fiscalita-dei-frontalieri-per-il-plr-l-accordo-e-da-disdire
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
15 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
21 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
21 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
22.08.2020 - 06:00

Fiscalità dei frontalieri, per il Plr l’accordo è da disdire

Alessandro Speziali, vice capogruppo in Gran Consiglio: 'Il Ticino tuteli i propri interessi nei confronti dell'Italia?

«Il Ticino non può essere lasciato nuovamente solo a pagare il conto». Sulla eventuale disdetta dell’Accordo sui frontalieri con l’Italia si leva forte la voce del Plr, con il deputato Alessandro Speziali che, a colloquio con ‘laRegione’, non usa mezzi termini: «Dobbiamo tornare a domandare con decisione che il Consiglio di Stato chieda al Consiglio federale un termine ultimo per concludere i negoziati. Dopodiché - prosegue Speziali - le soluzioni che richiederemo alla Deputazione ticinese alle Camere non possono che essere due: la disdetta unilaterale dell’accordo oppure una compensazione finanziaria da parte della Confederazione a favore del Cantone Ticino».

Il tema è tornato di stretta attualità nelle scorse settimane, dopo che l’Università di Lucerna ha consegnato uno studio commissionato dal Consiglio di Stato ticinese - «su proposta del Plr», ricorda Speziali - al fine di determinare se un'eventuale disdetta unilaterale dell'accordo sui frontalieri sia o meno collegata alla convenzione sulla doppia imposizione con l’Italia. Ebbene, «nelle conclusioni dello studio si spiega infatti che la possibilità di una disdetta unilaterale da parte svizzera esiste». E il vice capogruppo liberale radicale in Gran Consiglio avverte: «È giunta l'ora che il Ticino si attivi in modo da tutelare i propri interessi nei confronti di un governo italiano che si mostra evidentemente disinteressato ad aggiornare l’anacronistico accordo del 1974 parafato nel 2015 e rimasto lettera morta». Soprattutto perché, aggiunge, «quando i negoziati avanzano - se... avanzano - i continui ribaltoni di Governo a Roma riportano le pedine alla casella iniziale».

Non è la prima volta che il Plr ticinese si preoccupa del tema, anzi. Speziali tiene a ricordare che «nell’ormai lontana estate del 2014 il Plrt ha consegnato una petizione forte di oltre 10mila firme per chiedere la disdetta unilaterale dell'accordo sui frontalieri con l'Italia. L'allora Consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf - a nome del Consiglio federale - si era impegnata a concludere un'intesa entro metà 2015, spiegando che se i negoziati fossero falliti sarebbe stata pronta ad attuare misure unilaterali come la disdetta degli accordi settoriali con l'Italia». Da allora, si rammarica il deputato liberale radicale, «però nulla si è mosso, nonostante una mozione di Alex Farinelli nel febbraio 2019 in cui veniva rinnovata la richiesta di rompere gli indugi». Ora, conclude, «è tempo che il Consiglio federale - e in particolare il capo del Dipartimento federale delle finanze Ueli Maurer - si tolga i guanti bianchi dello status quo».

L’accordo in vigore

L’accordo a oggi in vigore prevede che i lavoratori transfrontalieri siano imponibili solamente nei Cantoni Ticino, Grigioni e Vallese. Cantoni che, ogni anno devono versare un importo pari al 38,8 per cento delle imposte trattenute ai frontalieri, ovvero i cosiddetti ristorni. Per quanto riguarda l’anno scorso, il 2019, il Ticino ha versato quasi 90 milioni di franchi all'Italia. Si tratta di una cifra molto elevata che però il Cantone ha deciso di versare «per favorire una pronta risoluzione dell’annosa questione», si legge in un comunicato dello scorso 24 giugno del Consiglio di Stato ticinese. Ciò è stato fatto tenendo conto «della lettera trasmessa dal consigliere federale Ueli Maurer al governo cantonale il 19 giugno scorso, nella quale evoca la volontà di ambo le parti di riattivare i contatti – interrotti a causa della pandemia – così da poter giungere finalmente alla conclusione del nuovo accordo». Proprio lo stesso Maurer sollecitato anche dal Plr cantonale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved