laRegione
sentiremo-comunque-i-cinque-pp-vogliamo-fare-chiarezza
Luca Pagani foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Brissago, 12 anziani positivi alla Casa San Giorgio

Risultano inoltre contagiati dal coronavirus quattro collaboratori. Le visite sono state sospese e gli ospiti sono in isolamento
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, 'dopo le tessere sconto pensiamo a buoni acquisto'

La proposta, con un'interrogazione al Municipio, è stata formulata da quattro consiglieri comunali del Plr
Bellinzonese
9 ore

Mezzi pubblici: Valle di Blenio più connessa a Biasca

In arrivo due cambiamenti di orario, a dicembre e ad aprile, che garantiranno un servizio migliorato. Ma secondo il direttore delle Autolinee ancora non basta
Luganese
11 ore

Lugano, mense per tutti dopo ben 16 anni

La lunga e travagliata gestazione della mozione raccontata da Cristina Zanini Barzaghi che ricorda la richiesta presentata da tutte le donne del Cc
Bellinzonese
15 ore

Eco-belli, per una Bellinzona più pulita

I dettagli del progetto elaborato da un cittadino e ripreso in una mozione dal consigliere Bang. Obiettivo: contrastare l’abbandono di rifiuti
grafici
Ticino
15 ore

Coronavirus, in Ticino 33 ulteriori ricoveri e un morto

Cresce anche il numero di nuove infezioni: tra ieri e oggi se ne sono registrate 404. Stabile il numero di persone in cure intense
Luganese
20 ore

Una testata come scusa della disobbedienza

Un raduno ‘antagonista’ contro le misure di contenimento del Covid diventa un brutto ricordo per una giovane giornalista
Luganese
20 ore

Pvp di Lugano: fluidificazione riuscita solo in parte

Un anno di sperimentazione delle modifiche al traffico. Col Coronavirus di mezzo
Bellinzonese
21 ore

Nuovo Quartiere Officine, ‘manca una vera progettualità’

Bellinzona: dopo il geografo Torricelli, che sollecita una dibattito sul tema, anche il verde Ronnie David critica i contenuti e teme la speculazione edilizia
Ticino
01.10.2020 - 17:290
Aggiornamento : 23:42

'Sentiremo comunque i cinque pp, vogliamo fare chiarezza'

Così il presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' dopo il no del Consiglio della magistratura all'accesso agli atti

«Di questa decisione del Consiglio della magistratura abbiamo appreso oggi dai media: per la nostra commissione è una novità. Noi comunque sentiremo, come abbiamo del resto stabilito lunedì, i cinque procuratori pubblici. Vogliamo fare chiarezza». Parole del presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' Luca Pagani, interpellato dalla 'Regione' dopo che il Consiglio della magistratura (Cm) ha detto no alla richiesta di accesso agli atti avanzata dai cinque pp la cui rielezione è stata preavvisata negativamente dallo stesso Consiglio. Un no comunicato in mattinata ai magistrati dall'autorità, diretta dal giudice d'Appello Werner Walser, che vigila sul funzionamento del sistema giudiziario. La decisione del Consiglio della magistratura, della quale ha riferito il portale 'liberatv.ch', non fa tuttavia cambiare idea alla commissione coordinata dal deputato popolare democratico. «Non vedo motivi per cui dobbiamo ritornare sui nostri passi», rileva Pagani, ribadendo che si procederà all'audizione dei pp. Audizione di cui non sarebbe stata ancora fissata la data. 

Nella riunione di lunedì la 'Giustizia e diritti' ha deciso di dar seguito all'istanza inoltratale dai cinque procuratori: quella cioè di essere ascoltati.  La commissione parlamentare risponde dunque affermativamente. Il Consiglio della magistratura risponde invece picche alla richiesta dei pp in questione - ricandidatisi a procuratori in vista dell'imminente rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico da parte del Gran Consiglio - di accedere agli atti. E quindi di visionarli. Questo per capire su quali elementi, su quali dati il Cm abbia fondato le proprie valutazioni che lo hanno portato a esprimere dei giudizi durissimi sul loro operato, pur non essendo mai stati oggetto di richiami formali o di ammonimenti.  Al Consiglio della magistratura i cinque inquirenti si erano rivolti la prima volta il 14 settembre. Il 23 lo avevano sollecitato a pronunciarsi sulla loro istanza. Nel contempo avevano chiesto alla 'Giustizia e diritti' di essere sentiti.  Ora, dopo un paio di settimane di silenzio, il Consiglio della magistratura si manifesta scrivendo ai pp: richiesta di accesso agli atti respinta. Il Cm sostiene fra l'altro che quello che lui formula all'indirizzo dell'autorità di nomina delle toghe, ossia il parlamento, "è un preavviso non vincolante e non una decisione".

Ma la vicenda, che solleva non pochi interrogativi sulla procedura sfociata in quei cinque cartellini rossi, non finisce qui. Eloquenti le parole del presidente della commissione parlamentare: "Vogliamo fare chiarezza".

Ancora non è dato sapere se nel frattempo, prima dell'audizione dei cinque pp, la 'Giustizia e diritti' chiederà al Consiglio della magistratura di trasmetterle l'intero incarto. Il che è molto probabile, per poter disporre di tutti gli elementi al momento dell'incontro con i magistrati.       

© Regiopress, All rights reserved