gli-ospedali-reggono-pronti-a-potenziare-oltre
Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali
Ticino
2 ore

La pioggia diserta il Mendrisiotto: ‘è sfortuna, non la regola’

A sud ha piovuto pochissimo, anche quando altrove in Ticino ci sono stati temporali. Marco Gaia (MeteoSvizzera): ‘non c’è un vero motivo scientifico’
Luganese
2 ore

Rovio, analfabetismo emotivo dietro gli spari del papà al figlio

Dallo psichiatra e psicoterapeuta Michele Mattia una chiave di lettura per decifrare il fatto di sangue capitato ad Agno una dozzina di giorni fa
Ticino
11 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
12 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
13 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
13 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
13 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
13 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
14 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
15 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
15 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
28.10.2020 - 19:56
Aggiornamento: 29.10.2020 - 11:04

‘Gli ospedali reggono, pronti a potenziare oltre’

Raffaele De Rosa (Dss): ‘Se sarà necessario, accoglieremo i pazienti Covid da oltre San Gottardo'

I dati dei contagi crescono come pure i numeri dei ricoverati negli ospedali Covid del Cantone. Le terapie intensive sembrano reggere. Quanto è corretto per il Ticino l’allarme lanciato dalla task force scientifica della Confederazione secondo cui tra dieci giorni gli ospedali svizzeri saranno saturi? Per Raffaele De Rosa, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento della sanità socialità «Le proiezioni della task force scientifica della Confederazione sono molto preoccupanti perché mostrano che a livello nazionale, tra una decina di giorni, si sarà in difficoltà. Si rischia di avere le postazioni di terapie intensive praticamente tutte occupate». «Va però riconosciuto - continua De Rosa - che la situazione è molto differenziata all’interno del paese. Ci sono dei Cantoni che già negli scorsi giorni hanno raggiunto il proprio limite nelle capacità ospedaliere e altri nei quali l‘evoluzione della pandemia è rallentata». «In questo senso, già nelle scorse settimane avevamo allestito il dispositivo di prontezza ospedaliero che prevede tre fasi: nella prima abbiamo confermato i due ospedali Covid (La Carità di Locarno e la clinica Moncucco di Lugano) con una sessantina di posti in terapia intensiva, più altri sette posti al CardioCentro. All’interno di questi due ospedali, infine, possiamo arrivare a 250 posti letto acuti. Nella fase due è previsto l’ampliamento con altre con altri ospedali di supporto (Ospedale italiano, ospedale di Faido e ospedale malcantonese) con all’incirca altri 120 posti letto post acuti e infine nella fase tre anche una trentina di posti per la riabilitazione a Novaggio e alla Clinica Hildebrand». «L’evoluzione molto rapida dei contagi ha accelerato lo sviluppo dei posti letti. È quindi importantissimo continuare a seguire e monitorare la situazione per poi implementare le giuste misure. Non vogliamo arrivare nella situazione dove siamo costretti ad agire nell’emergenza», afferma De Rosa.

In caso di necessità nazionale, il Ticino è pronto ad aiutare altri Cantoni in difficoltà. «C’è una piattaforma di coordinamento dei posti letto a livello nazionale. Tutti i cantoni sono tenuti ad annunciare i posti totali e i posti disponibili e quelli occupati. Quindi sì, siamo pronti alla solidarietà federale se sarà il caso. A oggi, comunque, non mi risultano pazienti di oltre San Gottardo ricoverati in strutture sanitarie ticinesi», afferma il direttore del Dss il quale afferma anche che non teme una precettazione del personale sanitario frontaliero da parte del governo italiano. «Già nella fase più critica della scorsa primavera ci sono stati incontri diplomatici ad alto livello per garantirsi anche una collaborazione reciproca». «Al momento attuale non abbiamo indicazioni in questo senso, ma non si può escludere del tutto». «Sarebbe una decisione drastica e in un momento di crisi dovrebbe prevalere anche una collaborazione a livello internazionale e non di ‘belligeranza’ come potrebbe essere interpretato un gesto di questo tipo», conclude De Rosa.

Gobbi: ‘Per ora procedure ordinarie, ma torneremo a chiedere la possibilità delle multe’

Tra le misure l'estensione dell’obbligo della mascherina anche “nello spazio pubblico”. E meglio, specifica l'ordinanza federale, “nelle aree pedonali animate dei centri urbani e dei nuclei dei paesi” e “in altri settori dello spazio pubblico, non appena la concentrazione di persone non permette più il rispetto della distanza obbligatoria”. Eventuali violazioni constatate dalla polizia verranno trattate «con la procedura ordinaria», ergo «dal Ministero pubblico», ribadisce il capo del Dipartimento istituzioni e presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi. Procedure ordinarie non di rado lunghe. Per questo tipo d’infrazioni «manca dunque l’effetto dissuasivo prodotto dall’immediatezza della sanzione, soprattutto verso i giovani - commenta Gobbi -.  Oltretutto queste procedure ordinarie rischiano d’ingolfare la Procura. Tant’è che come Cantone ma anche come direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia avevamo chiesto d’inserire nell’ordinanza la possibilità di applicare multe disciplinari. Prossimamente avremo la nostra assemblea e sarà l’occasione per riformulare questa richiesta a Karin Keller-Sutter», responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia.   

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved