cosimo-lo-svizzero-non-sono-un-mafioso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
11 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
14 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
1 gior

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
17.08.2020 - 20:16
Aggiornamento : 22:04

Cosimo lo svizzero: non sono un mafioso

Il 63enne al termine dell'udienza lampo del processo bis al Tribunale penale federale: 'Non faccio parte di nessuna associazione, neppure religiosa o politica'

Prima di dichiarare chiusa l’udienza, il giudice gli ha concesso l’ultima parola. «Sono innocente, non faccio parte di nessuna associazione, neppure religiosa o politica. Le armi che mi erano state trovate in casa non le ho mai portate in giro. Erano per il poligono. La prego di mettersi una mano sul cuore: non per me, ma per la mia famiglia», ha detto ’Cosimo lo svizzero’ rivolgendosi al presidente della Corte Roy Garré (a latere Fiorenza Bergomi e Miriam Forni). A ricondurre stamattina nella sede di Bellinzona del Tribunale penale federale (Tpf) il 63enne di origini calabresi, domiciliato nel canton Berna, è stata una sentenza emessa in gennaio da Mon Repos. Sentenza con la quale il Tribunale federale (Tf) ha accolto parzialmente il ricorso dell’imputato contro il verdetto, pronunciato nel novembre del 2018 dal Tpf, che lo ha condannato a tre anni e otto mesi per partecipazione e sostegno a un’organizzazione criminale - nella fattispecie cellule della ’ndrangheta attive in Lombardia - ricettazione e ripetuta infrazione alla legge federale sulle armi. Solo su un punto Losanna gli ha dato ragione: quello riguardante la qualificazione giuridica del “cavetto metallico con due anelli alle estremità", rinvenuto a suo tempo dagli inquirenti nell’abitazione di ’Cosimo lo svizzero’. L’oggetto, scrive Mon Repos nella decisione di gennaio, "è liberamente acquistabile attraverso il sito internet indicato dal ricorrente, come anche presso altri siti specializzati in articoli da campeggio. Si tratta di una sega (tascabile) e con ciò di un comune utensile, che non è destinato né in via principale né in modo preponderante a ferire delle persone, bensì a tagliare legno o altri materiali (...)". Per il Tf, insomma, il cavetto metallico in questione non è da considerarsi un’arma ai sensi della legge federale. Di qui il rinvio dell’incarto al Tribunale penale federale “per un nuovo giudizio”.

L’accusa: pena da confermare
La difesa: va prosciolto

Oggi dunque il processo bis. Ai giudici della Corte penale del Tpf il procuratore federale Sergio Mastroianni ha chiesto la conferma della pena detentiva inflitta a ’Cosimo lo svizzero’ nel 2018: tre anni e otto mesi. Il Tribunale federale, ha aggiunto durante la requisitoria il rappresentante della pubblica accusa, ha ritenuto sì fondato il ricorso concernente la qualificazione giuridica del cavetto metallico, ma «ha giudicato prive di fondamento tutte le altre censure sollevate dalla difesa, respingendo per il resto il ricorso». E in primo grado l’imputato è stato riconosciuto colpevole di reati «comunque gravi», come l’organizzazione criminale, previsto dall’articolo 260ter del Codice penale. Secondo Mastroianni, quindi, «non si giustifica» una riduzione della pena irrogata nel 2018. Il Tf, ha obiettato l’avvocato Costantino Testa, difensore del 63enne ed estensore del ricorso a Mon Repos, «su alcune nostre censure non si è proprio espresso». I giudici di Losanna, ha ancora asserito Testa (in aula anche l’altro legale dell’imputato, l’avvocato Nadir Guglielmoni), avrebbero «annullato in toto» il verdetto di primo grado: una sentenza, quella di Losanna, «cassatoria con rinvio». E ciò, per la difesa, riaprirebbe il discorso sugli illeciti per i quali ’Cosimo lo svizzero’ è stato condannato nel processo del 2018 al Tribunale penale federale. Testa ha così nuovamente sollecitato l’assoluzione del proprio assistito da (quasi) tutti i reati. A cominciare dal reato di organizzazione criminale, perché, stando sempre al legale, il 63enne non sarebbe stato e non sarebbe un membro della ’ndrangheta, non avrebbe partecipato ad alcun rito di affiliazione, non avrebbe assoldato mafiosi per la sorveglianza di una coltivazione di canapa e non avrebbe procurato a ’locali’ del nord Italia né droga né armi. Il difensore aveva chiesto l’assunzione di prove (audizioni) a sostegno delle tesi poi esposte in sede di arringa. Istanza tuttavia bocciata dalla Corte. Per la detenzione abusiva di pistole e munizioni da parte dell'imputato, circostanza questa non contestata, il legale ha proposto una pena pecuniaria, sospesa condizionalmente, e una multa.

Un’udienza lampo quella tenutasi stamane al Tpf di Bellinzona, dove a quasi due anni dal primo processo si è rimaterializzato ’Cosimo lo svizzero’. «In questi due anni ho semplicemente lavorato», ha affermato, rispondendo al presidente della Corte, il 63enne che nel canton Berna è professionalmente attivo in un ristorante di cui è «locatario» il figlio. Dal 2018 l’estratto del casellario giudiziale non contempla nuove macchie. La sentenza del processo bis, ha comunicato il giudice Garré, verrà pronunciata a fine mese.

La vicenda giudiziaria del 63enne potrebbe però non concludersi con il verdetto atteso per il 31: se non lo accetteranno, le parti avranno la possibilità di impugnarlo davanti alla Corte d’appello del Tpf.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved