ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
3 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
8 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
20 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
21 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
21 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
21 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
22 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
laR
 
19.10.2020 - 20:35
Aggiornamento: 21:47

Scuola, difficoltà quando mezza classe è in quarantena

Emanuele Berger (Divisione della scuola): ‘Sperimentiamo forme ibride nelle quali il docente fa lezione in aula, interagendo anche con i ragazzi a casa’

scuola-difficolta-quando-mezza-classe-e-in-quarantena
‘La scuola in presenza è fondamentale’ (archivio Ti-Press)

«Le difficoltà maggiori le riscontriamo quando diversi allievi di una stessa classe sono a casa in quarantena, mentre gli altri seguono le lezioni in presenza». Per Emanuele Berger, direttore della Divisione della scuola, si tratta infatti di un «situazione nuova» e dunque complessa da gestire. Si stanno quindi «sperimentando forme ibride nelle quali il docente fa lezione in aula e allo stesso tempo interagisce con i ragazzi a casa». Il coordinatore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) ritiene in ogni caso che i piani di protezioni messi in atto «funzionano bene».

«Dobbiamo ricordarci che ci sono circa 50mila allievi che si recano a scuola e che solo una piccolissima parte sta seguendo una quarantena», sottolinea Berger a ‘laRegione’. A dimostrazione dell’efficacia dei piani di protezione vi è anche il fatto che «la quarantena non sempre viene ordinata a un intera classe, ma solo a singoli studenti». Inoltre, questi dati sembrerebbero essere anche un buon segnale del fatto che si riesce a contenere la diffusione del coronavirus. Tuttavia, «è evidente che l’epidemia sta riprendendo vigore e sarebbe illusorio pensare che il Covid-19 non entri più nelle scuole». Ovviamente, «faremo di tutto per evitare di tornare a fare lezioni a distanza», una decisione che, nel caso, «compete alle autorità». Berger esprime l'auspicio che «la scuola sia l’ultima a chiudere, perché le lezioni in presenza sono fondamentali».

Allievi in quarantena che seguono le lezioni da casa

Resta il fatto che sempre più spesso singoli allievi o classi intere vengono posti in quarantena, perché entrati in contatto con il virus. Concretamente, la scuola come gestisce queste situazioni? «Vi è una differenza se ad essere in quarantena è un solo allievo o più studenti di una stessa classe», precisa Berger. Quando sono solo uno o due studenti a dover rimanere a casa, allora «vengono dati loro dei compita da svolgere, come si è sempre fatto in caso di malattia. Se dovessero esserci docenti che non seguono questa prassi bisognerebbe intervenire. Al momento, però non sono a conoscenza di casi problematici in quest’ambito». La situazione si complica, invece, quando più allievi di una stessa classe si trovano in quarantena, mentre gli altri compagni continuano a seguire le lezioni in presenza. Si tratta infatti, di «un’esperienza nuova rispetto a quelle vissute in passato», ovvero rispetto a quando le scuole erano chiuse e tutti gli studenti seguivano le lezioni a distanza. Quanto sperimentato durante il lockdown – piattaforme digitali sulle quali caricare materiale didattico e che permettono agli allievi di svolgere i compiti da casa, così come le videoconferenze tra ragazzi e docenti – e la «formazione dei docenti in merito alla didattica a distanza che si è svolta negli ultimi mesi», potrebbe però essere di aiuto anche in questi casi: «Uno degli scenari più interessanti è quello che prevede un’interazione sia con gli allievi presenti in classe, sia con quelli a casa e poi dei momenti di esercitazioni che ognuno può svolgere individualmente. Il docente può poi interagire separatamente con gli allievi in aula e in un altro momento con quelli a casa». In questo modo anche gli studenti da casa continuerebbero a seguire le lezioni come gli altri, senza così «perdere una settimana». Questa è «la strada didatticamente più interessante per queste situazioni», ma, chiaramente, «è un modo di lavorare complesso e oneroso».

‘Sulle mascherine decide il Consiglio di Stato’

Intanto oggi sia la Lega con un’interrogazione, sia l’Mps con una mozione urgente hanno chiesto l’introduzione della mascherina obbligatoria anche alle scuole medie. «Sta al Consiglio di Stato prendere una decisione del genere, sentiti il Decs e il medico cantonale», precisa Berger. Infatti, «nel caso della scuola media di Cadenazzo è stato l’Ufficio del medico cantonale a decretare l’obbligo generalizzato di indossare la mascherina». In ogni caso, non vi è una chiusura da parte del Decs: «L’obiettivo è far sì che la scuola funzioni bene» e per raggiungerlo si farà dunque tutto il necessario.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved