il-ticino-torna-finalmente-a-scuola-ma-non-basta
Fra poco sarà ora di tirare giù i banchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
22 min

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
Mendrisiotto
22 min

Mendrisio, il Palio lancia l’appello: ‘mancano asinelli’

Quest’anno la manifestazione compie 40 anni ma ‘non si trovano esemplari con le caratteristiche giuste per partecipare’. A settembre un evento speciale
Mendrisiotto
3 ore

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
3 ore

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
10 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
11 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
12 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
12 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
10.08.2020 - 15:240

'Il Ticino torna finalmente a scuola, ma non basta'

Secondo il Sisa il ritorno della scuola in presenza è positiva, ma ci sono ancora importanti lacune da colmare: mascherine gratis e corsi di recupero pubblici

a cura de laRegione

 

Bene che si torna a scuola, ma ci sono "alcune importanti lacune sulle quali è opportuno riportare l’attenzione". Il Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (Sisa) si dice "relativamente soddisfatto" dall'odierna decisione del Consiglio di Stato per quanto concerne l'avvio dell'anno scolastico 2020/21. Tuttavia, ritiene il sindacato, nei piani illustrati oggi a Bellinzona mancano alcune misure di tipo finanziario e scolastico. "Constatiamo come il Decs – scrive il Sisa in una nota –, pur non escludendo l’obbligo della mascherina per alcuni istituti e alcune classi delle scuole post-obbligatorie, non abbia ancora previsto la distribuzione gratuita di mascherine agli studenti che fossero costretti a indossarla o che volessero farlo per la propria sicurezza. Considerando l’impatto di una tale spesa sull’arco di un semestre (o di un intero anno scolastico), riteniamo cruciale che lo Stato garantisca la tutela della salute degli studenti, dei docenti e dei loro familiari distribuendo gratuitamente delle mascherine riutilizzabili a tutti coloro che ne avessero bisogno".

La seconda rivendicazione del sindacato degli studenti riguarda la mancata programmazione di ulteriori forme di sostegno scolastico per gli studenti in difficoltà: "Oltre agli sconti sui corsi di recupero estivi (peraltro subappaltati ad associazioni private e non garantiti su tutto il territorio), non sono infatti state previste particolari misure di accompagnamento durante l’anno scolastico per colmare le eventuali lacune formative dovute al periodo di scuola a distanza". La richiesta del Sisa al Dipartimento è quella di prevedere l'introduzione di corsi di recupero e doposcuola "pubblici, gratuiti e di qualità in tutti gli ordini scolastici per tutta la durata del prossimo anno scolastico: lo Stato deve garantire agli istituti i mezzi finanziari per realizzarli e vigilare affinché tutta la rete scolastica garantisca tali servizi senza disparità territoriali".

Inoltre secondo il Sisa gli strumenti di selezione attualmente in vigore nelle scuole post-obbligatorie andrebbero inoltre nuovamente alleggeriti, "onde evitare che 'l’onda lunga' della scuola a distanza accentui ulteriormente le disparità sociali fra gli allievi".

Per il sindacato degli studenti ciò che la pandemia ha messo in evidenza sono "le varie fragilità della scuola ticinese, confrontata con spazi e risorse insufficienti ad adempiere compiutamente alla propria funzione. Una riduzione del numero di allievi per classe, un ammodernamento dell’infrastruttura scolastica, l’introduzione strutturale di misure di sostegno scolastico come corsi di recupero e doposcuola, benché osteggiate nel recente passato poiché 'troppo costose' si rivelano oggi più che mai necessarie non solo per migliorare la qualità e la democraticità dell’insegnamento, ma anche per far fronte a una possibile recrudescenza della crisi sanitaria".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved