ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
4 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
9 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
11 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
12 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
12 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
13 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
13 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
14 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
14 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
16.04.2020 - 18:47

Coronavirus, da lunedì riapertura parziale dei cantieri

Le misure restrittive del Consiglio di Stato per la prossima settimana prevedono il permesso per le attività edili svolte al massimo da 10 persone

coronavirus-da-lunedi-riapertura-parziale-dei-cantieri
Il Consiglio di Stato in corpore alla conferenza stampa (Ti-Press)

Da lunedì l'attività sui cantieri potrà ripartire, seppur parzialmente. È questa la principale novità della risoluzione governativa che prevede la continuità delle misure restrittive per il coronavirus dal 20 al 26 aprile. Come anticipato da 'laRegione', il governo ha richiesto a Berna di poter prolungare la cosiddetta 'finestra di crisi' fino alla fine della prossima settimana. Oggi il Consiglio federale ha confermato di aver concesso questa deroga al Ticino, in virtù della situazione epidemiologica del nostro cantone.

Ciò che il Consiglio di Stato ha deciso per la settimana dal 20 al 26 aprile è di permettere le attività sui cantieri all'aria aperta o al coperto, svolte da 10 o meno persone, così come attività di lavorazione ed estrazione della pietra naturale, sempre nel rispetto delle norme igieniche accresciute e di distanza sociale.

Le nuove misure, conferma il presidente del governo Christian Vitta, «sono state discusse con le parti sociali e decise all'unanimità da parte del Consiglio di Stato». Sono pure state rinnovate, invariate, le risoluzioni governative che riguardano scuole, anziani e luoghi di culto

Quella di settimana prossima potrebbe essere l'ultima 'finestra di crisi' per il Ticino. Dal 27 aprile invece il nostro cantone intenderebbe adeguarsi alle disposizioni decise dalle autorità federali. 

Scuole, Bertoli: 'Bisognerà verificare qual è la situazione in Ticino l'11 maggio'

«Per quanto riguarda le scuole – osserva il direttore del Decs Manuele Bertoli –, bisogna ricordare che il sistema rimane cantonale. Il Consiglio federale ha dato un orizzonte temporale, indicando la possibile riapertura per l’11 maggio. Ma dovremo poi valutare qual è la situazione in Ticino, nonché verificare cosa effettivamente si potrà fare nel nostro cantone».  

I controlli sul territorio e alle frontiere andranno avanti

«La pazienza salva vite umane - afferma dall'aula del Gran Consiglio il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, Norman Gobbi –. I miglioramenti ottenuti nel appiattire la curva dei contagi sono una conseguenza dei comportamenti corretti della popolazione. Dobbiamo quindi continuare a spostarci solo per motivi indispensabili. I controlli sul nostro territorio, e anche alla frontiere, andranno avanti». 

Limitazioni per i grandi eventi fino al 31 luglio, poi...

In merito ai grandi eventi estivi (Festival del film in primis), Bertoli non si sbilancia: «L'indicazione giunta da Berna parla di limitazioni per i grandi eventi valide fino al 31 luglio, per cui il Festival del film rimane in teoria possibile. Sarà il Festival stesso a dover decide se attende ulteriori conferme o meno».

Mentre sulle conseguenze di tutte queste limitazioni per l'industria del turismo, è Vitta a intervenire: «Ci sono delle misure in cantiere per il turismo. Avremo un’estate in cui dovremo riscoprire il nostro territorio. Verrà attivata una campagna marketing per portare tutti gli svizzeri a fare vacanze in Ticino. Ci concentreremo sul mercato interno, visto che sarà difficile avere clientela internazionale».

Una nuova organizzazione della struttura sanitaria

«Abbiamo approvato una nuova organizzazione della struttura ospedaliera per affrontare questa nuova fase epidemiologica», indica il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. In pratica l'ospedale La Carità di Locarno sarà l’unico a dedicarsi esclusivamente ai pazienti Covid-19. Le altre strutture manterranno letti per pazienti Covid e non Covid, garantendo – assicura De Rosa – «in piena sicurezza la presa a carico di tutte le patologie».

«Preso atto dell'eliminazione da parte del Consiglio federale del divieto di effettuare esami e altri interventi – aggiunge il capo del Dipartimento della sanità e della socialità – sarà importante poter tornare a un regime ordinario per i pazienti non Covid.

Il nuovo assetto prevede le seguenti risorse per la cura dei pazienti affetti da coronavirus in Ticino:

  • Livello 1 (cure intense): 81 posti letti presso La Carità, Cardiocentro e clinica Moncucco
  • Livello 2 (reparto acuto): 220 posti letto presso La Carita e Moncucco 
  • Livello 3 (meno acuto): 60/70 posti letto presso La Carità, Moncucco, Santa Chiara e Italiano
  • Livello 4 (post acuto): 110 posti letto presso gli ospedali Malcantonese, di Faido e Ars medica
  • Livello 5 (riabilitazione): 30 posti letto presso cliniche di Novaggio e Hildebrand di Brissago
     
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved