la-commissione-parlamentare-sentira-i-cinque-pp
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Abbattimento del lupo: ’decisione necessaria ma tardiva’

L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del Governo all’uccisione del canide
Ticino
2 min

Il Prix SVC 2022 va alla Tecnomec di Stabio

L’azienda attiva nel campo della meccanica di precisione si è aggiudicata il primo premio. Sul podio anche Jetpharma Sa e R. Audemars Sa
Bellinzonese
4 min

La Ses inaugura la sua nuova sede a Biasca

Porte aperte sabato 21 maggio dalle 10.30 alle 15. Saranno proposte anche varie animazioni per i più piccoli
Ticino
18 min

Argor-Heraeus ha acquisito la Erbas di Mendrisio

L’azienda attiva nella lavorazione dei metalli preziosi con l’acquisizione entra anche nel settore dell’orologeria di lusso
Ticino
28 min

Uno studio per risparmiare acqua potabile ed energia

Lo chiede con un postulato al Consiglio federale Bruno Storni, anche per far fronte al crescente problema della siccità
Bellinzonese
31 min

Cadenazzo, tiro obbligatorio e in campagna

Appuntamento per domenica 22 maggio dalle 9 alle 11.30
Locarnese
33 min

Prato Sornico, dal ghiaccio in pista a quello nel... bicchiere

Sarà prolungata sull’intero anno l’apertura della buvette dell’impianto sportivo. Tornerà utile al turismo e agli utenti della vicina area per i camper
Locarnese
36 min

‘Racconta il tuo quartiere’ allo Spazio Elle di Locarno

Venerdì in ‘vetrina’ Club Andromeda e associazione Il Tragitto con l’Associazione di Quartiere Rusca e Saleggi
Bellinzonese
42 min

Bellinzona, Etnorama accompagnato dal progetto ‘Fuori tutto!’

L’installazione itinerante degli undici musei etnografici del Ticino è affiancata dalla volontà di coinvolgere volontari nel settore
Locarnese
43 min

Parrocchia di Gordola, la generosità che sostiene i progetti

Hanno sempre successo le raccolte di fondi fra i fedeli per coprire importanti costi di investimento. Ora il focus è sull’Oratorio ai Monti Motti
28.09.2020 - 11:51
Aggiornamento : 23:45

La commissione parlamentare sentirà i cinque pp

Vicenda preavvisi, la decisione è stata presa stamattina dalla 'Giustizia e diritti'

La commissione 'Giustizia e diritti' del Gran Consiglio ascolterà i cinque procuratori pubblici la cui rielezione è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura. La decisione è stata presa questa mattina nel corso della riunione commissionale. La 'Giustizia e diritti' dà così seguito all'istanza inoltratale dai magistrati interessati, i quali, come abbiamo riferito nell'edizione online di venerdì, hanno anche chiesto al Consiglio della magistratura l'accesso agli atti per capire come si siano formati i giudizi particolarmente duri espressi nel loro confronti dalla stessa autorità che vigila sul sistema giudiziario in vista dell'imminente rinnovo delle cariche al Ministero pubblico da parte del parlamento.

L'articolo 29 della Costituzione federale

Una richiesta di accesso agli atti per sapere su quali elementi il Consiglio della magistratura ha fondato i propri pareri e poter esercitare quindi con piena cognizione di causa il diritto di essere sentito. Tuttavia sino a oggi pomeriggio dal Consiglio della magistratura non risulta sia arrivata una risposta alla richiesta dei pp. Una risposta che i cinque hanno sollecitato la scorsa settimana. Per il momento, dunque, tutto tace. Consiglio silente. E questo nonostante l'articolo 29 ("Garanzie procedurali generali") della Costituzione federale, articolo che al secondo capoverso recita: "Le parti hanno diritto d’essere sentite". Per esercitare con cognizione di causa questo diritto, sancito costituzionalmente, i cinque procuratori hanno appunto sollecitato l'accesso agli atti.

'Rientra comunque negli approfondimenti'

Mentre si aspetta una presa di posizione del Consiglio della magistratura sull'istanza dei pp, la 'Giustizia e diritti' compie un passo significativo. «Dal momento che ci hanno chiesto di essere ascoltati, abbiamo ritenuto giusto procedere alla loro audizione, un'audizione che rientra comunque negli approfondimenti che di questa vicenda stiamo facendo», spiega, contattato dalla 'Regione', il presidente della commissione, il popolare democratico Luca Pagani. La data dell'incontro con i cinque procuratori non è stata ancora fissata. Anche perché, aggiunge Pagani, «non conosciamo, per ora, l'esito della richiesta di accesso agli atti presentata dai cinque pp al Consiglio della magistratura». 

Sulla genesi degli impietosi pareri, formulati dal Consiglio della magistratura presieduto dal giudice d'Appello Werner Walser nei riguardi di ben un quarto dei pp che compongono la Procura, ci si attende che la 'Giustizia e diritti' faccia piena luce. Come si spiegano quei preavvisi negativi alla loro rielezione se i cinque inquirenti non sono stati oggetto in precedenza di richiami formali o ammonimenti? Quale ruolo ha avuto il presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani nella formazione dei preavvisi in questione? Visto il tenore degli stessi, come mai il Consiglio della magistratura e/o il procuratore generale Andrea Pagani non si sono mossi prima? Questi e altri gli interrogativi che la vicenda solleva e che necessitano di un chiarimento a trecentosessanta gradi da parte della commissione parlamentare, ovvero del Gran Consiglio, che è l'autorità chiamata a designare procuratori e giudici. 

Leggi anche:

Cinque pp bocciati dal Consiglio della magistratura

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved