la-commissione-parlamentare-sentira-i-cinque-pp
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
17 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
22 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
23 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
28.09.2020 - 11:51
Aggiornamento : 23:45

La commissione parlamentare sentirà i cinque pp

Vicenda preavvisi, la decisione è stata presa stamattina dalla 'Giustizia e diritti'

La commissione 'Giustizia e diritti' del Gran Consiglio ascolterà i cinque procuratori pubblici la cui rielezione è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura. La decisione è stata presa questa mattina nel corso della riunione commissionale. La 'Giustizia e diritti' dà così seguito all'istanza inoltratale dai magistrati interessati, i quali, come abbiamo riferito nell'edizione online di venerdì, hanno anche chiesto al Consiglio della magistratura l'accesso agli atti per capire come si siano formati i giudizi particolarmente duri espressi nel loro confronti dalla stessa autorità che vigila sul sistema giudiziario in vista dell'imminente rinnovo delle cariche al Ministero pubblico da parte del parlamento.

L'articolo 29 della Costituzione federale

Una richiesta di accesso agli atti per sapere su quali elementi il Consiglio della magistratura ha fondato i propri pareri e poter esercitare quindi con piena cognizione di causa il diritto di essere sentito. Tuttavia sino a oggi pomeriggio dal Consiglio della magistratura non risulta sia arrivata una risposta alla richiesta dei pp. Una risposta che i cinque hanno sollecitato la scorsa settimana. Per il momento, dunque, tutto tace. Consiglio silente. E questo nonostante l'articolo 29 ("Garanzie procedurali generali") della Costituzione federale, articolo che al secondo capoverso recita: "Le parti hanno diritto d’essere sentite". Per esercitare con cognizione di causa questo diritto, sancito costituzionalmente, i cinque procuratori hanno appunto sollecitato l'accesso agli atti.

'Rientra comunque negli approfondimenti'

Mentre si aspetta una presa di posizione del Consiglio della magistratura sull'istanza dei pp, la 'Giustizia e diritti' compie un passo significativo. «Dal momento che ci hanno chiesto di essere ascoltati, abbiamo ritenuto giusto procedere alla loro audizione, un'audizione che rientra comunque negli approfondimenti che di questa vicenda stiamo facendo», spiega, contattato dalla 'Regione', il presidente della commissione, il popolare democratico Luca Pagani. La data dell'incontro con i cinque procuratori non è stata ancora fissata. Anche perché, aggiunge Pagani, «non conosciamo, per ora, l'esito della richiesta di accesso agli atti presentata dai cinque pp al Consiglio della magistratura». 

Sulla genesi degli impietosi pareri, formulati dal Consiglio della magistratura presieduto dal giudice d'Appello Werner Walser nei riguardi di ben un quarto dei pp che compongono la Procura, ci si attende che la 'Giustizia e diritti' faccia piena luce. Come si spiegano quei preavvisi negativi alla loro rielezione se i cinque inquirenti non sono stati oggetto in precedenza di richiami formali o ammonimenti? Quale ruolo ha avuto il presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani nella formazione dei preavvisi in questione? Visto il tenore degli stessi, come mai il Consiglio della magistratura e/o il procuratore generale Andrea Pagani non si sono mossi prima? Questi e altri gli interrogativi che la vicenda solleva e che necessitano di un chiarimento a trecentosessanta gradi da parte della commissione parlamentare, ovvero del Gran Consiglio, che è l'autorità chiamata a designare procuratori e giudici. 

Leggi anche:

Cinque pp bocciati dal Consiglio della magistratura

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved