Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
2
Davos
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
4
2. tempo
(0-1 : 1-3)
Lakers
4
Losanna
0
2. tempo
(2-0 : 2-0)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
il-covid-ferma-i-grandi-carnevali-in-ticino-nel-2021
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi

La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
5 ore

Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia

Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
7 ore

Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega

Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
15 ore

Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’

Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
15 ore

Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani

Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
15 ore

Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce

Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior

La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia

Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior

Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene

L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior

Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass

Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior

Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione

Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
Ticino
1 gior

Protezione dati, seminari sulla sicurezza

Li ha organizzati il Gruppo di lavoro strategico Cyber sicuro in vista dell’entrata in vigore della nuova legge federale
Bellinzonese
1 gior

‘Parlare di un’attività svolta al meglio sembra un po’ fuori luogo’

Sacha Gobbi e Brenno Martignoni Polti non risparmiano critiche nel rapporto di minoranza sul consuntivo 2020 dell’Ente autonomo Bellinzona Teatro
Locarnese
1 gior

Avegno, assemblea Associazione artigiani e mercato

Domenica 10 ottobre, invece, appuntamento con il Mercato autunnale ad Aurigeno
Ticino
1 gior

‘Custodia extrafamiliare dei figli, aumentare la deduzione’

A chiederlo è un’iniziativa parlamentare elaborata di Ermotti-Lepori (Ppd), riprendendo quanto bocciato a livello federale (ma con il sì ticinese) nel 2020
Ticino
1 gior

Frontalieri, in Italia il nuovo accordo presto in parlamento

Dopo l’incontro a Roma fra Guerra e Stoffel. Via libera anche dai sindacati
Ticino
18.08.2020 - 17:510
Aggiornamento : 21:04

Il Covid ferma i grandi carnevali in Ticino nel 2021

Rabadan, Or Penagin, Naregna, Nebiopoli hanno condiviso la decisione in un incontro col presidente del governo Norman Gobbi. Lingera pronto ad allinearsi

Sarà un 2021 senza grandi carnevali in Ticino. Bellinzona, Chiasso, Tesserete e Biasca hanno infatti deciso di non prevedere la prossima edizione a causa delle incertezze dovute al coronavirus. Lo hanno comunicato oggi al presidente del consiglio di Stato Norman Gobbi durante un incontro svoltasi a Bellinzona. Roveredo ha dichiarato di volersi allineare «in linea di massima», previo consulto con il governo grigionese e il comune. Formalmente, tuttavia, si attenderà inizio settembre, quando – viste le direttive sulle grandi manifestazioni in arrivo dalla Confederazione, il Cantone dovrebbe prendere una decisione definitiva riguardo a tutti i carnevali, compresi quelli più piccoli.

Chiasso

«Per noi l'annullamento non è un problema – ci spiega il presidente di Nebiopoli Alessandro Gazzani, raggiunto al termine della riunione con Gobbi –. Abbiamo una serie di costi fissi a cui fare fronte, come l'affitto dei magazzini e la varie assicurazioni, faremo le nostre valutazioni ed elaboreremo una strategia per il futuro». Anche se, allo stato attuale, «è difficile parlare di futuro». La notizia positiva arriva dal fatto che, grazie al successo dell'edizione di quest'anno, Nebiopoli «ha accumulato un fondo cassa». Non è da escludere che, nel corso della prossima estate e sempre che le condizioni sanitarie lo permetteranno, Nebiopoli si faccia promotore di eventi a Chiasso.

Tesserete

«Sarebbe impossibile tenere le manifestazioni rispettando tutte le norme – rileva Livio Mazzucchelli, presidente del comitato del Carnevale Or Penagin di Tesserete –. Bisogna essere realisti. Inoltre, dovevamo informare i gruppi dei carri e delle bande per i cortei, perché fra poco avrebbero dovuto iniziare la preparazione. Non dimentichiamo che anche loro hanno dei costi, non solo noi. I tempi sembrano lunghi ma sono sempre stretti. Avevano iniziato a chiederci se si fa o no. È una decisione forte ma coscienziosa».

La decisione, aggiunge Mazzucchelli, è maturata a inizio luglio: «Ne abbiamo parlato con gli altri grandi Carnevali (Bellinzona, Chiasso, Biasca e Roveredo) e siamo tutti arrivati alla stessa conclusione. Oggi noi quattro ticinesi abbiamo ufficialmente comunicato la decisione di non fare le manifestazioni a Gobbi e Lingera si adeguerà».

Bellinzona

Secondo Flavio Petraglio, presidente della società Rabadan, si resta comunque «in attesa delle indicazioni a livello federale delle misure relative ai grandi eventi che dovrebbero arrivare a inizio settembre. Solo allora ci saranno gli elementi per capire cosa ha senso fare. Se come ci si aspetta le indicazioni sono molto restrittive, a quel punto verrà presa la decisione definitiva di non svolgere le manifestazioni.  Allo stato attuale è molto difficile che si potrà fare, non ci aspettiamo che le misure ci permetteranno di organizzare il Rabadan come abbiamo sempre fatto. Come organizzatori l'obiettivo è di riuscire a organizzare la manifestazione ma poi subentra anche il senso di responsabilità. Pensiamoci bene e facciamo molta attenzione e ponderiamo bene i rischi».

 Biasca

«Abbiamo deciso di evitare di contribuire ulteriormente alla propagazione del virus», sottolinea il presidente della società del Carnevale di Biasca Gabriele Cirio. Proprio nel borgo rivierasco l'edizione 2019 aveva subito una battuta d'arresto dopo la prima sera dei bagordi. «Era già stata dura l'anno scorso. Ora pensare di mettere in moto la macchina organizzativa e poi rischiare di vanificare tutto all'ultimo momento non sarebbe sostenibile per il secondo anno di fila», aggiunge. Al di là dell'aspetto finanziario, a prevalere è però quello preventivo. «La salute prima di tutto», aggiunge. Nella difficoltà del momento, la collaborazione tra i cinque carnevali più importanti della Svizzera italiana si è consolidata. «Vogliamo dare un bel segnale di compattezza», spiega Cirio. L'auspicio del presidente è che l'anno sabbatico sia solo quello del 2021 e Biasca possa tornare a festeggiare nel 2022 per la 120esima edizione.

Roveredo

«In linea di massima ci adatteremo alle decisioni dei carnevali e del Consiglio di Stato ticinesi. Ma prima vogliamo interpellare il governo grigionese, il Comune e indire una riunione di comitato per affrontare ufficialmente il tema», rileva il presidente del Carnevale Lingera di Roveredo Simone Giudicetti.

Gobbi: 'Grande senso di responsabilità degli organizzatori'

«Gli organizzatori hanno dimostrato un grande senso di responsabilità», commenta da noi interpellato Norman Gobbi, aggiungendo che a pesare sono sì le incertezze legate al coronavirus e alle limitazioni che potrebbero essere ancora in vigore tra gennaio e febbraio, ma anche il rischio finanziario: avviare una macchina organizzativa, con i relativi costi e investimenti, per poi dover fermare tutto potrebbe portare gravi dissesti finanziari. «Inoltre attorno ai carnevali ruotano guggen, gruppi e carristi, anche loro con la necessità di doversi organizzare e che devono comunque sostenere dei costi».

Una decisione, aggiunge Gobbi, «che dispiace, perché i carnevali sono parte della nostra cultura e della nostra identità. È una grande rinuncia, ma responsabile». 

© Regiopress, All rights reserved