la-vpod-docenti-per-l-apertura-delle-scuole-l-11-maggio
Un secondo primo giorno di scuola (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
4 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
5 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
5 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
7 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
7 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
8 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
9 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
10 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
10 ore

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
10 ore

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
10 ore

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
Grigioni
10 ore

A San Bernardino si danno i numeri a suon di musica

Domenica 14 agosto dalle 17 alle 19 verrà organizzata una tombola a ritmo delle melodie della fisarmonica, ricchi premi della regione in palio
Ticino
10 ore

Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni

L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Locarnese
10 ore

Locarno, lavori di pavimentazione stradale

Interesseranno da mercoledì prossimo a fine settembre la via Rinaldo Simen
Locarnese
11 ore

Minusio, miniferrovia in funzione

I convogli elettrici e a vapore circoleranno domenica dalle 20 alle 21.30
Luganese
12 ore

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand di Iseo

Appuntamento sabato 13 agosto allo stand di 300 metri. Sarà ancora possibile sparare sabato 27 agosto
Luganese
13 ore

‘Le vie dei pardi’ al Parco Ciani di Lugano

La 21esima edizione della rassegna cinematografica si terrà dal 18 al 20 agosto. Saranno proposte tre pellicole presentate a Locarno75
Bellinzonese
13 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Malvaglia

La Società La Guglielmo Tell organizza l’evento mercoledì 17 agosto dalle 17 alle 18.30 e sabato 20 agosto dalle 14 alle 17
Luganese
13 ore

Patriziato di Bedigliora, Banco e Nerocco in festa

L’evento è in programma domenica 28 agosto al capannone del campo da calcio a Banco
Bellinzonese
13 ore

Grigliata della Società Bocciofila Alta Leventina

L’appuntamento è in programma sabato 27 agosto a partire dalle 12.30 presso il Centro Atte di Ambrì
Bellinzonese
13 ore

Riviera, sbarramento della strada via Rascai

Il Comune informa della chiusura parziale o totale della tratta indicata da martedì 16 agosto a martedì 30 agosto
Bellinzonese
13 ore

La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto

Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
28.04.2020 - 17:15

La Vpod docenti per l'apertura delle scuole l'11 maggio

Il sindacato degli insegnanti ritiene prioritario l'aspetto formativo che a distanza non sempre funziona perfettamente

"Una lunga riunione convocata venerdì scorso dal Direttore del Decs Manuele Bertoli e alla quale siamo intervenuti entrambi - Katya Cometta (Associazione per la scuola pubblica del Cantone e dei Comuni) ed Adriano Merlini (Vpod Docenti ) -, unitamente a Fabio Camponovo (Movimento della Scuola), Gianluca D’Ettorre (Ocst docenti) e il Direttore della Divisione della scuola Emanuele Berger, ha costituito l’occasione per confrontarci insieme sui motivi e sulle modalità secondo i quali si intende riaprire parzialmente le scuole dell’obbligo dall’11 maggio adempiendo così ai dettami del Consiglio Federale". È l'esordio di una lunga presa di posizione del sindacato Vopd Docenti a proposito della riapertura delle scuole ticinesi a firma di Katya Cometta e Adriano Merlini. "Importante era verificare se i principi di fondo legati alle proposte del Decs fossero condivisi, in quale misura e a quali condizioni dai rappresentanti dei sindacati dei docenti e di alcune organizzazioni del mondo della scuola", si precisa.
In entrata è subito stato chiarito come la sicurezza sanitaria debba essere prioritaria, un presupposto assolutamente condiviso dal Consigliere di Stato Bertoli. Detto ciò abbiamo preso atto del parere degli esperti per i quali nell’attuale situazione sanitaria una riapertura della scuola dell’obbligo è possibile, rispettando precisi parametri che ci indicano altrettanto precisamente, garantendo la sicurezza degli alunni, dei docenti e dei loro famigliari in condizioni di salute normali. Studenti e docenti a rischio o che convivono con persone a rischio o che convivono con persone a rischio continueranno ad essere esentati dall’obbligo di recarsi in aula. Non è invece ancora stato risolto il problema inerente l’esonero degli insegnanti che assistono o convivono con persone a rischio.
"È naturale che, muovendoci ancora nel campo delle ipotesi pur formulate da professionisti della salute, anche tra i membri delle nostre associazioni vi siano sensibilità divergenti e forti preoccupazioni. Più che sui centimetri necessari per una distanza fisica efficace, abbiamo quindi analizzato gli aspetti formativi e questo approfondimento ci induce a sostenere i principi sui quali si basa il progetto di riapertura delle scuole in fase di elaborazione da parte del Decs", si precisa.

Non lasciare indietro i più fragili

"Secondo noi la buona scuola è quella capace di garantire le pari opportunità a tutti i propri ragazzi, in grado di garantire lo sviluppo migliore del potenziale di ogni singolo integrando le diversità presenti nella società, che contribuisce alla crescita di individui responsabili, consapevoli, tolleranti e altruisti".
Dopo sei settimane di chiusura degli istituti scolastici constatiamo però che:
1) la scuola a distanza nonostante l’enorme sforzo e l’encomiabile impegno di docenti, allievi e famiglie "rimane solo un pallido, sciapo, poco efficace surrogato della Scuola che necessita dell’interazione fisica (guardarsi negli occhi e parlarsi facendolo) tra le sue componenti. È certo utile e necessaria in un momento di crisi eccezionale; ma meno dura, meglio è";
2) "la scuola a distanza amplia notevolmente le disparità nelle possibilità di apprendimento e di crescita tra gli studenti a dipendenza della loro situazione personale e famigliare. Se a livello di scuole comunali i piccoli numeri per i docenti e la forte solidarietà tra le famiglie degli alunni riescono in parte (non sempre e mai completamente) a supplire, nella scuola media sono settimane che sentiamo docenti segnalare allarmati come una parte dei loro allievi (spesso i più fragili) non riescano assolutamente a rimanere sul treno";
3) "sei settimane non sono un’inezia, un quantum sacrificabile alla leggera: corrispondono a 1/6 dell’intero anno scolastico".

Una serrata prolungata farebbe ancora più danni sociali

"Non crediamo che i docenti siano degli eroi, ma non crediamo neppure debbano ritenersi carne da cannone: sono sì in prima linea, ma in buona compagnia. Infermieri, medici, personale di cura in istituto o a domicilio, poliziotti, secondini, commessi, magazzinieri, autisti dei trasporti pubblici, ... la lista sarebbe assai lunga. Il mondo deve ripartire prima o poi, cercando di limitare i rischi al minimo: una serrata prolungata ancora di mesi (anni?) causerebbe danni enormi alla società, alla nostra scuola e ai nostri ragazzi, impossibilitati ad apprendere correttamente. Oggi lo Stato chiede ai docenti ticinesi dell’obbligo di tornare a fare il proprio lavoro perché ciò è indispensabile al funzionamento della società medesima".

Le condizioni immaginate dal Decs sono dettate dagli aspetti sanitari e variano ovviamente a dipendenza degli ordini scolastici, seguendo le indicazioni dei direttori delle sedi, chiamati a far combaciare questi imperativi con la realtà, anche logistica, degli istituti. Il principio base è che l’insegnamento prioritario rimane quello a distanza, ma si prevede un rientro in aula parziale caratterizzato dalla diminuzione della densità di allievi negli istituti, ottenuta tramite il dimezzamento delle classi a frequenza alternata. Una serie di regole precise sarà emanata per i trasporti, l'entrata, le pause, le refezioni, l'igiene, la mascherina, ...
In ogni caso è garantito l'accudimento di bambini e ragazzi che non possono essere seguiti a casa.

Per le scuole medie si è scelto (sempre su indicazione dei Direttori) di limitare lo svolgimento in sede ad alcune discipline che si terranno a classe dimezzata con frequenza alternata. Le altre materie continueranno con la modalità della scuola a distanza. Nei rari casi in cui le mezze classi fossero ritenute comunque troppo numerose (11-12 allievi), si potrà far capo sia alle aule più capienti (visiva, palestre e quant'altro) sia agli spazi all'aperto (meteo permettendo) sia suddividendo ulteriormente il gruppo. La richiesta di estensione di quest’ultima possibilità è stata da noi avanzata e trova il consenso del DECS, sempre che si riesca a mobilitare le risorse-docenti necessarie.
Per il Decs è fondamentale che tutti gli alunni tornino a scuola: "per noi è fondamentale anche la garanzia di lasciare la massima libertà alle sedi per trovare le soluzioni migliori tenendo conto della loro taglia, situazione logistica, ... Non ci saranno, inoltre, conseguenze amministrative per i genitori che decidessero di tenere a casa i propri figli", si precisa ancora nella presa di posizione della Vpod.

Sostegno condizionato

"Ci è stato assicurato che queste modalità varranno per la riapertura parziale dell’11 maggio, ma che potranno essere adattate continuamente sia a dipendenza dell’evoluzione della pandemia, sia perché nella pratica alcune potrebbero dimostrarsi migliorabili o inefficaci. Questo anche nel caso in cui la mole supplementare di lavoro per i docenti risultasse ingestibile. Nessuno tra i presenti ha espresso un rifiuto generale su quanto discusso. Alla luce di quanto illustrato, e comunque in attesa delle indicazioni di dettaglio della Confederazione, abbiamo espresso il nostro assenso di massima ai principi cardine elaborati dal Decs per la riapertura parziale delle scuole dell’obbligo prevista per l’11 maggio. Ovviamente questo sostegno verrebbe immediatamente a decadere qualora i modelli illustratici dovessero essere stravolti in corso d’opera per scelta oppure perché logisticamente irrealizzabili. Sarà dunque importante che il Dipartimento coinvolga anche in futuro i rappresentanti delle organizzazioni della scuola".
"Per questi motivi  - si conclude - entrambi invitiamo tutti i docenti del Cantone ad adoperarsi affinché l’apertura parziale della scuola dell’obbligo impostaci dalla Confederazione avvenga nel miglior modo possibile". "Riteniamo pure importante che ai sentimenti di diffidenza e timore verso il prossimo e di ritiro individuale utilitaristico, comprensibilmente indotti dalla paura legata alla pandemia, la nostra scuola pubblica continui a contrapporre la sua visione di società solidale, equa e sociale. Solo così non perderemo contro il virus".
Teniamo infine a ringraziare sentitamente e sinceramente tutti gli insegnanti per la responsabilità che stanno dimostrando e per l’impegno e il lavoro eccezionale che stanno profondendo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved