quinto-giudice-i-giochi-sono-aperti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
31 min

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
1 ora

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
1 ora

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
1 ora

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
1 ora

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
1 ora

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
1 ora

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
1 ora

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
1 ora

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
1 ora

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
2 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
3 ore

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
Bellinzonese
3 ore

Natale in Città, calo dei visitatori ma record di pattinatori

Un’edizione caratterizzata da adattamenti logistici implementati a causa del repentino evolversi della situazione sanitaria
Luganese
4 ore

Associazione sportiva Cademario: i numeri della lotteria

Per il ritiro dei premi telefonare allo 079 785 72 10 (Zanotti) oppure inviare una e-mail a: info@ascademario.ch
Mendrisiotto
4 ore

Giorno per giorno le celebrazioni per il Beato Manfredo

Dal 23 al 30 gennaio nella ricorrenza della festa e dell’esposizione dell’urna all’altare di San Giuseppe a Riva San Vitale
Mendrisiotto
5 ore

Presenza costante dell’Associazione Progetto Genitori

In agenda martedì 25 gennaio via Zoom il WebAtelier che tratterà il tema “0-3 anni ci piace giocare da soli”
Mendrisiotto
5 ore

La Biblioteca comunale di Breggia e i suoi 4’000 titoli

Cambio di orario e la possibilità della consegna a domicilio. Proposte per i più piccoli e una tessera fedeltà per dieci libri.
Luganese
5 ore

Ciak, si parte: film drammatico al Cinema Teatro di Chiasso

Mercoledì 19 gennaio, alle 20.30, verrà proiettato il film drammatico ‘Treno di notte per Lisbona’ di Bille August
Luganese
5 ore

Cultura politica a Lugano: si parla di partiti svizzeri

Giovedì 27 gennaio alle 18 nell’Aula Magna del Liceo Lugano 1. Olivier Meuwly dialogherà con Fulvio Pelli.
Luganese
6 ore

Piccolo intervento chirurgico, riuscito, per il Vescovo Lazzeri

Mons. Lazzeri è stato sottoposto nel fine settimana a un’operazione per risolvere i problemi di deambulazione legati a un infortunio alla caviglia
 
15.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:40

Quinto giudice, i giochi sono aperti

Maggioranza traballante per la candidata d'area leghista. Se eletta, il Ppd continuerebbe a non essere rappresentato al Tpc. E poi c'è l'interpellanza Mps

Autunno 2020, l’autunno caldo della magistratura ticinese. Caldo, anzi rovente. A far discutere non c’è solo la vicenda dei cinque procuratori – un quarto dei pp che compongono il Ministero pubblico, l’autorità inquirente – dei quali il Cdm, il Consiglio della magistratura, ha preavvisato negativamente la rielezione. Vicenda con vari addentellati: i messaggini via WhatsApp del presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani al procuratore generale Andrea Pagani, le successive puntualizzazioni del pg a mezzo stampa, il no del Cdm presieduto dal giudice Werner Walser alle richieste di accesso agli atti avanzate dai magistrati ‘bocciati’ e dalla Commissione parlamentare Giustizia e diritti, tenuta per legge a formulare le proposte di nomina al plenum del Gran Consiglio. C’è anche un altro capitolo, di questo tormentato autunno per il nostro sistema giudiziario, che accende gli animi. È la nomina del quinto giudice del Tribunale penale (Tpc), dopo il suo potenziamento di un’unità deciso poco più di un anno fa dal parlamento. Parlamento chiamato nella sessione che si apre lunedì prossimo a designare il nuovo giudice. Quattro i candidati. In ordine alfabetico: Elettra Orsetta Bernasconi Matti (area Plr), Manuela Frequin Taminelli (in quota Lega), Brenno Martignoni Polti (area Udc), Siro Quadri (area Ppd). Nella riunione del 28 settembre, la maggioranza della ‘Giustizia e diritti’ ha deciso di proporre l’elezione di Frequin Taminelli. Ma è una maggioranza traballante. Sì, perché le firme in calce al rapporto sono dieci (i deputati commissari sono diciassette): redatto dalla leghista Sabrina Aldi, il documento, pubblicato sul sito del Gran Consiglio, non è stato sottoscritto da tutti e tre i membri popolari democratici, da uno dei due rappresentanti del Ps nonché dai deputati Udc, Verdi e del Partito comunista.

Il ‘bilancino’ politico non è preciso

Quattro i candidati, dicevamo. Ma la corsa, sostengono attenti osservatori, vede come favoriti Frequin Taminelli e Quadri. Ritenuti idonei alla carica (così come Bernasconi Matti, oggi vicecancelliera del Tribunale penale e giudice supplente alla Pretura penale, e Martignoni Polti, avvocato e notaio) dalla Commissione di esperti, a spuntarla nella ‘Giustizia e diritti’ è stata la prima. Perché la Lega avrebbe lamentato il fatto di essere sottorappresentata in seno al Tribunale d’appello: un aspetto politico, quindi. Valutato per forza di cose, essendo ritenuti ‘idonei’ entrambi. Però c’è un però, perché se di ‘bilancino’ politico si vuole parlare occorre che lo si faccia fino in fondo. Nel senso che, considerata la formazione attuale, il Plr conta due giudici (Marco Villa e Francesca Verda Chiocchetti), la Lega uno (Amos Pagnamenta) così come il Ps (il presidente del Tribunale penale Mauro Ermani). Dei partiti di governo ne manca uno.

Ed è quel Ppd che sarebbe rappresentato dal pretore Siro Quadri, del quale nei preavvisi formulati dalla Commissione di esperti indipendenti all’indirizzo della ‘Giustizia e diritti’ viene scritto che come giudice monocratico alla Pretura penale “ha dimostrato grande capacità lavorativa ed acquisito una qualificata esperienza giurisdicente, svolgendo un numero considerevole di procedimenti con tematiche diverse, anche di rilevante complessità”. Basti pensare al caso di contagio da epatite C all’Ospedale Civico di Lugano, al caso che ha visto contrapposti la Clinica Sant’Anna e la redazione del domenicale ‘Il Caffè’ in merito al dottor Rey o al caso Argo 1. Quadri, nel preavviso della commissione composta da Agnese Balestra Bianchi, Giorgio Bomio-Giovanascini, Mauro Dell’Ambrogio, Ivo Eusebio e Silvia Torricelli, viene definito “solido nelle specifiche conoscenze giuridiche, le sue decisioni dimostrano capacità redazionale e struttura logica”.

Di Manuela Frequin Taminelli, attualmente giudice supplente straordinario del Tpc, viene scritto che “in questa veste ha celebrato diversi processi quale giudice a latere in Corti sia delle Assise correzionali sia criminali, fungendo anche da presidente per opposizione ai decreti d’accusa”. Può vantare, ad avviso degli esperti, “una lunga esperienza e una riconosciuta competenza in ambito giudiziario penale, rinunciando allo scopo anche allo svolgimento di altre attività legali, che le è valsa, per un prolungato periodo, la nomina a giudice supplente straordinario del Tribunale penale cantonale”.

E quel ‘particolarmente idoneo’ che manca

Giudizi, parole dal peso specifico diverso. Con un dettaglio di non poco conto: la decisione di togliere il ‘particolarmente idoneo’ dalla possibilità di preavviso, ridotte quindi a ‘idoneo’ o ‘non idoneo’. Categorie vaste, dove le sfumature – evidenti o meno – possono confondersi. L’allora presidente della Commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ Carlo Lepori (Ps) all’epoca (cfr. edizione del 29 ottobre 2019) alla ‘Regione’ disse riguardo alla decisione degli esperti che ciò “dovrebbe allargare la rosa dei papabili. Il giudizio ‘particolarmente idoneo’ potrebbe condizionare le scelte della commissione parlamentare e della sua sottocommissione ‘Elezione magistrati’, indirizzandole sui candidati che gli esperti hanno considerato non soltanto idonei, ma ‘particolarmente idonei’, che di solito sono una minoranza rispetto a quelli ritenuti semplicemente ‘idonei’”. Sì. Anche perché, proseguì Lepori, “la nostra valutazione, quali deputati-commissari, sarà per esempio finalizzata a garantire in seno alla magistratura, nel limite del possibile, un’equa rappresentanza di genere, regionale e politica per evitare che vi sia un ufficio giudiziario ‘monocolore’”. Deduzione: non sarebbe monocolore nel caso in cui il plenum del Gran Consiglio seguisse il parere della ‘Giustizia e diritti’ eleggendo Frequin Taminelli, certo, ma un partito di governo, il Ppd, rimasto orfano di rappresentanza dopo la decisione di Rosa Item di lasciare il Tpc nel novembre 2018, seguiterebbe a non essere rappresentato se non venisse nominato Quadri.

Su Frequin Taminelli la polemica si accese già nell’agosto 2018, quando venne nominata giudice straordinario del Tpc direttamente dal Consiglio di Stato, senza passare dall’autorità chiamata a eleggere i magistrati, il Gran Consiglio. Il governo aveva fatto capo all’articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria: “In caso di vacanza di qualsiasi seggio giudiziario o di impedimento di carattere durevole, il Consiglio di Stato può designare un supplente a ricoprire l’ufficio fino alla sostituzione o alla cessazione dell’impedimento”. Ma anche la seduta parlamentare del 19 promette scintille. C’è in ballo un’interpellanza dell’Mps. In cui si cita fra l’altro la risposta del capo del Dipartimento istituzioni Gobbi a un’interpellanza precedente del Movimento per il socialismo. La risposta: “Il Consiglio di Stato ha designato l’avvocato Manuela Frequin Taminelli giudice supplente, come da proposta e secondo le motivazioni del presidente del Tribunale penale cantonale (Ermani, ndr.), in particolare, alla luce degli anni di collaborazione dell’avvocato sopracitato con il Tribunale stesso”. Pronzini e colleghi chiedono ora al governo “per quali motivi nel 2018 non ha ritenuto necessario ampliare la rosa dei possibili candidati alla carica di giudice straordinario anche agli altri giudici straordinari seppure non sponsorizzati dal presidente del Tribunale penale”.

Brenno Martignoni Polti, intanto, attende un cenno dalla commissione ‘Giustizia’ alla quale ha scritto chiedendo di essere ascoltato. Per riferire “fatti rilevanti in merito”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved