il-gran-consiglio-torna-a-riunirsi-franscella-sempre-operativi
Si sente bene, presidente? (foto: Ti-Press)
+6
25.05.2020 - 14:30
Aggiornamento: 21:42

Il Gran Consiglio torna a riunirsi, Franscella: 'Sempre operativi'

Al Palazzo dei Congressi di Lugano inaugurata la seduta che, nella giornata di oggi, dedicata al Covid-19. Il presidente: 'Democrazia mai andata in letargo'

“La democrazia non è stata intaccata o andata in letargo, si è adattata a una soluzione senza precedenti”. Con queste parole pochi minuti fa il presidente del Gran Consiglio Claudio Franscella ha inaugurato la seduta del Legislativo al Palazzo dei Congressi di Lugano. Un rientro “alla piena attività” da parte di un parlamento che “ha dovuto procedere con ritmi inusuali, rispettando la situazione sanitaria che è stata molto critica”.

Un periodo nel quale “la collaborazione tra Consiglio di Stato, Stato maggiore cantonale di condotta, medico cantonale e parlamento è stata costante, e ci ha permesso di svolgere il nostro compito di stare a contatto e di vigilanza dell’Esecutivo”. Mesi che “hanno portato dolore e sofferenza nelle nostre famiglie, a loro va il nostro conforto e sostegno morale” ha aggiunto. Con un pensiero particolare “ai concittadini che non ce l’hanno fatta, dedichiamo a loro questa seduta parlamentare”.

E sulle competenze del Parlamento...

Non mancano, però, alcune seppur velate tirate d’orecchie: “Il parlamento tornato pienamente operativo - ha detto il presidente del Legislativo - deve in questa fase poter riprendere in mano senza vincoli o restrizioni tutte le sue competenze per ridare valore e responsabilità a tutte le sue procedure demoratiche”. Il riferimento è alla richiesta governativa di proroga dello Stato di necessità, che sarà dibattituta a breve. E in ottica futura, l’augurio di Franscella è che “l’esperienza sia di insegnamento, lo Stato di diritto e i rapporti tra livelli istituzionali verranno salvaguardati ancor di più pure in uno Stato di necessità o di grave calamità”. Infine, un ringraziamento è andato allo Stato maggiore cantonale di condotta e al medico cantonale Giorgio Merlani “per il forte senso di responsabilità e coraggio mostrati in una situazione senza precedenti. Essere al timone senza rete di protezione, non è stata impresa facile”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved