Ginevra
1
Friborgo
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Turgovia
1
Kloten
1
1. tempo
(1-1)
sostenere-ospedali-e-cliniche-durante-il-periodo-covid
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
1 ora

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
1 ora

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
1 ora

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
1 ora

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
3 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
3 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
3 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
3 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
4 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
4 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
03.11.2020 - 16:580
Aggiornamento : 19:08

‘Sostenere ospedali e cliniche durante il periodo Covid’

Con un'iniziativa cantonale, primi firmatari i Plr Quadranti e Polli, chiedono alla Confederazione di aiutare le strutture che hanno avuto perdite

“Il Consiglio federale dia un contributo per la messa a disposizione a costi supplementari di ospedali e cliniche durante il periodo Covid-19, inclusi ad esempio maggiori acquisti di materiale sanitario e farmaci, misure di sicurezza aumentate”. Non solo. La Confederazione “contribuisca adeguatamente” per il mantenimento di queste strutture “in efficienza e qualità” oltre a garantire “per le eventuali loro perdite di reddito causate dalla sua ordinanza Covid-19 del 16 marzo 2020”. A chiederlo è un’iniziativa cantonale interpartitica, con primi firmatario i deputati liberali radicali Matteo Quadranti e Maristella Polli, depositata oggi. 

Ed è proprio l‘ordinanza 2 Covid-19 a fare da detonatore all‘iniziativa, poiché “ha stabilito i seguenti obblighi: i Cantoni possono esigere che gli ospedali e le cliniche private mettano a disposizione le loro capacità per accogliere i pazienti; le istituzioni sanitarie come ospedali, cliniche e studi medici e dentistici devono astenersi da qualsiasi trattamento e intervento medico non urgente”. Ebbene. Queste prescrizioni, si legge nel testo dell‘iniziativa, “hanno necessariamente comportato costi aggiuntivi e una potenziale riduzione dei ricavi per gli ospedali per acuti, i servizi psichiatrici, le cliniche di riabilitazione e le cliniche specializzate”. E Quadranti fa due conti: “Secondo le stime di H+ e dell'associazione Spital-Benchmark, le perdite per la fine di aprile 2020 ammontavano a circa 1,5-1,8 miliardi di franchi per l'intera Svizzera”.

‘Mantenere la qualità delle cure e l'efficienza di ospedali e cliniche’

Circa l'80 per cento di questa perdita “è attribuibile al mancato guadagno dovuto al divieto di trattamento e di operazioni, in vigore dal 16 marzo al 26 aprile. Anche in Ticino il governo stima che la perdita totale sarà di diversi milioni di franchi”. Certo, parte della perdità potrà essere compensata: “Ma è logico che i costi aggiuntivi derivanti dalla perdita di ricavi per più di un mese non possono essere facilmente compensati e avranno certamente un impatto significativo sul bilancio annuale”. E il problema è che “l'autunno e l'inverno 2020/2021 non stanno ancora dando garanzie di superamento della pandemia, anzi”. Quindi è fondamentale, per Quadranti, Polli e cofirmatari, “mantenere e garantire la qualità delle cure e l'efficienza di ospedali e cliniche anche nel breve e medio termine, ciò che potrebbe risultare problematico se queste strutture dovessero non aver riassorbito le perdite riscontrate”.

Il Consiglio federale ha già chiarito la sua decisione di non partecipare alla perdita di reddito, giacché sarebbe semmai una questione di competenza dei Cantoni. Quella che il testo dell'iniziativa definisce una “formula semplice ed equa” si riferisce al margine operativo lordo (Ebitdar) “generato dagli ospedali in passato. La differenza tra l'Ebitdar medio generato dall'ospedale nel 2020 e quello generato nel 2018/2019 sarebbe considerata come l'importo della perdita e sarebbe parzialmente compensata dagli assicuratori attraverso un pagamento una tantum”.

Risarcimento al 75 per cento, forse

Questo metodo “può essere utilizzato per tutti i tipi di ospedali e, indipendentemente dal livello effettivo dei danni, i responsabili politici possono sempre decidere l'ammontare del risarcimento per le istituzioni sanitarie, ad esempio fissando una quota da applicare”. Un'idea potrebbe essere “il 75 per cento”. L'ammontare del risarcimento “dovrebbe essere determinato con molta cura, gli ospedali e le cliniche non dovrebbero essere considerati come ‘vincitori della crisi’, né dovrebbero essere utilizzati per la manutenzione delle strutture”.

Infine, per Quadranti e Polli “le casse malattia, la compartecipazione sarebbe un atto di solidarietà, in realtà estranea al sistema, in quanto parteciperebbe ai costi delle prestazioni non erogate. Se non sono inclusi, chi paga i premi non dovrà pagare un aumento del premio l'anno successivo”.   

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved