manuele-bertoli-avremo-il-modello-piu-prudente-del-paese
Il consigliere di Stato Manuele Bertoli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
4 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
5 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
5 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
5 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
5 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
5 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
5 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
6 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
6 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
01.05.2020 - 20:49
Aggiornamento : 02.05.2020 - 09:08

Manuele Bertoli: 'Avremo il modello più prudente del Paese'

Il direttore del Decs respinge le accuse di non aver coinvolto direzioni scolastiche e Comuni nella riapertura delle scuole il prossimo 11 maggio

«Ho sentito i rappresentanti dei Comuni ben due volte e le Città di Lugano e Locarno non si sono mosse di un millimetro rispetto alla loro proposta di far frequentare in presenza, peraltro parzialmente, solo i bambini di quinta elementare e quelli dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia. Una proposta che equivale ad una sostanziale non riapertura, mentre tutti i Cantoni vanno in un’altra direzione e noi avremo il modello più prudente del Paese», afferma il consigliere di Stato e direttore del Decs Manuele Bertoli da noi contattato. «Siamo venuti incontro prima togliendo l’obbligo di frequenza alla scuola dell’infanzia, poi togliendo l’obbligo di frequenza fino alla seconda elementare in caso di problemi organizzativi, poi aggiungendo la possibilità di partire dal 18 maggio in caso di problemi maggiori, ma niente», continua ancora Bertoli. Il quale si sorprende che città grandi e con un apparato amministrativo importante lamentino problemi in questo senso. «Ci sono Comuni anche di dimensioni meno significative che sono in grado di farlo e non hanno fatto obiezioni particolari, pur sapendo che l’impegno è molto», precisa Manuele Bertoli.
Anche per quanto riguarda la scuola media, il modello con classi dimezzate, parte delle materie in presenza e altre a distanza, Bertoli conferma che è stato «discusso e messo a punto confrontandoci con il gruppo di presidenza del collegio dei direttori e poi discutendo con tutto il collegio, accogliendo anche richieste di flessibilità quanto alle materie». «Capisco le preoccupazioni delle famiglie, le ho sentite, ma ho anche sentito quanto le stesse famiglie dopo sei settimane di insegnamento a distanza siano con il fiato corto, perché hanno dovuto assumersi parte dell’onere che normalmente è a carico della scuola. E ora che molti torneranno al lavoro le cose non miglioreranno da questo punto di vista. Da qui alla fine dell’anno scolastico ricordo che mancano ancora sei settimane. Lo stesso periodo che è trascorso dallo scorso 15 marzo, che a tutti sembra ormai un tempo lontanissimo», conclude Bertoli.

Malumori in una dozzina di sedi

I direttori di una dozzina di sedi di scuola media del Sottoceneri e il collegio docenti di Lodrino sono scontenti della strategia comunicata dal Decs sulla riapertura. In una lunga lettera inviata allo stesso consigliere di Stato Manuele Bertoli e ai funzionari responsabili del Decs, dodici direttori delle sedi di Breganzona, Lugano Centro; Camignolo; Barbengo; Lugano Besso; Bedigliora; Massagno; Gravesano; Viganello; Pregassona; Canobbio e Agno) chiedono di "partecipare a un collegio cantonale dei direttori straordinario da convocare a breve, da tenersi, se possibile e nel rispetto delle norme sanitarie, in presenza fisica". Si scrive, tra le altre cose, di "riaprire la discussione per evitare un'imposizione per niente condivisa dai direttori, che correrebbe il rischio di dare inizio a un nuovo e pericoloso (nel nostro piccolo) conflitto istituzionale che farebbe solo male alla scuola per la quale operiamo ogni giorno con passione e dedizione".

Il collegio dei docenti della Scuola media di Lodrino, invece, a maggioranza (20 favorevoli e 5 contrari su 30 membri) ha invece inviato una lunga lettera all'intero consiglio di Stato. Il nocciolo della questione è che dall'11 maggio al 19 giugno ci sono sei settimane e quattro giorni di festa. In totale 26 giorni effettivi di scuola. "Se il numero degli allievi verrà dimezzato, ogni ragazzo frequenterà la scuola per 13 giorni", si legge. "Sorge spontaneo chiedersi se il santo vale la candela", si continua citando le difficoltà pratiche a cui andranno incontro allievi e docenti che dovranno rispettare le regole di igiene e di distanza sociale. 

In rete, infine, circola una petizione lanciata dal consigliere comunale di Chiasso Claudio Schneeberger che chiede di sospendere l'obbligo di frequenza.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved