il-governo-si-alla-via-bilaterale-ma-tenendo-conto-del-ticino
Il tema controverso della libera circolazione delle persone (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
33 min

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
3 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
4 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
4 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
4 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
4 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
4 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
4 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
5 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
5 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
5 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
5 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
6 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
26.06.2020 - 19:56

Il governo: sì alla via bilaterale, ma tenendo conto del Ticino

Rispondendo a un'interrogazione di Alessandro speziali (Plr), il Consiglio di Stato afferma che sono necessarie misure di accompagnamento efficaci

La via bilaterale è quella da percorrere, con l’obbiettivo però di ottenere da Berna misure di accompagnamento che tengano maggiormente conto delle peculiarità del Ticino. È questa in estrema sintesi la risposta del Consiglio di Stato a un’interrogazione sulla libera circolazione delle persone depositata lo scorso febbraio dal granconsigliere liberale radicale Alessandro Speziali. 

Il tema è di stretta attualità visto che il 27 settembre i cittadini saranno chiamati alle urne per decidere se abolire la libera circolazione delle persone, come chiede l'Udc. Un tema molto sentito e discusso, in particolare in Ticino. Lo dimostra ad esempio l’interrogazione con la quale Speziali ha chiesto al Consiglio di Stato come intende agire nel caso in cui l’iniziativa ‘Per un’immigrazione moderata’ venisse bocciata. Infatti, stando al deputato Plr, la Svizzera può “ancora concepire nuove misure di accompagnamento e ottimizzare l’applicazione di quelle esistenti”. E questo per mantenere “le condizioni di lavoro e salariali usuali, garantendo una concorrenza leale tra imprese”.

Differenze nella percezione della libera circolazione

Nella sua risposta il governo afferma innanzitutto che “la via bilaterale, se fiancheggiata da efficaci misure di accompagnamento, è la strategia da percorrere”. L’esecutivo ricorda poi che “opera costantemente proponendo o supportando dei miglioramenti del quadro normativo”. Speziali ha anche chiesto quali sono i margini di manovra del Cantone per concepire nuove misure di accompagnamento che vengano accolte a livello federale. Secondo il Consiglio di Stato i maggiori ostacoli in quest ambito “sono rappresentati dal differente impatto che la libera circolazione ha sul mercato del lavoro dei singoli Cantoni”. Inoltre, “delle misure percepite come eccessivamente restrittive che non tenessero conto delle differenti peculiarità regionali o cantonali, potrebbero incontrare grosse difficoltà nell’ottenere un consenso a livello federale”.

Il granconsigliere Plr ha anche chiesto se il governo sta monitorando le misure di protezione del mercato del lavoro di altri Paesi dell'Unione europea. Rispondendo affermativamente, l’esecutivo rimarca che attualmente per i circa due milioni di lavoratori distaccati attivi sul mercato Ue, vale “il principio dello stesso salario per la stessa attività lavorativa, analogo al principio cardine che regge l’impianto delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone”. Inoltre, ad esempio l’Austria prevede “incentivi nei confronti delle imprese che assumono lavoratori in disoccupazione”, mentre in sei regioni francesi su 13 è stato introdotto “l’obbligo dell’uso della lingua francese nei cantieri pubblici”. 

La clausola di salvaguardia 'bottom up' è ancora attuale

Per cercare di tener conto delle specificità del Ticino rispunta anche la clausola di salvaguardia ‘bottom up’, elaborata nel 2016 dall’ex Segretario di Stato Michael Ambühl su mandato del Ticino. Per il Consiglio di Stato tale proposta “è certamente ancora attuale nel suo spirito, ovvero quello di offrire la possibilità di attivare determinate misure a protezione del mercato del lavoro e della popolazione locale, in prima istanza solo a livello cantonale/regionale e solo in determinati casi anche a livello nazionale, se gli effetti negativi della libera circolazione superano determinati ‘livelli soglia’”. Un’eventuale nuova proposta in questo senso dovrà però tener conto “degli eventi che hanno caratterizzato l’Europa in questi anni”, come la Brexit o la crisi economica legata al coronavirus.

Infine, Speziali ha anche chiesto se non sia possibile proporre, nell’ambito della perequazione federale degli oneri, “una modifica dei parametri di calcolo maggiormente aderente alla realtà socioeconomica del singolo Cantone”. Il governo precisa che il Ticino “ha richiesto a più riprese una modifica del sistema perequativo”, ricordando che dal 2012 “l’imposizione dei redditi dei frontalieri è stata ridotta dal 100% iniziale, in vigore dal 2008, al 75%”. Tuttavia ulteriori modifiche (come “la possibilità di introdurre un indennizzo per i Cantoni di frontiera nell’ambito della compensazioni degli oneri sociodemografici”) finora non sono state prese in considerazione dall’autorità federale. Il Ticino continuerà però “a proporre modifiche che tengano maggiormente conto delle proprie specificità”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved