mascherine-non-abbiamo-cambiato-idea-e-cambiata-la-situazione
Christian Garzoni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
36 min

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
41 min

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
7 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
7 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
7 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
9 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
10 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
10 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
10 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
10 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
10 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
11 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
11 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
11 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
11 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
11 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
28.05.2020 - 22:17
Aggiornamento : 23:50

Mascherine: 'Non abbiamo cambiato idea, è cambiata la situazione'

Christian Garzoni spiega l'appello ai ticinesi di portare sempre la protezione: 'Efficace per evitare i contagi quando aumento i contatti sociali'

Ticinesi, indossate le mascherine nei luoghi chiusi! È l'accorato appello lanciato nel tardo pomeriggio da 24 medici in prima linea contro il Covid-19, tra cui anche il medico cantonale Giorgio Merlani. Un appello dettato «dal desiderio che l’attuale situazione positiva rimanga tale», ci spiega il dottor Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Moncucco e primo firmatario della lettera assieme al presidente dell’Ordine cantonale dei medici Franco Denti e al vice capo area medica dell’Ente ospedaliero cantonale Mattia Lepori. «Lo andiamo dicendo dall’inizio degli allentamenti e ora questa posizione si è cristallizzata in questo appello».

Per tenere bassi i numeri

La situazione pandemica odierna in Ticino «è molto positiva, con un numero di nuove infezioni giornaliere tra 0 e 5. Sappiamo però che ve ne sono altrettante che sfuggono al controllo perché non presentano sintomi. Bisogna quindi fare in modo di ridurre al massimo la possibilità che queste persone, inconsapevolmente, diffondano il virus – commenta Garzoni –. Dalla letteratura sappiamo infatti che fino al 70% dei malati ha contratto il Covid-19 da un asintomatico. La mascherina in questo senso è semplice da usare, non ha effetti collaterali, costa poco e aiuta a tenere i numeri dei contagi bassi. In altre parole: è efficace».

Si tratta quindi «di essere pragmatici». I 24 medici raccomandano per questo di "indossare sempre la mascherina protettiva certificata (quella chirurgica per intenderci, ndr.) ogni volta che non può essere garantita la distanza sociale" come ad esempio "quando ci si reca nei grandi magazzini, nei negozi, sui mezzi pubblici" e, in generale "quando si interagisce con altre persone in uno spazio chiuso". E questo anche quando le distanze minime sarebbero teoricamente garantite: «A volte ci si avvicina inconsciamente agli altri. Sul posto di lavoro, ad esempio, le scrivanie sono sicuramente più distanti di due metri, ma i colleghi si spostano, si avvicinano, ci parlano». Sui trasporti pubblici, poi, «si ha un bel dire di mantenere il 'social distancing'...». Anche i quindici minuti prima di poter considerare un contatto come "a rischio" sono puramente indicativi nella realtà: «Si tratta di una valutazione statistica del rischio: più il contatto è prolungato, più probabilità ci sono di essere contagiati, ma se una persona infetta starnuta nella giusta direzione, bastano poche decine di secondi per essere contagiati».

O tutti o non funziona

La strategia proposta dai 24 medici sarà tuttavia efficace solo se verrà applicata in modo estensivo: le mascherine non proteggono infatti chi la porta, ma chi gli sta attorno. «È necessario quindi che tutti le indossino per proteggersi a vicenda», ricorda Garzoni, cui chiediamo anche quando la protezione andrebbe cambiata, visto che sulla questione si è cambiato spesso idea: «Deve essere sostituita quando si rompe oppure quando è contaminata – precisa lo specialista in malattie infettive –. In teoria è certificata fino a 4 ore, ma abbiamo visto tassi di trasmissione tra personale curante e pazienti estremamente bassi anche dopo 8 ore di impiego in reparti Covid, dove il virus circola sicuramente in quantità. Ciò significa che nella vita quotidiana, quando cioè vi è una bassissima probabilità di essere confrontati con un malato, la si può utilizzare anche per più giorni senza troppi rischi».   

In piena pandemia, tuttavia, l’uso della protezione per naso e bocca era stato più volte pubblicamente giudicato come utile, ma non fondamentale. Ora sembra si sia cambiato idea... «Ad essere cambiata non è l'idea, ma piuttosto la situazione», risponde il direttore sanitario della Moncucco. Insomma: durante 'il lockdown' «si era invitati a stare a casa». Ciò voleva dire che le occasioni di interazione sociale prolungate erano e dovevano essere scarse. «È inutile portare la mascherina se non c'è nessuno in giro (peraltro lo è anche quando si è soli in auto). Adesso la gente torna a incontrarsi e quindi il rischio aumenta di conseguenza. Anche i negozi e i luoghi pubblici, da scarsamente frequentati, sono decisamente più pieni». Inutile invece usare i guanti: «Non ha senso: la superficie del guanto si può contaminare tanto quanto la pelle e, una volta portati al viso, l'effetto è lo stesso».

'Evitate comunque gli assembramenti' 

A preoccupare l'esperto di malattie infettive allo stato attuale sono in particolare i mezzi pubblici e gli uffici e in generale gli assembramenti. Nel secondo caso anche perché «vi è il dubbio che i sistemi di ventilazione, muovendo grosse masse d'aria, possano annullare le distanze sociali e i classici '2 metri ritenuti sicuri'». Indi: è utile portare una protezione per naso e bocca. Così come sarebbe utile portarla negli eventi pubblici fino a 300 persone che saranno autorizzati a partire dal 6 giugno. Anche se su questo Garzoni non si fa troppe illusioni: «Non mi immagino che siano ampiamente impiegate in discoteca..., ad esempio». 

Occhio anche agli assembramenti: «Sconsigliamo di riunire decine di amici alla volta: il buon senso imporrebbe che ci si incontri in piccoli gruppi anche se il limite sarà presto di 30». Magari con le relative mascherine e, comunque, ricordandosi la corretta igiene delle mani.

Leggi anche:

L'appello dei medici ticinesi: 'Usate le mascherine!'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved