Roma
1
Cagliari
0
fine
(1-0)
Atalanta
0
Inter
0
1. tempo
(0-0)
WAS Capitals
1
VAN Canucks
0
1. tempo
(1-0)
da-stasera-scattano-le-nuove-misure-anti-covid-ticinesi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
2 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
3 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
3 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
4 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
4 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
4 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
5 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
6 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
6 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
6 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
6 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
6 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
6 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
7 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
Ticino
10 ore

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da coronavirus
Locarnese
10 ore

Locarno, l’Alliance ospita il fotografo Moreillon

Film e conferenza mercoledì alle 20 nella Sala congressi di Muralto
Ticino
1 gior

In Ticino 6 ricoveri in meno e nessun decesso

Sono 1’312 i contagi odierni, in ospedale restano ad oggi 167(-6) persone, di cui 15 (+1) in cure intense
Mendrisiotto
1 gior

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.
Gallery
Locarnese
1 gior

Brissago, l’ex cimitero come area di sosta per i camper

Presentata dal Plr una mozione che chiede di destinare il fondo a tale scopo. Così da favorire il turismo e generare indotti, evitando le soste selvagge
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud
Ticino
1 gior

L’auto soffre ancora, ma quella elettrica piace

Ritardi nelle consegne e prezzi alti penalizzano il settore. Tira l’usato e si fanno largo le vetture elettriche. Nuovi dubbi sulle plug-in ibride
Luganese
1 gior

Monteceneri, il Punto Ascolto chiude dopo 9 anni

Il servizio potrebbe diventare una linea telefonica cantonale. Il Municipio ha scelto di potenziare la sua offerta con un’assistente sociale.
Bellinzonese
2 gior

‘Mancano posteggi’ nei quartieri di Bellinzona

Il consigliere comunale Ppd Pietro Ghisletta cita le situazioni di Camorino (centro e frazioni), Gudo, Paudo, Monte Carasso, Sementina e Claro
 
09.10.2020 - 09:560
Aggiornamento : 12:30

Da stasera scattano le nuove misure anti-Covid ticinesi

Discoteche e locali notturni chiusi (visti gli ultimi focolai). Da domani mascherine obbligatorie nei negozi. Svizzera 'paese a rischio'

a cura de laRegione

In Svizzera, per il secondo giorno consecutivo, i nuovi contagi hanno superato il migliaio. Non succedeva da fine marzo, quando la pandemia era al massimo della sua prima ondata. Da giorni, per la precisione da sabato scorso, il nostro paese è pure tornato a far parte delle nazioni considerate ad alto rischio Covid secondo la stessa definizione usata dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) per decidere le quarantene di chi rientra dall'estero: 60 nuovi casi su 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni. Indice che era già stato superato dalla Confederazione per buona parte del mese di settembre.

Il numero di nuove persone infette segnalato ieri all'Ufsp era di 1'172, mercoledì di 1'077, con tasso di tamponi risultato positivo tra il 7,3 al 9,7%. Parametro, pure questo, in crescita dopo aver per lo più stagnato attorno al 3 o 4% nelle scorse settimane. Ieri altre 27 persone sono inoltre finite in ospedale e due, purtroppo, sono decedute.

Da lunedì i dati sembrano quindi indicare una decisa accelerazione della pandemia a livello nazionale, dopo un aumento costante, ma lineare, in corso da fine giugno. Un cambiamento di passo che potrebbe mettere in crisi anche il sistema di rilevamento del virus, con il presidente dell'Associazione dei laboratori medici svizzeri, Willi Conrad, che mercoledì spiegava come, se le forniture di test non dovessero aumentare di conseguenza al numero di casi, le scorte potrebbero esaurirsi nel giro di dieci o quindici giorni.

Il Ticino impone le mascherine e chiude le discoteche

Discoteche, sale da ballo e club chiusi da questa sera e mascherine obbligatorie nei negozi da domani, sabato. In Ticino il Consiglio di Stato dà un giro di vite alle misure anti-Covid all’indomani dell’aumento dei contagi riscontrati proprio nei locali notturni (al Seven di Lugano e alla Clava di Bellinzona). Per quanto concerne l’obbligo d’indossare le mascherine nei negozi, conferma il presidente del governo Norman Gobbi, sono previste delle sanzioni «definite nell’ambito della Legge federale sulle epidemie», in caso di mancato rispetto della disposizione adottata dal governo.

Misure necessarie, quelle decise dal Consiglio di Stato, che non preludono, per ora, a un altro lockdown. «L’obiettivo dichiarato da tempo è quello di non chiudere le attività economiche che resta l’ultima ratio se viene meno la responsabilità individuale», ha commentato Gobbi che ha ribadito che la situazione epidemiologica in Ticino non è grave come in altri cantoni, ma l’ulteriore stretta si è resa necessaria per prevenire un peggioramento ulteriore. Da qui l’appello alla responsabilità individuale e al rispetto delle misure igieniche note: disinfettante, distanza e mascherine dove è necessario.

«Stiamo vivendo una situazione che è diventata seria e preoccupante», ha spiegato da parte sua Raffaele De Rosa, responsabile del Dipartimento della sanità e socialità, rigorosamente con la mascherina. «Abbiamo una crescita dei casi positivi a un livello elevato. Ci preoccupa anche l’accelerazione degli ultimi tre giorni», ha affermato. Ricordiamo che ieri erano 40 i testati positivi in Ticino, mentre mercoledì 39. Durante il fine settimana 21 persone sono state trovate positive. La tendenza al rialzo è quindi chiara. «È cresciuto anche il tasso di positività, che è oggi fra il 5 e il 7%, rispetto all′1% delle scorse settimane, mentre a livello nazionale siamo attorno al 10%». «Deve far riflettere anche l’aumento dei casi ‘sconosciuti’, quelli dove l’origine della malattia non si riesce a decifrare: indica quanto la diffusione sia aumentata. Al rialzo anche i contagi tra le persone sopra i 60 e i 70 anni, categorie particolarmente a rischio di complicazioni in caso di contagio».

Situazione seria anche per il dottor Giorgio Merlani, capo dell′Ufficio del medico cantonale: «Siamo di fronte a un raddoppio dei positivi ogni tre giorni, un aumento inaspettato. Non si tratta di un focolaio, ma di casi diffusi, presenti sul territorio cantonale e per buona parte di questi non siamo in grado di definire l’origine del contagio. Per più della metà dei casi non siamo in grado di dire l’origine del contagio. Bisogna evitare di passare a una diffusione comunitaria, senza controllo». I motivi? Per Merlani, sarebbero fondamentalmente due: «Innanzitutto il clima. Negli ultimi giorni di settembre c’è stato un tempo brutto e freddo. Inoltre, ci sono state le vacanze autunnali in vari cantoni svizzeri, che hanno portato a una mobilità interna più pronunciata».

A Ginevra è allarme

E mentre anche in Ticino, dopo mesi di relativa calma, torna la preoccupazione (vedi articolo a fianco), a Ginevra – cantone più toccato per rapporto alla popolazione – è allarme rosso, con il medico cantonale che ieri non ha lasciato spazio all'interpretazione: «Dobbiamo agire adesso, altrimenti dovremo fare delle scelte quanto alla presa a carico o no di malati». Sotto accusa, come già indicato nei giorni scorsi dal consigliere federale Alain Berset, gli appuntamenti privati: «Le feste private, le riunioni di famiglia o gli aperitivi tra amici costituiscono una grande sfida», ha chiosato la dottoressa Aglaé Tardin. «Occorre ogni volta porsi la domanda se è possibile fare le cose con meno persone e mantenere le distanze».

Pure a Coira la pressione sta aumentando: dopo l'incremento marcato nei positivi di martedì, ieri le autorità grigionesi hanno dovuto mettere in quarantena circa 300 avventori di un club della capitale dove era presente una persona poi risultata positiva. Un ulteriore focolaio è stato registrato nel centro di transito Landhaus di Davos Laret, dove tre persone sono risultate contagiate e altre 86 sono state messe in quarantena.

Sul fronte del tracciamento, ieri è ufficialmente fallita la raccolta firme per un referendum contro l'app SwissCovid. Il comitato referendario non infatti è riuscito infatti a raccogliere le 50mila firme necessarie per chiamare la popolazione al voto. I promotori hanno lamentato lentezze da parte dei comuni e della Posta.

Finanze pubbliche in rosso

La pandemia sta intanto tingendo di rosso le finanze 2021 della maggior parte dei cantoni. Oltre al Ticino, che per l'anno prossimo stima un deficit di 230 milioni, gli effetti finanziari sono particolarmente importanti a Berna, con un ammanco di 630 milioni a preventivo. Zurigo prevede un buco di 541 milioni di franchi, una perdita all’ospedale universitario e un calo del dividendo dell’aeroporto, di cui è uno dei principali azionisti. Ginevra stima l’ammanco a mezzo miliardo, anche se – a ben vedere – per l'anno prossimo il piano quadriennale già contemplava un disavanzo di 462 milioni. Per la prima volta da 15 anni, poi, il budget del canton Vaud passa nelle cifre rosse: -163 milioni.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved