stato-di-necessita-prorogato-sono-un-po-sorpreso
Claudio Franscella Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 ora

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
7 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
9 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
13 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
13 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
13 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
18 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
20 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
21 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
22 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
22 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
23 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
23 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
23 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
23 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
laR
 
22.05.2020 - 06:00
Aggiornamento: 07:18

'Stato di necessità prorogato, sono un po' sorpreso'

Coronavirus, il presidente del Gran Consiglio alla 'Regione': mi aspetto che lunedì in parlamento il governo spieghi nel dettaglio i motivi del prolungamento

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Il passo compiuto mercoledì dal Consiglio di Stato un po’ mi ha sorpreso, e credo non solo il sottoscritto: da un paio di settimane infatti sono in atto degli allentamenti e la situazione epidemiologica in Ticino, stando ai dati ufficiali, non sembra al momento tale da mettere sotto pressione le strutture sanitarie. Inoltre, e lo dico senza polemica, mi sarei aspettato, alla luce dell’utile scambio di informazioni che Legislativo ed Esecutivo hanno avuto durante la fase acuta dell’epidemia, che il governo coinvolgesse l’Ufficio presidenziale del parlamento, informandolo prima dei media. Anche se la dichiarazione, la revoca e la proroga dello stato di necessità sono di competenza dell’Esecutivo». Il presidente del Gran Consiglio, il popolare democratico Claudio Franscella, attende la seduta di lunedì prossimo del parlamento cantonale - presente il governo - «per saperne di più» circa i motivi che hanno indotto l’altro ieri l’Esecutivo a prolungare lo stato di necessità, sino a fine giugno. Nonostante i numeri su nuovi contagi, decessi e nuove ospedalizzazioni siano incoraggianti, “tutte e tutti noi dobbiamo continuare ad avere un comportamento responsabile: come ci ricorda il medico cantonale, il coronavirus è sempre in circolazione e con esso si dovrà convivere anche durante l’estate e probabilmente oltre l’estate", ha sostenuto in conferenza stampa Norman Gobbi, alla testa del Consiglio di Stato, precisando, avvicinato dalla ’Regione’, che la decisione del governo “permette di mantenere attivo lo Stato maggiore cantonale di condotta” e consente allo stesso Esecutivo, se necessario, “di prendere misure straordinarie che derogano alle leggi vigenti”, dunque di adottare eventuali restrizioni.

Secondo l’articolo 20 della Legge cantonale sulla protezione della popolazione, “Si ha stato di necessità quando, a seguito di catastrofi, conflitti armati o altre situazioni d’emergenza che comportano un pericolo imminente per lo Stato, le persone o le cose, non sia più possibile garantire con i mezzi ordinari l’attività amministrativa o i servizi d’interesse pubblico e la protezione e l’assistenza delle persone e delle cose a livello cantonale, regionale o locale”. Lo stato di necessità, afferma l’articolo successivo, "è dichiarato e revocato: a) dal Consiglio di Stato per l’intero territorio cantonale o per parte di esso; b) dal Municipio sul territorio comunale”. L’autorità che dichiara lo stato di necessità, recita ancora la legge (articolo 23), “informa con tempestività la popolazione sulla situazione; informa inoltre il proprio organo legislativo sulle misure prese non appena questo sia in grado di funzionare".

Presidente Franscella, dal suo punto di vista ci sono gli estremi per prorogare lo stato di necessità, con le conseguenti limitazioni che il governo potrebbe autonomamente decretare?

Non sono né medico né virologo. Ci aspettiamo, come Gran Consiglio, che il governo spieghi in maniera dettagliata le ragioni per cui ha deciso di prolungare di un mese lo stato di necessità. E ci aspettiamo che lo faccia lunedì davanti al parlamento, che come già comunicato pubblicamente si riunirà al Palazzo dei congressi di Lugano affinché le distanze sociali fra i novanta deputati siano rispettate. Sarà una sessione dedicata alle questioni legate al Covid-19. Nella prima parte, nella quale il Gran Consiglio non sarà chiamato a votare, ogni consigliere di Stato, come stabilito a suo tempo con l’Esecutivo, avrà una quindicina di minuti per esporre quanto fatto dal proprio Dipartimento per gestire questa particolare situazione. Presumo dunque che in questa occasione il presidente del governo Gobbi illustrerà nel dettaglio i motivi per cui il Consiglio di Stato ha ritenuto opportuno prorogare lo stato di necessità. Alla seduta parteciperanno anche il medico cantonale Giorgio Merlani e il capo dello Stato maggiore di condotta, cioè il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi, i quali potranno intervenire per dare ulteriori spiegazioni. Dopodiché la parola passerà ai capigruppo che esporranno il punto di vista dei rispettivi partiti. E poi sarà dibattito libero: ogni deputato avrà la possibilità di intervenire. Tutto questo prima delle risposte del governo alle interpellanze inoltrate nelle scorse settimane sul tema coronavirus.

Non ritiene che si possa sensibilizzare adeguatamente la popolazione sui rischi tuttora presenti anche senza dover prolungare lo stato di necessità?

Rispondere di pancia è un conto, un altro è farlo con la testa. Con i primi allentamenti, abbiamo ripreso a fare una vita quasi normale. Ma uno dei compiti fondamentali dello Stato è di preservare la salute dei propri cittadini, rendendoli attenti, come nel caso di questa emergenza, sui grossi rischi che si corrono nel non rispettare più norme igieniche accresciute e distanza sociale. Peraltro il Ticino sta in un certo senso subendo delle aperture dettate dalla Confederazione. Nel nostro cantone però la situazione epidemiologica è ancora delicata. Più delicata di quella di altri cantoni. I nuovi quattordici casi di contagio registrati oggi (ieri ndr.) sono il segnale di una ripresa? Senza dimenticare l’imminente apertura delle frontiere con l’Italia, prevista per il 3 giugno. Cosa che è fonte di preoccupazione, anche per il Consiglio di Stato. La decisione di prolungare lo stato di necessità potrebbe essere stata presa dal governo per non trovarsi impreparato, rischiando di adottare provvedimenti tardivi, qualora l’epidemia dovesse registrare un nuovo picco. Speriamo, come parlamento, di saperne di più lunedì e in ogni caso di essere coinvolti dall'Esecutivo per le decisioni urgenti anche in uno stato di necessità prolungato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved