lombardia-e-piemonte-zona-rossa-cosa-cambia-al-confine
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
33 min

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
35 min

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
37 min

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
40 min

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
43 min

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
1 ora

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
2 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
3 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
3 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
3 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
5 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
6 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
6 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
05.11.2020 - 11:20
Aggiornamento: 15:16

Lombardia e Piemonte zona rossa, cosa cambia al confine

Stop a spesa, turismo e visite a parenti e amici. Le risposte alle domande più importanti sulle nuove disposizioni circa le zone di confine

Da domani, Lombardia e Piemonte, insieme alla Valle d'Aosta (anch'essa confinante con la Svizzera romanda) e la Calabria, sono inserite nella cosiddetta "fascia rossa", quella che comprende le regioni più a rischio secondo i parametri del Ministero della Salute italiano riguardo la situazione Covid-19. Questo comporta il divieto di entrare e uscire dalle suddette regioni se non per motivi lavorativi (il che autorizza il transito dei frontalieri, in quanto anche il rientro a domicilio è concesso), di salute, o di urgenza e necessità. Tale divieto, nei fatti, vale anche nei confronti degli ingressi in Lombardia e Piemonte dal Ticino, sebbene non si tratti ufficialmente di una vera e propria chiusura delle frontiere da parte italiana: venisse mai a qualcuno, per esempio, l'idea di andare in Italia passando dai Grigioni verso l'Alto Adige, per esempio, sarebbe possibile farlo finchè la provincia autonoma di Bolzano non è in fascia rossa o arancione, per la quale vale lo stesso divieto. Tuttavia, come detto, la decisione italiana ha dei riflessi importanti anche per il Ticino e suscita ovviamente alcune domande.

Posso andare a fare la spesa, o al ristorante in Italia?

No, l'ingresso in Lombardia e Piemonte, attualmente zona rossa, è consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità. 

Sono residente in Ticino ma mi trovo in Italia in una regione dichiarata zona rossa o arancione: posso tornare a casa?

Si, il rientro al proprio domicilio rientra fra i motivi per cui è permesso il movimento nelle regioni in zona rossa o arancione.

Ho dei parenti o un/una partner in una delle regioni in zona rossa o arancione: posso andare a trovarli? Ed essi possono venire a trovare me?

No, al momento non è consentito l'ingresso nelle zone rosse o arancioni per le visite ai familiari, ai parenti e ai partner se non per estrema necessità. Non è certo se prossimamente verrà presa una decisione in merito come avvenne in primavera con l'apertura alle visite ai "congiunti". Allo stesso modo è vietata l'uscita dalle zone rosse o arancioni, dunque non è possibile per chi risiede in Lombardia o Piemonte far visita a parenti, partner o amici in Ticino o in Svizzera.

Ho una seconda casa in una delle regioni in zona rossa o arancione: posso andarci?

No, salvo che non si tratti di motivi di necessità, ad esempio per un lavoro urgente o un guasto che metta a rischio l'abitazione.

Se mi reco in Italia per uno dei motivi ammessi, devo osservare una quarantena in Italia o al ritorno?

No, al momento non è prevista alcuna quarantena per chi entra in Italia dalla Svizzera, al contrario della scorsa primavera. Questo finchè la Svizzera non è nella lista dei Paesi considerati a rischio dall'Italia. Tuttavia è richiesto di avere con sè un'autocertificazione, scaricabile dal sito del ministero degli Esteri italiano, in cui si dichiara la provenienza e in quali Paesi si è soggiornato negli ultimi 14 giorni. Anche per il rientro in Svizzera dall'Italia non è prevista nessuna quarantena, finchè l'Italia o alcune regioni di esse non sono nella lista dei Paesi a rischio per la Svizzera.

Devo recarmi in una regione non in zona rossa o arancione: posso passare dalla Lombardia o dal Piemonte?

Si, è consentito il transito attraverso una zona rossa o arancione verso una zona "gialla", ovvero non a rischio (ad esempio, andare dal Ticino all'Emilia Romagna o Veneto).

Nell'ambito dei motivi ammessi, posso circolare liberamente in Italia?

Dipende: in Italia è stato imposto un divieto di circolare su tutto il territorio nazionale dalle 22 alle 5, salvo per le suddette ragioni lavorative, di salute o di urgenza. È bene dunque evitare di trovarsi in giro dopo delle 22 e fino alle 5 se non per i motivi sopra citati, per i quali è richiesta un'autocertificazione, per evitare di incorrere in una multa come in casi già avvenuti.

Per quanto sarà in vigore il divieto?

Il decreto italiano è in vigore fino al 3 dicembre. La situazione delle Regioni viene adeguata settimanalmente, se una Regione viene inserita in fascia rossa o arancione i divieti valgono per un minimo di 15 giorni e comunque non oltre la scadenza del decreto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

È ufficiale: Lombardia e Piemonte nella 'zona rossa'

P. Tresa, multata perché voleva rientrare dal lavoro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved