merlani-nuovi-positivi-quasi-la-meta-importati-dall-estero
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
9 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
13 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
15 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
16 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
17 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
10.08.2020 - 14:57

Merlani: 'Nuovi positivi, quasi la metà importati dall'estero'

Coronavirus, il medico cantonale stila un bilancio del contact tracing: il 10/12% si contagia in famiglia, una piccola quota in feste private

«Quasi la metà dei nuovi casi testati positivi al coronavirus in Ticino sono di persone che rientrano da soggiorni all’estero». Sono «tendenze, impressioni». Perché «non è evidente poter classificare una persona in un contesto invece che un altro». Ma le parole del medico cantonale Giorgio Merlani, intervenuto durante la conferenza stampa sulle modalità di ripresa delle scuole, qualche punto fermo lo mettono. In particolar modo sull’incidenza dei casi importati «non solo da Paesi a rischio, ma anche da quelli vicini. Perché più si alzano la mobilità e i numeri, più si trovano situazioni come queste». Se i dati dell’Ufficio federale di sanità pubblica al centro delle numerose e non poche polemiche recenti attestano a poco più del 27% i casi di persone che si sono contagiate in famiglia, «in Ticino questa percentuale è tra il 10 e il 12%» rileva Merlani. Che aggiunge come «c’è una piccola quota di casi riscontrati dopo feste private e di casi importati da altri cantoni». Infine, «c’è un 20% di casi non chiari, buona parte ascrivibili a persone testate positive ma asintomatiche, che magari hanno presentato dei sintomi indietro nel tempo e quindi è difficile risalire alla causa».

Una situazione di 'relativa stabilità'

Risalire alla causa, già. Il compito principale del contact tracing. Pratica che, riprende il medico cantonale, «funziona bene se ci sono pochi casi al giorno, se si può seguirli bene e seguire altrettanto bene i loro contatti stretti. Questo permette di contenere l’evoluzione e il cercare di capire da dove arriva il contagio». E finora ci si riesce «perché in Ticino dopo un giugno estremamente basso a livello di nuovi positivi c’è stato sì un luglio altalenante, ma comunque con cifre sotto i 10 nuovi casi positivi al giorno, spesso sotto i 5». Con questa situazione di «relativa stabilità» che «non mostra segni di una rapida ripartenza», il contact tracing è molto efficace. Ma «l’attenzione resta comunque alta, se i numeri aumentassero il tracciamento diventerebbe un problema».

Attualmente ci sono 13 persone in isolamento, mentre dall’11 maggio, giorno in cui è ripartito il contact tracing, gli isolati son stati 180, illustra il medico cantonale. Le persone oggi in quarantena sono 40, cui si deve sommare chi rientra dai Paesi a rischio. Dal 6 luglio, giorno di entrata in vigore dell’Ordinanza federale a riguardo, in Ticino si sono annunciate alle autorità 769 persone, e al momento in quarantena ci sono 271 persone.

Leggi anche:

La scuola riparte in presenza

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved