ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
2 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
4 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
5 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
03.11.2020 - 16:58
Aggiornamento: 19:08

‘Sostenere ospedali e cliniche durante il periodo Covid’

Con un'iniziativa cantonale, primi firmatari i Plr Quadranti e Polli, chiedono alla Confederazione di aiutare le strutture che hanno avuto perdite

sostenere-ospedali-e-cliniche-durante-il-periodo-covid
Ti-Press

“Il Consiglio federale dia un contributo per la messa a disposizione a costi supplementari di ospedali e cliniche durante il periodo Covid-19, inclusi ad esempio maggiori acquisti di materiale sanitario e farmaci, misure di sicurezza aumentate”. Non solo. La Confederazione “contribuisca adeguatamente” per il mantenimento di queste strutture “in efficienza e qualità” oltre a garantire “per le eventuali loro perdite di reddito causate dalla sua ordinanza Covid-19 del 16 marzo 2020”. A chiederlo è un’iniziativa cantonale interpartitica, con primi firmatario i deputati liberali radicali Matteo Quadranti e Maristella Polli, depositata oggi. 

Ed è proprio l‘ordinanza 2 Covid-19 a fare da detonatore all‘iniziativa, poiché “ha stabilito i seguenti obblighi: i Cantoni possono esigere che gli ospedali e le cliniche private mettano a disposizione le loro capacità per accogliere i pazienti; le istituzioni sanitarie come ospedali, cliniche e studi medici e dentistici devono astenersi da qualsiasi trattamento e intervento medico non urgente”. Ebbene. Queste prescrizioni, si legge nel testo dell‘iniziativa, “hanno necessariamente comportato costi aggiuntivi e una potenziale riduzione dei ricavi per gli ospedali per acuti, i servizi psichiatrici, le cliniche di riabilitazione e le cliniche specializzate”. E Quadranti fa due conti: “Secondo le stime di H+ e dell'associazione Spital-Benchmark, le perdite per la fine di aprile 2020 ammontavano a circa 1,5-1,8 miliardi di franchi per l'intera Svizzera”.

‘Mantenere la qualità delle cure e l'efficienza di ospedali e cliniche’

Circa l'80 per cento di questa perdita “è attribuibile al mancato guadagno dovuto al divieto di trattamento e di operazioni, in vigore dal 16 marzo al 26 aprile. Anche in Ticino il governo stima che la perdita totale sarà di diversi milioni di franchi”. Certo, parte della perdità potrà essere compensata: “Ma è logico che i costi aggiuntivi derivanti dalla perdita di ricavi per più di un mese non possono essere facilmente compensati e avranno certamente un impatto significativo sul bilancio annuale”. E il problema è che “l'autunno e l'inverno 2020/2021 non stanno ancora dando garanzie di superamento della pandemia, anzi”. Quindi è fondamentale, per Quadranti, Polli e cofirmatari, “mantenere e garantire la qualità delle cure e l'efficienza di ospedali e cliniche anche nel breve e medio termine, ciò che potrebbe risultare problematico se queste strutture dovessero non aver riassorbito le perdite riscontrate”.

Il Consiglio federale ha già chiarito la sua decisione di non partecipare alla perdita di reddito, giacché sarebbe semmai una questione di competenza dei Cantoni. Quella che il testo dell'iniziativa definisce una “formula semplice ed equa” si riferisce al margine operativo lordo (Ebitdar) “generato dagli ospedali in passato. La differenza tra l'Ebitdar medio generato dall'ospedale nel 2020 e quello generato nel 2018/2019 sarebbe considerata come l'importo della perdita e sarebbe parzialmente compensata dagli assicuratori attraverso un pagamento una tantum”.

Risarcimento al 75 per cento, forse

Questo metodo “può essere utilizzato per tutti i tipi di ospedali e, indipendentemente dal livello effettivo dei danni, i responsabili politici possono sempre decidere l'ammontare del risarcimento per le istituzioni sanitarie, ad esempio fissando una quota da applicare”. Un'idea potrebbe essere “il 75 per cento”. L'ammontare del risarcimento “dovrebbe essere determinato con molta cura, gli ospedali e le cliniche non dovrebbero essere considerati come ‘vincitori della crisi’, né dovrebbero essere utilizzati per la manutenzione delle strutture”.

Infine, per Quadranti e Polli “le casse malattia, la compartecipazione sarebbe un atto di solidarietà, in realtà estranea al sistema, in quanto parteciperebbe ai costi delle prestazioni non erogate. Se non sono inclusi, chi paga i premi non dovrà pagare un aumento del premio l'anno successivo”.   

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved