quasi-mille-insegnanti-alla-scoperta-delle-buone-pratiche
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 min

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino a nuovo avviso il traffico ferroviario da e per il Ticino sulla linea ad alta velocità. Convoglio dirottati su quella vecchia
Luganese
2 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
2 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
2 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Locarnese
8 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
12 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
12 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
12 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
12 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
12 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
21.08.2020 - 16:59
Aggiornamento: 17:14

Quasi mille insegnanti 'alla scoperta delle buone pratiche'

A Bellinzona e Mendrisio i docenti della scuola dell'obbligo scoprono i percorsi didattici più innovativi dei loro colleghi.

Stavolta sui banchi si sono seduti gli insegnanti. L’occasione è stata la quinta edizione dell’atelier annuale ‘Alla scoperta delle buone pratiche’, una presentazione di percorsi didattici particolarmente efficaci svolti nella scuola dell’obbligo. Ieri alla Commercio e al Liceo di Bellinzona, oggi a quello di Mendrisio, 900 docenti hanno potuto prendere spunto dall’inventiva dei loro colleghi, scoprendo una cinquantina di proposte: da come insegnare la civica alle medie simulando il lancio di un’iniziativa a come spiegare l’handicap, dal corso sulle escape room a quello su ‘Suoni e rumori in un castello’. «Ci sono percorsi per tutti i gusti che ci vengono segnalati da esperti, direttori, ispettori comunali e dal Dipartimento formazione e apprendimento», spiega Serena Ragazzi, collaboratrice scientifica della Divisione della scuola. L’iniziativa appare gradita: negli anni scorsi si arrivava fino a 1'500 partecipanti; se quest’anno il numero è sceso, è solo perché l’obbligo delle distanze locali ha costretto gli organizzatori ad accettare al massimo 12 persone per atelier.

«Si tratta di occasioni preziose di scambio e confronto», nota Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport. Allo scambio si affianca l’esigenza della formazione continua, «un elemento centrale nel percorso di qualsiasi professionista». A forza di formazione e corsi, però, gli insegnanti non rischiano di ritrovarsi con poco tempo per preparare le lezioni e seguire i loro alunni? «La formazione continua può risultare più o meno interessante a seconda della sensibilità di ciascuno, e ci preoccupiamo di migliorarla sulla scorta dei riscontri che riceviamo dai docenti», precisa Bertoli. «Ci sono però comunque alcuni aspetti che devono essere oggetto di formazione, anche se magari non piacciono a tutti: ad esempio l’informatica e le nuove tecnologie». A chi teme che la formazione sulla didattica rubi spazio a quella culturale, Bertoli chiede di superare certe dicotomie: «La didattica è un elemento professionale determinante per la formazione di un insegnante. La cultura dipende piuttosto dalla formazione di base e dall’autoaggiornamento, fermo restando il fatto che la partecipazione a proposte culturali è da noi riconosciuta come elemento valido e importante della formazione».

Poi certo, il coronavirus s’è mezzo in mezzo anche qui. Di necessità virtù: «Per il prossimo anno potremo probabilmente prendere in considerazione nuove esperienze sperimentate al momento dell’insegnamento a distanza», suggerisce Ragazzi. Bertoli aggiunge: «La pandemia ci ha insegnato ad affrontare la formazione a distanza, ad esempio tramite webinar, seminari digitali riguardanti le questioni più tecnologiche. L’auspicio però è che certi strumenti e modi d’insegnare e di formarsi restino al massimo uno strumento integrato alla scuola in presenza, perché l’assenza di contatto diretto tra docenti e allievi impoverisce la scuola». D’altronde, ormai è deciso: quest’anno si riparte in presenza. «I segnali sono buoni», dice Bertoli, gli scambi tra il Dipartimento e i vari istituti testimoniano di una scuola che si sta preparando bene. Ci sono dettagli ancora da affrontare e la prossima settimana manderemo gli ultimi aggiornamenti per i piani di protezione, poi naturalmente tutto dipenderà anche dall’andamento della pandemia»; intanto però si va verso «un’apertura ordinaria, sia pure con un po’ di straordinarietà».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved