coronavirus-saliti-a-ventuno-i-procedimenti-penali
13.05.2020 - 18:10
Aggiornamento: 20:30

Coronavirus, saliti a ventuno i procedimenti penali

Gli incarti aperti finora dal Ministero pubblico ticinese in seguito alle denunce inoltrate dalla Polizia per presunta violazione delle disposizioni federali e cantonali

In Ticino sono salite a ventuno le denunce/segnalazioni giunte al Ministero pubblico per violazione dell'Ordinanza federale e delle disposizioni cantonali per contrastare la diffusione del coronavirus. Fino ad oggi ventuno dunque i procedimenti penali innescati da denunce della polizia e aperti dalla Procura fra l'altro per attività economiche non consentite o per l'impiego da parte della ditta di un numero di persone superiore a quello consentito.

«Per alcuni di questi ventuno casi abbiamo già preso le decisioni di merito, per quelli restanti, che sono attualmente la maggior parte, i procuratori pubblici si pronunceranno nelle prossime settimane», afferma il procuratore generale Andrea Pagani, interpellato dalla 'Regione'. Le decisioni di merito? Decreti d'accusa o decreti di abbandono. Decisioni impugnabili. «Da questi procedimenti - precisa Pagani - esulano quelli contravvenzionali promossi direttamente dalla Polizia con l'emanazione di multe disciplinari (di 100 franchi, ndr) ad esempio per violazione del divieto di assembramento di più di cinque persone».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved