laRegione
Nuovo abbonamento
coronavirus-ecco-il-pericoloso-mix-della-seconda-ondata
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Foto
Ticino
1 ora
Anche le chiamate ai pompieri presso la Centrale d'allarme
La Centrale comune d'allarme ospita il 118. Nei prossimi mesi anche il 144 (ambulanze) troverà casa a Bellinzona
Luganese
1 ora
Capriasca, azione dei dipendenti contro il Covid-19
Pandemia, una trentina di Comunali hanno versato 2'800 franchi alla Catena della solidarietà e 4'900 all'associazione Manishimwe
Locarnese
1 ora
Bavona, visita alla conca Robiei-Randinascia
Promossa dall'omonima Fondazione, l'uscita guidata alla scoperta della flora alpina si terrà venerdì prossimo
Locarnese
1 ora
Cevio, tiro obbligatorio
Lo promuove la Società tiratori Vallemaggia, domani, nel capoluogo distrettuale
Locarnese
2 ore
Bignasco, niente Festa della Patria
Il consueto appuntamento sul piazzale della Fart è stato annullato a causa delle disposizioni sanitarie
Locarnese
2 ore
Cinquant'anni per la cappella di Val Resa
Durante l'estate, ogni sabato alle 17 (ma solo in caso di bel tempo) verranno celebrate messe a Tendrasca
Locarnese
2 ore
L'Atm Band al Parco di Orselina
Mercoledì in musica nell'ambito degli eventi estivi gratuiti organizzati dalla Pro locale
Luganese
2 ore
Campione d'Italia, pensionati dal commissario prefettizio
Chiedono il pagamento dell'integrazione alla pensione, ma le casse comunali sono attualmente ancora inesorabilmente vuote
Locarnese
3 ore
Grandi eventi, il 'cementit' che Locarno aspettava
Piani particolareggiati di Città Vecchia e centro urbano, è arrivato il sostanziale via libera del Consiglio di Stato
Ticino
3 ore
Un contagio in più e zero decessi in Ticino
Coronavirus: dopo gli otto casi registrati nel weekend, durante le ultime 24 ore se n'è aggiunto uno
Bellinzonese
4 ore
Inaugurato a Carì il sentiero del montanaro
Il facile percorso per le famiglie parte dalla cassa degli impianti di risalita e richiede un'ora e mezza di cammino
Grigioni
4 ore
Le visiere in plastica 'non forniscono una protezione affidabile'
Lo sostiene il medico cantonale dei Grigioni, secondo cui trasmettono una sensazione illusoria di sicurezza
Bellinzonese
6 ore
La presidente della Confederazione visita Sobrio
Simonetta Sommaruga ha fatto tappa al Villaggio della Musica dove ha preso il via l'edizione 2020 del festival con repertorio pianistico e da camera
Ticino
30.05.2020 - 06:100

Coronavirus, ecco il pericoloso mix della seconda ondata

In Ticino è attesa in autunno. Il rischio è l'effetto combinato di malattie trascurate, influenza stagionale e nuovi casi Covid. Parla Paolo Ferrari (Eoc)

Dopo 48 giorni trascorsi in cure intense, ieri è stato trasferito in reparto l’ultimo paziente Covid intubato in Ticino (all'ospedale La Carità di Locarno; una persona resta in ventilazione alla clinica Moncucco di Lugano, ha riferito la Rsi). Ad altri è andata meno bene. Tre persone diabetiche sono state ricoverate in aprile con un’infezione a un piede, che poi ha dovuto essere amputato. Una di loro non ce l’ha fatta. Si fossero annunciate prima al loro medico o al pronto soccorso, forse il decorso sarebbe stato diverso. Forse. Sta di fatto che la pandemia ha avuto un risvolto non del tutto atteso: non poche persone, anche con malattie croniche, temendo di venir contagiate sono rimaste alla larga da studi medici e ospedali. Pagandola a caro prezzo. In un paese come la Svizzera, nel quale in tempi normali si tende piuttosto a consumare in eccesso farmaci e prestazioni mediche, l’emergenza coronavirus ha rivelato anche il pericolo della sottomedicalizzazione. Un fenomeno del quale s’incomincia appena a misurare portata, implicazioni e potenziale impatto a corto-medio termine.

Miscela di casi Covid e non-Covid

La cosa preoccupa. Perché in molti casi i problemi di salute trascurati (in Ticino sono calate le ammissioni in ospedale per emergenze come infarto e ictus) sono destinati a trascinarsi nel tempo. I pazienti riluttanti durante la fase acuta della pandemia potrebbero così andare a ingrossare le fila di coloro che in autunno - anche come vittime dell’influenza stagionale, da gestire ormai come casi Covid; o del coronavirus stesso, che resterà in agguato - busseranno alle porte di studi medici e servizi di pronto soccorso. Il pericolo che il sistema - a causa di una nuova ondata ’mista’, di casi Covid e non-Covid - si ritrovi tra pochi mesi di nuovo al bordo del collasso, è dietro l’angolo. Lo ha evocato ieri Paolo Ferrari, capo dell’Area medica dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc), durante un incontro con i media organizzato a Lugano dall’associazione di assicuratori malattia Curafutura.

Un'ondata mista

Se effettivamente tra ottobre e novembre una simile ondata si produrrà, “allora rischiamo veramente grosso”, ha detto Ferrari a ’laRegione’. Le strutture dell’Eoc ad ogni modo già si stanno preparando. A marzo hanno fatto acrobazie: servizi e reparti in vari ospedali sono stati chiusi, smontati e rimontati altrove. Dal profilo logistico, non si faranno cogliere impreparate. Ferrari: "Sarà più facile. Perché tutto quello che abbiamo costruito a Locarno (alla Carità, trasformato in ospedale Covid, ndr), lo abbiamo mantenuto. Reparti sono stati chiusi, ma possono essere riattivati in poco tempo. Letti, monitor, ventilatori ecc., tutte le attrezzature che servono insomma, ci sono. In caso di seconda ondata, non dovremo più andare a cercarle”.

La pandemia qualcosa ha insegnato. Che la ’prossimità’ è relativa, ad esempio. In Australia l’ospedale più ’prossimo’ è a 750 km, ha detto Ferrari mostrando un cartello stradale fotografato in quel paese, dove ha vissuto per 15 anni. Durante la pandemia "l’ostetricia a Mendrisio è stata chiusa. E i parti sono stati fatti a Lugano, con piena soddisfazione delle partorienti”. "Più ospedali - ha proseguito - non vuol dire per forza miglior qualità delle cure. Anzi. E il cittadino ha diritto alla qualità delle cure, non all’ospedale fuori dalla porta di casa”. Una qualità alla quale potrebbe giovare anche una più sistematica collaborazione pubblico/privato. Intanto quella "spontanea" tra Eoc e cliniche private sperimentata durante l’emergenza Covid è stata “molto positiva”.

Il nodo dell'assunzione dei costi

Musica del futuro, casomai. Il presente vede ancora assicuratori malattia, ospedali, Confederazione e cantoni alle prese col nodo dell’assunzione dei costi della crisi. Non sono noccioline: un giorno in cure intense costa in media 6mila franchi al giorno (27 giorni di degenza media); il ’tampone’ da 200 a 400 franchi (300-500 fino al 30 aprile), e in Svizzera fin qui ne sono stati fatti circa 400mila... Molte sono le “domande aperte” (come e quando si recupereranno le operazioni e gli interventi rimandati? Quali conseguenze avrà la sottomedicalizzazione? Come sarà la seconda ondata?), ragione per cui - ha spiegato Céline Antonini di Curafutura - non è ancora possibile calcolare le ripercussioni che tutto questo avrà sui premi di cassa malati 2021.

© Regiopress, All rights reserved