case-anziani-e-coronavirus-l-mps-interroga-il-governo
Tampone per tutti in casa anziani? (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
3 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
3 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
10 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
12 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
12 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
13 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
16.08.2020 - 18:090

Case anziani e coronavirus, l'Mps interroga il governo

Stando a tre deputati il medico cantonale 'latita', visto che sono state le case anziani stesse a proporre misure nel caso di un'eventuale seconda ondata

a cura de laRegione

“Corrisponde al vero che le case anziani hanno allestito un documento sulle possibili misure preventive da adottare alfine di evitare una seconda strage di anziani?”. “Il Consiglio di Stato farà in modo che una delle indicazioni contenute nel documento, ossia sottoporre tutto il personale, a scadenza regolare, al test venga resa obbligatoria al più presto?”. Sono solo due delle domande sollevate dai granconisglieri dell'Mps Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori in un interpellanza trasmessa al governo ticinese. Stando ai deputati “ancora una volta il medico cantonale non fa il suo mestiere”.

L'atto parlamentare prende spunto da un articolo pubblicato oggi sul 'Caffé': secondo il domenicale, sul tavolo del medico cantonale Giorgio Merlani “dovrebbe già trovarsi” un documento che – fra altre misure volte a “non farsi trovare nuovamente impreparati in vista di una seconda ondata di Covid-19 – prevede un “tampone per tutti” (ospiti e personale) nel caso in cui emergano nuovi contagi nelle case anziani. Si tratta di un documento “frutto del lavoro di équipe tra Adicasi, l’associazione dei direttori delle case per anziani, alcuni medici, esperti, e anche dirigenti di istituti sanitari”. E questo “in attesa che dal Cantone arrivino indicazioni più precise o nuove misure di contenimento”.

Ciò sarebbe un segnale “che, ancora una volta, il dottor Merlani latita”, affermano nell'interpellanza i deputati dell'Mps, precisando che la richiesta di “sottoporre a tappeto al tampone tutti i collaboratori ed i residenti delle case anziani” era già stata avanzata dal Movimento per il socialismo “durante la prima ondata ma sempre ostacolata dal medico cantonale”.

Oltre alle domande già menzionate, i granconsiglieri chiedono all'esecutivo cantonale “per quale ragione non sono state le autorità cantonali, responsabili della salute pubblica, a farsi promotrici di un simile documento”. Al Consiglio di Stato domandano inoltre se il documento è effettivamente “già stato consegnato alle autorità cantonali” e se intende renderlo pubblico “quanto prima”. Infine, i granconsiglieri chiedono se l'obbligo del test a tappeto “verrà esteso anche al personale occupato nei servizio di aiuto domiciliare”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved