merlani-nuovi-positivi-quasi-la-meta-importati-dall-estero
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 min

Grande successo per la Triennale di Maroggia: prolungata

Spostata la data di chiusura ufficiale dal 5 novembre al 30 gennaio 2022 per la kermesse ‘Tra Strada e Street Art’
Locarnese
24 min

‘Il processo Zylla’, presentazione spostata al Dfa Supsi

Domani sera dalle 18.15 il libro dell’ex magistrato Luciano Giudici verrà illustrato nell’Aula magna del Dipartimento formazione e apprendimento a Locarno
Locarnese
34 min

Ad Ascona l’inaugurazione del Bicentenario Antonio Ciseri

Domani alle 18 al Museo Castello San Materno parte la mostra realizzata in collaborazione con l’associazione dedicata al grande artista
Ticino
35 min

Intervista a monsignor Chiappini: trasmissione contestata

L’Autorità indipendente in materia radiotelevisiva esaminerà un ricorso contro la puntata di ‘Millevoci’ sulla vicenda giudiziaria del religioso
Luganese
40 min

Si apre a Lugano la campagna per i contributi 2022

Per persone fisiche o giuridiche, ed enti che svolgono un’attività sociale, educativa, ambientale, sportiva, culturale, ricreativa e turistica
Luganese
54 min

Finanze, Lugano vede sempre più rosso

Preventivo 2022: deficit d’esercizio di 24,2 milioni di franchi. Foletti: ‘Resto fiducioso ma faticheremmo a sopportare altri due anni di pandemia’
Locarnese
56 min

Loco e Intragna, i musei domenica chiudono

Stagione espositiva al termine per le due realtà etnografiche regionali
Mendrisiotto
57 min

I volti del nuovo Ufficio presidenziale del Plr di Mendrisio

Rinnovato il comitato del prossimo quadriennio: ‘Ci impegneremo sempre per la nostra cittadina, più bella, più coraggiosa e più trasparente’
Ticino
10.08.2020 - 14:570

Merlani: 'Nuovi positivi, quasi la metà importati dall'estero'

Coronavirus, il medico cantonale stila un bilancio del contact tracing: il 10/12% si contagia in famiglia, una piccola quota in feste private

«Quasi la metà dei nuovi casi testati positivi al coronavirus in Ticino sono di persone che rientrano da soggiorni all’estero». Sono «tendenze, impressioni». Perché «non è evidente poter classificare una persona in un contesto invece che un altro». Ma le parole del medico cantonale Giorgio Merlani, intervenuto durante la conferenza stampa sulle modalità di ripresa delle scuole, qualche punto fermo lo mettono. In particolar modo sull’incidenza dei casi importati «non solo da Paesi a rischio, ma anche da quelli vicini. Perché più si alzano la mobilità e i numeri, più si trovano situazioni come queste». Se i dati dell’Ufficio federale di sanità pubblica al centro delle numerose e non poche polemiche recenti attestano a poco più del 27% i casi di persone che si sono contagiate in famiglia, «in Ticino questa percentuale è tra il 10 e il 12%» rileva Merlani. Che aggiunge come «c’è una piccola quota di casi riscontrati dopo feste private e di casi importati da altri cantoni». Infine, «c’è un 20% di casi non chiari, buona parte ascrivibili a persone testate positive ma asintomatiche, che magari hanno presentato dei sintomi indietro nel tempo e quindi è difficile risalire alla causa».

Una situazione di 'relativa stabilità'

Risalire alla causa, già. Il compito principale del contact tracing. Pratica che, riprende il medico cantonale, «funziona bene se ci sono pochi casi al giorno, se si può seguirli bene e seguire altrettanto bene i loro contatti stretti. Questo permette di contenere l’evoluzione e il cercare di capire da dove arriva il contagio». E finora ci si riesce «perché in Ticino dopo un giugno estremamente basso a livello di nuovi positivi c’è stato sì un luglio altalenante, ma comunque con cifre sotto i 10 nuovi casi positivi al giorno, spesso sotto i 5». Con questa situazione di «relativa stabilità» che «non mostra segni di una rapida ripartenza», il contact tracing è molto efficace. Ma «l’attenzione resta comunque alta, se i numeri aumentassero il tracciamento diventerebbe un problema».

Attualmente ci sono 13 persone in isolamento, mentre dall’11 maggio, giorno in cui è ripartito il contact tracing, gli isolati son stati 180, illustra il medico cantonale. Le persone oggi in quarantena sono 40, cui si deve sommare chi rientra dai Paesi a rischio. Dal 6 luglio, giorno di entrata in vigore dell’Ordinanza federale a riguardo, in Ticino si sono annunciate alle autorità 769 persone, e al momento in quarantena ci sono 271 persone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved