ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
il-covid-ferma-i-grandi-carnevali-in-ticino-nel-2021
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 ora

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
11 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
12 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
12 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
12 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
13 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
13 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
13 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
13 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
13 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
14 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
14 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
14 ore

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Ticino
18.08.2020 - 17:510
Aggiornamento : 21:04

Il Covid ferma i grandi carnevali in Ticino nel 2021

Rabadan, Or Penagin, Naregna, Nebiopoli hanno condiviso la decisione in un incontro col presidente del governo Norman Gobbi. Lingera pronto ad allinearsi

Sarà un 2021 senza grandi carnevali in Ticino. Bellinzona, Chiasso, Tesserete e Biasca hanno infatti deciso di non prevedere la prossima edizione a causa delle incertezze dovute al coronavirus. Lo hanno comunicato oggi al presidente del consiglio di Stato Norman Gobbi durante un incontro svoltasi a Bellinzona. Roveredo ha dichiarato di volersi allineare «in linea di massima», previo consulto con il governo grigionese e il comune. Formalmente, tuttavia, si attenderà inizio settembre, quando – viste le direttive sulle grandi manifestazioni in arrivo dalla Confederazione, il Cantone dovrebbe prendere una decisione definitiva riguardo a tutti i carnevali, compresi quelli più piccoli.

Chiasso

«Per noi l'annullamento non è un problema – ci spiega il presidente di Nebiopoli Alessandro Gazzani, raggiunto al termine della riunione con Gobbi –. Abbiamo una serie di costi fissi a cui fare fronte, come l'affitto dei magazzini e la varie assicurazioni, faremo le nostre valutazioni ed elaboreremo una strategia per il futuro». Anche se, allo stato attuale, «è difficile parlare di futuro». La notizia positiva arriva dal fatto che, grazie al successo dell'edizione di quest'anno, Nebiopoli «ha accumulato un fondo cassa». Non è da escludere che, nel corso della prossima estate e sempre che le condizioni sanitarie lo permetteranno, Nebiopoli si faccia promotore di eventi a Chiasso.

Tesserete

«Sarebbe impossibile tenere le manifestazioni rispettando tutte le norme – rileva Livio Mazzucchelli, presidente del comitato del Carnevale Or Penagin di Tesserete –. Bisogna essere realisti. Inoltre, dovevamo informare i gruppi dei carri e delle bande per i cortei, perché fra poco avrebbero dovuto iniziare la preparazione. Non dimentichiamo che anche loro hanno dei costi, non solo noi. I tempi sembrano lunghi ma sono sempre stretti. Avevano iniziato a chiederci se si fa o no. È una decisione forte ma coscienziosa».

La decisione, aggiunge Mazzucchelli, è maturata a inizio luglio: «Ne abbiamo parlato con gli altri grandi Carnevali (Bellinzona, Chiasso, Biasca e Roveredo) e siamo tutti arrivati alla stessa conclusione. Oggi noi quattro ticinesi abbiamo ufficialmente comunicato la decisione di non fare le manifestazioni a Gobbi e Lingera si adeguerà».

Bellinzona

Secondo Flavio Petraglio, presidente della società Rabadan, si resta comunque «in attesa delle indicazioni a livello federale delle misure relative ai grandi eventi che dovrebbero arrivare a inizio settembre. Solo allora ci saranno gli elementi per capire cosa ha senso fare. Se come ci si aspetta le indicazioni sono molto restrittive, a quel punto verrà presa la decisione definitiva di non svolgere le manifestazioni.  Allo stato attuale è molto difficile che si potrà fare, non ci aspettiamo che le misure ci permetteranno di organizzare il Rabadan come abbiamo sempre fatto. Come organizzatori l'obiettivo è di riuscire a organizzare la manifestazione ma poi subentra anche il senso di responsabilità. Pensiamoci bene e facciamo molta attenzione e ponderiamo bene i rischi».

 Biasca

«Abbiamo deciso di evitare di contribuire ulteriormente alla propagazione del virus», sottolinea il presidente della società del Carnevale di Biasca Gabriele Cirio. Proprio nel borgo rivierasco l'edizione 2019 aveva subito una battuta d'arresto dopo la prima sera dei bagordi. «Era già stata dura l'anno scorso. Ora pensare di mettere in moto la macchina organizzativa e poi rischiare di vanificare tutto all'ultimo momento non sarebbe sostenibile per il secondo anno di fila», aggiunge. Al di là dell'aspetto finanziario, a prevalere è però quello preventivo. «La salute prima di tutto», aggiunge. Nella difficoltà del momento, la collaborazione tra i cinque carnevali più importanti della Svizzera italiana si è consolidata. «Vogliamo dare un bel segnale di compattezza», spiega Cirio. L'auspicio del presidente è che l'anno sabbatico sia solo quello del 2021 e Biasca possa tornare a festeggiare nel 2022 per la 120esima edizione.

Roveredo

«In linea di massima ci adatteremo alle decisioni dei carnevali e del Consiglio di Stato ticinesi. Ma prima vogliamo interpellare il governo grigionese, il Comune e indire una riunione di comitato per affrontare ufficialmente il tema», rileva il presidente del Carnevale Lingera di Roveredo Simone Giudicetti.

Gobbi: 'Grande senso di responsabilità degli organizzatori'

«Gli organizzatori hanno dimostrato un grande senso di responsabilità», commenta da noi interpellato Norman Gobbi, aggiungendo che a pesare sono sì le incertezze legate al coronavirus e alle limitazioni che potrebbero essere ancora in vigore tra gennaio e febbraio, ma anche il rischio finanziario: avviare una macchina organizzativa, con i relativi costi e investimenti, per poi dover fermare tutto potrebbe portare gravi dissesti finanziari. «Inoltre attorno ai carnevali ruotano guggen, gruppi e carristi, anche loro con la necessità di doversi organizzare e che devono comunque sostenere dei costi».

Una decisione, aggiunge Gobbi, «che dispiace, perché i carnevali sono parte della nostra cultura e della nostra identità. È una grande rinuncia, ma responsabile». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved