sanita-e-cure-il-governo-fissa-il-concetto-di-interesse-pubblico
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
8 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
8 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
8 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
9 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
10 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
10 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
10 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
11 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
11 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
11 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
12 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
12 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
31.08.2020 - 15:28

Sanità e cure, il governo fissa il concetto di interesse pubblico

Il Consiglio di Stato presenta il messaggio sull'iniziativa 'Per la qualità e sicurezza delle cure ospedaliere' del 2017. De Rosa (Dss): 'Un tassello importante'

“Più qualità e sicurezza nelle cure ospedaliere”. Questo chiedeva un’iniziativa popolare legislativa elaborata lanciata nel 2017 e depositata forte di oltre 12mila firme. E questo vuole garantire il Consiglio di Stato con un messaggio governativo licenziato la settimana scorsa e presentato oggi alla stampa. Sostanzialmente, spiega il direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi, si tratta di «ancorare alla Legge cantonale di applicazione della legge federale sull’assicurazione malattie (Lcamal) il concetto di interesse pubblico e di ribadire la necessità che gli ospedali pubblici e privati ottemperino ai requisiti di qualità, appropriatezza delle cure e sicurezza». Detta breve: una consuetudine viene messa nero su bianco nella legge, «in questo modo come abbiamo scritto nell’apposito articolo di legge che gli istituti di interesse pubblico sono tenuti al rispetto dei requisiti alla base dell’attribuzione dei mandati».

I requisiti spiegati da Giorgio Merlani

Di quali requisiti si tratti lo illustra il medico cantonale Giorgio Merlani, annotando come il punto di partenza per queste norme che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2021 è la formazione di una commissione di qualità e sicurezza «che sarà composta da almeno dieci membri». Vale a dire il medico cantonale stesso, assieme a un giurista del Dipartimento sanità e socialità, quattro medici (due del settore pubblico e due del privato) due direttori amministrativi (uno del pubblico e del privato), un esperto di qualità e sicurezza e un infermiere. A questo punto si andrà alla definizione dei requisiti vincolanti per il rilascio dell’autorizzazione, e quindi per diventare istituti di interesse pubblico, previsti dal regolamento sulla qualità e la sicurezza in applicazione della Legge sanitaria: «Concernono la struttura, quindi l’organizzazione, la situazione logistica, il numero delle persone formate e la qualità della formazione», annota Merlani. Ma anche il processo, «che riguarda le procedure operative, la compilazione della cartella clinica, o situazioni come ad esempio il time-out in sala operatoria. Il tutto per avere ovunque le stesse regole». E, infine, l’esito. Nel senso che, rileva il medico cantonale, «conta ovviamente anche il risultato finale delle cure, la soddisfazione del paziente».

Si tratta, fondamentalmente, di recepire quanto previsto dal Cantone di Zurigo e ormai recepito da moltissimi cantoni. E perché oggi? «Per far compiere un salto di qualità alle cure ospedaliere» afferma il direttore del Dss Raffaele De Rosa. Un settore che «ricopre un’importanza centrale e non può lasciare indifferente nessuno, poiché riguarda non solo gli addetti ai lavori ma tutti noi». Ed è forte la soddisfazione di De Rosa nel comunicare che «il dialogo con gli iniziativisti è stato fruttuoso, al punto che davanti alle conclusioni del nostro messaggio governativo è stato detto che se il Gran Consiglio darà luce verde ritireranno l’iniziativa».

Il primo firmatario Brenno Balestra: 'Importante il concetto di appropriatezza'

Il dottor Brenno Balestra, primo firmatario del testo, ricorda che «le motivazioni principali che hanno spinto un gruppo di professionisti della salute a raccogliere le firme senza l’egida dei partiti erano il fissare il concetto di interesse pubblico, anche per superare una dicotomia tra pubblico e privato che nei fatti non c’è più e di conseguenza occorrono requisiti uguali, e promuovere i concetti di qualità e sicurezza». Perché, riprende Balestra, «in un caso su dieci si incappa in un incidente in corsia, con scambi o dosaggi di medicamenti o eventi avversi come cadute o infezioni contratte in ospedale». Criticità che «nel 50 per cento dei casi sarebbero potenzialmente evitabili se si lavorasse ancor di più sulla sicurezza».

Ma detto di questi elementi chiesti e che, sebbene già presenti sono stati ‘ufficializzati’, a Balestra preme ricordare anche quello che risponde all’appropriatezza: «Vengono svolti troppi esami di laboratorio, troppe tac, risonanze, terapie. I cittadino medio usa troppi farmaci, i parti cesarei sono ancora tanti». Insomma, per il primo firmatario dell’iniziativa «si stima che il 20-30 per cento dei costi sono portati da prestazioni futili”. Da qui l’invito rivolto ai cittadini, ma soprattutto ai medici, “di usare più appropriatezza perché c’è molto spazio di miglioramento».

Adesso, conclude De Rosa, «la palla è nel campo del Gran Consiglio. La pandemia ha duramente colpito il Ticino, ma lo ha reso anche più sicuro sulla solidarietà e sull’importanza di avere un sistema sanitario efficiente e all’avanguardia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved