si-del-parlamento-a-461-milioni-per-il-trasporto-pubblico
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
6 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
7 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
7 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
7 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
8 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
8 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
8 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
9 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
9 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
9 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Locarnese
9 ore

Navigazione: l'accordo slitta. Il progetto di sviluppo pure

Resta aperta anche la questione della ri-assunzione del personale licenziato
Mendrisiotto
10 ore

Investita da un furgone, rimane schiacciata contro un'auto

Incidente a Castel San Pietro. Ferite gravi per una cittadina della provincia di Como di 49 anni
Locarnese
10 ore

Verscio, agli abitanti di pianificare la campagna

Nell'ambito del progetto 'Strade di quartiere', promosso dall'Ufficio federale dello Sviluppo territoriale e dal Comune,recapitata la documentazione
Ticino
10 ore

Case anziani, restrizioni allentate dal 1° di marzo

Da lunedi consentite visite in camera ai residenti, uscite temporanee e attività socializzanti. Allentamenti anche in strutture per invalidi e psichiatriche
Ticino
26.05.2020 - 17:460

Sì del parlamento a 461 milioni per il trasporto pubblico

Luce verde a diminuzione di tempi di percorrenza, potenziamento dei veicoli e alle nuove assunzioni. Zali: 'La competitività discrimine nella scelta di come muoversi'

Via libera del Gran Consiglio quasi all'unanimità al credito quadro da 461 milioni di franchi per l’offerta di trasporto pubblico per il quadriennio 2020-2023. Un’offerta legata all’apertura della galleria di base del Monte Ceneri, che spiega il correlatore Nicola Pini (Plr) “costituisce una rivoluzione nell’ambito del trasporto: potenziamento del 56% veicoli per chilometro, dimezzamento dei tempi di percorrenza tra Sopra e Sottoceneri, cadenza di trenta minuti per le linee principali sia su gomma sia su rotaia ed estensione orario di servizio”. Senza dimenticare “le diverse centinaia di nuovi posti di lavoro per autisti, macchinisti treni e personale”. Il tutto “a fronte di un aumento di 30 milioni l’anno di contributi cantonali per il trasporto pubblico”.

Anche per la correlatrice socialista Anna Biscossa (il terzo correlatore è il popolare democratico Maurizio Agustoni) non è un azzardo parlare di “rivoluzione”. Perché “risponde ad alcune necessità: sono tante le persone che muoiono di inquinamento atmosferico. Dobbiamo dire che il Ticino ha il primato di concentrazione di sostanze nocive”. In queste condizioni “offrire la reale possibilità di ridurre gli spostamenti individuali grazie al mezzo pubblico, cosa che prima era possibile solo nei centri urbani o per chi abita vicino alle stazioni, è davvero epocale. Sono almeno 35 anni che chiediamo queste cose dal Mendrisiotto, ringrazio il consigliere di Stato Zali perché ha portato a compimento questo progetto”. Il sostegno del Plr viene dalle parole di Sebastiano Gaffuri, che rimarca come “non si può prescindere dalla libertà: un’economia e una società che vogliono ripartire devono farlo muovendosi liberamente, il trasporto pubblico può aiutare a riprendere i rapporti interrotti dall’epidemia. Oggi è un rischio questo credito, ma vale la pena correrlo perché si tratta di investire nel futuro”. Con l’obiettivo “di completare AlpTransit a sud di Lugano”. Michele Foletti (Lega) spiega che l’adesione della Lega è motivata dal fatto che “occorre credere nello sviluppo del trasporto pubblico, a Lugano abbiamo adesso più spostamenti privati rispetto a prima della pandemia: mi auguro che ritrovi l’attrattività in tempi brevi”.

Sostegno, ma Lepori (Ps): 'Opportuno rivedere il sistema tariffale'. E Caroni (Ppd): 'In alcune situazioni il trasporto privato non potrà essere sostituito'

“Si potrà parlare quasi di un solo agglomerato urbano diffuso in tutto il cantone con i tempi di percorrenza che si ridurranno”, nota per il Ppd Paolo Caroni. L’offerta sarà “fondamentale per essere alternativa al trasporto privato. Di qualità, il più possibile capillare e che possa far cambiare le abitudini di molti ticinesi, pendolari e turisti”. Anche se, annota, “ci saranno sempre situazioni dove il trasporto privato non potrà essere sostituito”. “Sarebbe opportuno che il sistema tariffale delle zone Arcobaleno venisse rivisto, nei comuni periferici si paga spesso una zona in più e questo non è corretto in nome dell’equità comunale”, annota a margine del sostegno socialista Carlo Lepori. A maggioranza l’Udc sostiene il credito, ma Paolo Pamini annunciando la sua astensione spiega che “malgrado i grossi investimenti fatti finora la sensitività del mezzo pubblico non è cambiata un granché: non aspettiamoci chissà quale sostituzione del trasporto privato con quello pubblico”.

Sostegno convintissimo dai Verdi, il cui capogruppo Nicola Schönenberger dice che “questo nuovo sistema deve essere capace di raggiungere i suoi obiettivi ultimi, non solo questi intermedi. Parlo di uscire da questa posizione di fanalino di coda in Svizzera per le polveri sottili nell’aria e il permettere finalmente ai ticinesi di vivere nei centri urbani senza possedere un’auto”.

Il Movimento per il socialismo con Simona Arigoni Zürcher considera positivo il credito, ma "il potenziamento dell'offerta corre il rischio di non vedere corrisposto un potenziamento della domanda senza le tariffe, primo passo per noi verso un trasporto pubblico gratuito". Ad avviso del Partito comunista "questa attrattività dei mezzi pubblici deve essere a disposizione di tutti, anche nelle zone periferiche che sono ben servite solo la mattina presto mentre non è il caso in ore serali e notturne" rileva Lea Ferrari. Un sì anche da Più donne: "Un passo sostenibile in avanti", per Tamara Merlo.

Claudio Zali: 'Oggi modifichiamo definitivamente la politica di trasporto pubblico'

Il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali spiega come "sia la competitività il discrimine nella scelta tra mezzi privati e pubblici, il nostro lavoro durato anni è stato orientato a questo". Questa offerta "mi sembra si ampiamente condivisa, e andiamo a modificare definitivamente la politica di trasporto pubblico del Canton Ticino: così decidete che è compito dello Stato occuparsene, facendo fare uno sforzo finanziario notevole ricevendo in cambio prestazioni adeguate e facilitate dall'apertura della galleria di base del Ceneri".

 

 

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved