ristorazione-la-raccolta-dei-dati-personali-non-piace
Distanze rispettate 'nella stragrande maggioranza dei casi' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Speciale ucraina
LIVE

Cassis e Zelensky danno il via all’Ukraine recovery conference

Partono ufficialmente gli incontri per parlare della futura ricostruzione dell’Ucriana. Segui qui la conferenza stampa live
Locarnese
26 min

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
1 ora

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
1 ora

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
1 ora

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federale di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
2 ore

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
2 ore

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
3 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
4 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
4 ore

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmente) daranno il via ai lavori
Luganese
8 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
19.05.2020 - 06:00

Ristorazione, la raccolta dei dati personali non piace

Massimo Suter (GastroTicino) non comprende perché il suo si al'unico settore nel quale bisogna chiedere nome e numero di telefono ai clienti

«È nell’interesse degli stessi esercizi pubblici» raccogliere i dati personali dei propri clienti. A questa affermazione di Daniel Koch, delegato dell’Ufficio federale della sanità pubblica per il Covid-19, Massimo Suter risponde in modo piuttosto critico: «O lo fanno tutti oppure non lo fa nessuno», rileva da noi contattato il presidente di Gastro Ticino, che fatica a comprendere perché la sua categoria sia l’unica a dover adottare misure per favorire la ricostruzione di un’eventuale catena di contagio.

Secondo Koch, tenere traccia dei clienti permette di evitare che un ristorante o un bar diventi un focolaio d’infezione senza possibilità di rintracciare tutti i possibili contagiati: «Se un cameriere o un membro del personale si ammala e nessuno ha annotano chi erano i clienti che sono entrati in contatto con lui, non sarà possibile avvertirli» nell’ambito del ’contact tracing’, ha affermato ieri in conferenza stampa a Berna. I dati «servono quindi a loro e non a noi», ha aggiunto.

«Faccio fatica a capire» come ciò possa favorire un esercente, sottolinea Suter a ’laRegione’. «Semmai è uno svantaggio, perché la ristorazione viene così additata come l’unico settore economico nel quale qualcuno si può ammalare». Infatti, ci sono diverse altre situazioni «nelle quali questa raccolta dati non è richiesta. Penso ad esempio ai centri commerciali o ai mezzi pubblici». In realtà nemmeno nella ristorazione vige l’obbligo di chiedere nome, cognome e numero di telefono (uno per tavolo): “Gli ospiti hanno la possibilità di inserire i loro dati di contatto”, si legge nel piano di protezione rilevante per questa categoria. Resta il fatto che, stando a nostre informazioni, in diversi casi non è nemmeno stato messo a disposizione l’apposito formulario che può poi essere compilato su base volontaria dai clienti. Sutter tiene tuttavia a precisare che è opportuno «sensibilizzare il cliente dicendogli che se fornisce i suoi dati di contatto, è meglio per tutti. Abbiamo già fatto dei sacrifici a favore del contenimento del virus e quindi faremo anche questo».

'Se non si rispettano le distanze si rischia la chiusura’

Un’altra problematica è legata al rispetto delle distanze di due metri. Sembrerebbe infatti che in alcuni casi questa direttiva non venga osservata in modo corretto. Secondo Suter, però, «nella stragrande maggioranza dei casi le distanze vengono rispettate». In certi ristoranti lo spazio tra i clienti è addirittura «più ampio di quanto prevede la legge». Ma nel caso in cui la polizia cantonale (ovvero l’autorità preposta a effettuare controlli) rilevasse il mancato rispetto di questa norma, a cosa va incontro l’esercente? «Il rischio concreto è che facciano chiudere il locale, visto che si tratta di un’ordinanza federale e che con la legge non si scherza», sottolinea il presidente di GastroTicino. «Penso quindi che non ci siano ristoratori disposti a mettere a repentaglio la propria attività economica» solo per guadagnare alcuni centimetri. Va inoltre detto che il settore della ristorazione «è stato lodato sia dalla polizia cantonale, sia a livello federale per come sta seguendo le regole»

Assembramenti davanti a esercizi pubblici in alcune grandi città elvetiche

In realtà sia in Ticino, sia nel resto della Confederazione sono stati registrati strappi alle regole: in merito alle immagini provenienti da grandi città elvetiche che mostravano molte persone ammassate al di fuori di alcuni esercizi pubblici durante il sabato sera, Koch ieri è stato perentorio: «È un rischio per chi non mantiene le distanze ed è un pericolo anche per i proprietari dei bar». E questo perché grandi gruppi di persone rendono impossibile la ricostruzione di una catena di contagio. «C’è stato un caso in Corea del Sud dove una sola persona [frequentatrice di alcune discoteche, ndr] ha generato 5'000 potenziali infetti». Se assembramenti del genere dovessero ripetersi in maniera regolare in Svizzera «le autorità cantonali dovranno chiudere questi ritrovi», ha confermato il delegato per il Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved