ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
40 min

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
46 min

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
46 min

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
2 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
2 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
2 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
3 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
3 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
4 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
4 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
4 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
5 ore

‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’

Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
01.10.2020 - 11:02
Aggiornamento: 12:44

Preventivo 2021, il Ticino in rosso per 230 milioni

Il risultato complessivo, compresi gli oneri degli investimenti, è di -280,8 milioni. Proposta formalmente la sospensione del freno ai disavanzi

preventivo-2021-il-ticino-in-rosso-per-230-milioni
Foto Ti-Press

È un preventivo a tinte rosse, quasi bordeaux, quello per il 2021 del Canton Ticino. Il disavanzo d'esercizio calcolato è di 230,7 milioni di franchi ed è stato allestito in un periodi di "generale incertezza per quanto concerne l’evoluzione economica e i suoi impatti sulle finanze pubbliche" dettata dalla situazione economica creata dalla pandemia. È quindi necessario "un monitoraggio costante della situazione", anche perché il 2020 dovrebbe già chiudersi in pesante rosso: 270 milioni di perdite, secondo il pre-consuntivo di agosto.

Così il Dipartimento delle finanze e dell'economia (Dfe), comunicando i conti previsionali avallati dal Consiglio di Stato. 

"Il preventivo 2021 del Cantone presenta un disavanzo d’esercizio determinato soprattutto dalla crisi sanitaria che si è manifestata in modo imprevisto e repentino a partire dalla fine del primo trimestre del 2020 e che comporterà un importante disavanzo nel 2020 come illustrato dal recente pre-consuntivo", precisa il Dfe. Il risultato d’esercizio "si attesta a -230.7 milioni di franchi e l’autofinanziamento a -22.4 milioni di franchi, pari a un grado di autofinanziamento del -8.7%. Considerato un onere netto per investimenti di 258.5 milioni di franchi, il risultato complessivo risulta pari a -280.8 milioni di franchi. A fine anno, il debito pubblico dovrebbe pertanto superare l’importo di 2.2 miliardi di franchi".

Calo del gettito fiscale

Secondo le ipotesi del Cantone "l’impatto della crisi economica conseguente alla pandemia" si manifesterà "in modo importante sul fronte dei ricavi con una riduzione rilevante dei gettiti di competenza delle persone fisiche e delle persone giuridiche. A influenzare negativamente le entrate, evidenziamo anche il rinvio al 2022 dell’entrata in vigore della tassa di collegamento".

"La spesa corrente cresce soprattutto a seguito dell’incremento delle spese di trasferimento, in particolare nei settori della sanità e della socialità, per i quali i servizi competenti oggi non possono ancora prevedere le dinamiche di crescita dovute agli effetti della crisi pandemica in atto, e nel settore dei trasporti pubblici. Accanto alla crescita nel settore delle spese di trasferimento, si registra anche un aumento consistente delle spese per il personale, in gran parte riferito al personale docente".

Piano finanziario

Assieme al preventivo 2021, il presente messaggio presenta il piano finanziario 2022-2024 che integra i nuovi oneri che entreranno in vigore nel 2021 per un valore di circa 4.3 milioni di franchi per i quali, considerata la situazione critica delle finanze cantonali, sono state fissate delle priorità dai singoli dipartimenti. Le conseguenze della crisi si manifesteranno in modo importante sulle finanze pubbliche cantonali verosimilmente anche nei prossimi anni. Ciò avrà come diretta conseguenza un progressivo peggioramento della solidità del bilancio del Cantone e del debito pubblico.

Sospensione del freno al disavanzo

Il Governo, data l’eccezionalità della situazione, propone con il presente messaggio una sospensione di un parametro del vincolo finanziario, quello relativo al limite massimo di disavanzo ammissibile. Questa situazione richiede l’avvio dei lavori per definire un’azione di intervento che permetta una progressiva riduzione degli importanti disavanzi d’esercizio che si prospettano e ritrovare quindi l’equilibrio dei conti sul medio termine. Occorre infatti evitare che si crei un importante disavanzo strutturale, come indicano le proiezioni attuali di piano finanziario. Ciò richiede un intervento attivo della politica.

’La politica sia responsabile‘

A più riprese, in conferenza stampa, il direttore del Dfe Christian Vitta e il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi hanno invitato la politica, leggasi i partiti, a essere responsabili. Perché questo buco andrà sanato, e la principale preoccupazione è appunto che il disavanzo non diventi strutturale. Ci saranno incontri tra il Consiglio di Stato e i partiti, si è venuto a sapere. Ma quanto il sentiero sia stretto lo si capisce bene dalle parole dello stesso Gobbi: «Il dialogo serve per aumentare la consapevolezza del momento, il nostro compito è avere una visione d'insieme». E se i partiti continueranno a proporre ognuno la propria ricetta, secondo Gobbi questo si tradurrebbe nel «venir meno al senso di responsabilità». Tutti sulla stessa barca, insomma. 

Leggi anche:

'Non possiamo compromettere l'equilibrio finanziario'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved