiatrica espone le loro opere al Rivellino il prossimo autunno
Luganese
14 ore

Ancora idrocarburi nel Lago Ceresio

È stata identificata anche la probabile causa, un'imbarcazione attraccata vicino al pontile
Mondo digitale
16 ore

'L'arte digitale è qui per rimanere'

La nuova mania del collezionismo che offre ad artisti e compratori proprietà e investimenti digitali
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus

Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi
Locarnese
17 ore

Lite tra ragazze a Locarno, una vetrina spaccata

L'episodio, avvenuto questa notte in Piazza Grande, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
1 gior

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
1 gior

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
1 gior

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
1 gior

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
1 gior

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
1 gior

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
TICINO
13.11.2020 - 21:150
Aggiornamento : 23:46

A scuola più tardi: ‘Un cerotto e non una soluzione’

Il Decs posticipa l'inizio delle lezioni alle medie superiori. Le reazioni: servono più corse.

Ridurre la pressione sui mezzi pubblici. Questo il motivo che ha spinto il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello Sport (Decs), in accordo con l'Ufficio del medico cantonale, di posticipare di circa un'ora l'inizio delle lezioni per gli studenti delle scuole medie superiori. L'affollamento sui mezzi pubblici è un tema ampiamente discusso in epoca Covid, piena di contraddizioni fra misure di sicurezza strette in alcune situazioni e lascive in altre. Questa mattina gli allievi di alcune scuole hanno ricevuto un'email da parte delle direzioni che annunciava che le lezioni mattutine sarebbero state ritardate a partire da lunedì 23 novembre.

Nella comunicazione inviata questa mattina agli allievi del liceo di Bellinzona, il direttore Nicola Pinchetti spiega che la decisione del Decs si inserisce in una ‘procedura d'urgenza’. Per il liceo cittadino, prosegue, la decisione non comporterà una modifica dello schema-orario delle classi. Questo si traduce inevitabilmente in un posticipo pomeridiano e serale: “Sarà necessario eliminare alcune pause di 5 minuti durante la giornata e accorciare la pausa del pomeriggio. Questo per riuscire a terminare entro le 17.15”, conclude Pinchetti nella missiva.

Per la Gioventù comunista (Gc) la modifica degli orari indetta dal Governo è un “goffo tentativo per risolvere il problema”. Secondo il gruppo il ”Decs obbedisce qui alle esigenze delle aziende dei trasporti, invece di imporre un aumento delle corse”. Per poter rendere possibile questo incremento, richiesto dal Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (Sisa), sono necessari sufficienti mezzi e conducenti. Per questo la Gc ”rivendica la requisizione dei mezzi di trasporto collettivi inutilizzati dalle aziende private da parte del Cantone”. Secondo la Gioventù comunista sarebbe anche un'occasione per dare un'occupazione a numerosi autisti che si trovano attualmente senza impiego.

Anche il Sisa si è espresso in un comunicato stampa: “Con questa decisione, il Dipartimento dell’educazione non fa che confermare la gravità del problema denunciato dal Sisa fin dall’inizio dell’anno scolastico, ossia il sovraffollamento dei mezzi pubblici utilizzati tanto dagli studenti quanto dai lavoratori pendolari. Problematica molto sentita dagli studenti, al punto da spingere il sindacato studentesco a lanciare una petizione per chiedere l’aumento delle corse negli orari di punta e nelle tratte più affollate: il successo della petizione, che ha raccolto già 500 firme in poco più di 48 ore, dimostra quanto sia diffusa questa preoccupazione”. Il Sisa accoglie la decisione del Decs, ma la definisce come un “cerotto” e non una “reale soluzione”.

Anche la deputata del Movimento per il socialismo (Mps) Angelica Lepori condanna il Decs per aver preso la decisione seguendo principalmente le esigenze delle aziende di trasporto che “non hanno intenzione di cambiare la propria politica”. E aggiunge nella lettera: “È noto che vi è un sovraffollamento dei mezzi pubblici e quindi un maggior rischio di contagio. Ma questo affollamento non è certo una novità”. La deputata è dell'avviso che la misura metta sotto pressione le direzioni degli istituti, ”costrette a ripensare orari, pause e incastri tra docenti di diverse sedi. E questo per ben due volte: una dal 23 novembre e poi con il nuovo orario (dei mezzi di trasporto) in vigore dal 13 dicembre”.

Il Decs da parte sua, declina le accuse spiegando che non ha competenze in materia di organizzazione ma “preso atto delle lamentele di una parte degli studenti quanto al loro sovraffollamento in alcuni orari e della situazione particolare attuale di pandemia, ha chiesto alle direzioni delle scuole medie superiori di verificare la possibilità di modificare l’orario delle lezioni, posticipando almeno per alcune classi l’inizio delle stesse”. Il dipartimento annuncia che sta verificando la fattibilità di questo provvedimento con le aziende di trasporto: “Il cambiamento è temporaneo e strettamente legato alla situazione contingente, come detto ritenuta poco soddisfacente anche da una parte degli studenti”.

La questione dei mezzi di trasporto è infatti di competenza del Dipartimento del territorio (Dt) che però non rilascia dichiarazioni poiché venuto a conoscenza solo oggi della decisione del Decs. Anche le Ffs non commentano la misura e nemmeno la lettera di Angelica Lepori che scrive: “Sono ormai anni che, sistematicamente, si leva l'indignazione popolare per il fatto che le Ffs e i responsabili degli altri vettori di trasporto non abbiano ancora voluto potenziare, in particolare in determinati orari, la loro offerta”. I quali, continua Lepori ”hanno pensato bene di continuare a lasciar correre le cose, pandemia o no”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved