rinvio-galleria-di-base-del-ceneri-zali-siamo-molto-delusi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Chiasso-Brogeda, fermato un traffico di rifiuti speciali

Si tratta di un ingente quantitativo di apparecchiature elettriche ed elettroniche non conformi alla normativa europea e nazionale di transito
Mendrisiotto
20 min

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
36 min

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
51 min

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
1 ora

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
1 ora

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
2 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
2 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
2 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
2 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
3 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
3 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
3 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
Locarnese
3 ore

Corso di pesca con la Locarnese

Lezioni per ragazzi dai nove anni e per principianti
03.06.2020 - 18:27
Aggiornamento: 18:56

Rinvio galleria di base del Ceneri, Zali: 'Siamo molto delusi'

Il direttore del Dipartimento del territorio: 'Aspettavamo da anni, le ferrovie si sono perse in opere accessorie'. Replica delle Ffs: 'Ritardi dovuti al lockdown'

“Era da molti anni che aspettavamo questo momento. Alptransit, Covid o non Covid, completa la piramide mentre le ferrovie si perdono in opere accessorie, lo trovo molto deludente”. C’è molta amarezza nelle parole del direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali quando commenta da noi raggiunto la notizia che l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri, inizialmente prevista per il 13 dicembre, slitterà nella sua interezza al 5 aprile 2021. E con ciò sarà posticipato tutto il nuovo concetto di trasporto pubblico che nelle intenzioni creerà una ‘Città Ticino’. C’è delusione perché, riprende Zali, “eravamo rimasti alle rassicurazioni che ci ha dato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga quando è venuta in Ticino”. Ed era inizio maggio, un mese fa. Poi “la scorsa settimana, da contatti che ho avuto con le Ferrovie federali svizzere, ho appreso che ci sarebbero questi problemi per la fine dei lavori”.

Senza dimenticare che la galleria di base del Monte Ceneri si inserisce nell’ampio discorso dell’offerta di trasporto pubblico per il quadriennio 2020/2023, con un credito quadro di 461,4 milioni di franchi votato dal Gran Consiglio la scorsa settimana, il 26 maggio. E nella nota con cui il Dipartimento del territorio ha dato notizia di questo rinvio si legge di “un danno economico nell’ordine di milioni di franchi che sarà oggetto di future discussioni”. Discussioni che, sgombra il campo Zali, “non riguardano il credito quadro in sé, è stato votato dal parlamento e i soldi ci sono. La questione è che implicava, a partire dal momento dell’apertura del Ceneri, pensavamo quindi dal 13 dicembre di quest’anno, un potenziamento molto importante di tutta la catena di trasporto, per portare più persone in stazione in più orari a prendere i treni o ad accoglierla”.

Un lavoro complesso, riprende il direttore del Dt, “soprattutto per la catena di coincidenze creata: è inutile far muovere i bus se poi non c’è il treno che porta le persone. Sono state fatte assunzioni, potenziamenti, acquisti di mezzi per vedere, alla fine, mancare la spina dorsale di tutto il concetto”. Il nuovo collegamento sarà disponibile solo per una piccola parte dei convogli ferroviari, ma per Zali è una magra consolazione: “Innanzitutto dovremo vedere concretamente quale sarà l’offerta prevista subito dalla galleria di base, ma evidentemente dovremo ridimensionare il tutto rispetto a quello che intendevamo fare”. E il danno economico di questo slittamento “sarà sulle spalle del Cantone e dei Comuni che fanno girare un trasporto pubblico che, in questi mesi, fino ad aprile, non sarà quello che immaginavamo”.

Il tutto, mette a conclusione nero su bianco il Dt, “è difficilmente giustificabile. Così come la modalità di approccio in termini di comunicazione verso l’ente pubblico, posto di fronte ai fatti compiuti, è insoddisfacente”. Il lockdown dovuto alle misure prese dalla politica per combattere il coronavirus ha influito, ma “ci si sarebbe aspettati un certo margine di sicurezza, tanto più che Alptransit San Gottardo Sa (Atg) consegnerà l’opera a Ffs, come da programma, il 4 settembre 2020”.

Le Ffs: 'Ritardi dovuti al lockdown'

Come replicano le Ffs? I motivi dello slittamento “sono essenzialmente tre, ovviamente legati all’emergenza coronavirus e al lockdown che ne è conseguito”, spiega a ‘laRegione’ il portavoce Patrick Walser. In primo luogo “a metà marzo le autorità, non le Ffs, hanno deciso di chiudere i cantieri” che sono così rimasti inattivi “per circa tre-quattro settimane”. È quindi “evidente che ciò possa comportare ritardi. Ritardi che in realtà abbiamo su un solo cantiere importante”, ovvero quello che prevede il “raddoppio” dei binari tra Contone e Tenero.

Il secondo motivo - prosegue Walser - è che “il lockdown non ha permesso la formazione dei macchinisti che serviranno per il potenziamento del traffico regionale”. E questo in particolare a causa delle norme di igiene e di distanza sociale imposte dalle autorità per combattere la pandemia.  Infine, “il lockdown non ha permesso l’approvvigionamento dei nuovi treni Flirt (attualmente rappresentano la maggioranza dei convogli della flotta Tilo, ndr.) di cui avremo bisogno per il potenziamento del traffico regionale: ci sarà infatti un ritardo nella consegna e quindi non li avremo a disposizione in tempo per dicembre”. Insomma, “quella che abbiamo presentato e discusso con il Cantone in questi ultimi giorni è la soluzione migliore possibile in questo momento”.

Il Dt nel comunicato afferma che dal 13 dicembre il nuovo collegamento sarà disponibile solo per una piccola parte dei convogli ferroviari. Ciò significa quindi che alcuni treni percorreranno già la nuova galleria di base del Ceneri? Le Ffs si limitano ad affermare che stanno “elaborando un orario intermedio” per i mesi in questione, prevedendo “alcuni treni supplementari. I servizi oggi esistenti saranno comunque garantiti anche nel periodo transitorio”, conclude Walser.

Quadri (Lega): 'Qual è la posizione del Consiglio federale?'

Intanto la questione arriva anche sotto la cupola di Palazzo federale. Il consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri, infatti, appresa la notizia ha inoltrato un'interpellanza al governo nella quale chiede come viene valutato questo ritardo dell'apertura della galleria di base del Monte Ceneri, se ne fosse informato e se reputa, come dice il Dt, che tale ritardo sia dovuto a mancanze delle Ffs. Infine, il deputato chiede anche se sia "adeguato" che il Ticino non sia stato coinvolto nella decisione e come si posiziona il Consiglio federale "sulle probabili richieste di risarcimento in arrivo dal Ticino per le perdite milionarie causate dal posticipo della messa in esercizio della galleria di base del Ceneri".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved