laRegione
Nuovo abbonamento
anche-in-ticino-si-raccolgono-firme-per-la-microimposta
Dick Marty (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Soc e figlio alla decima tappa sulla costa adriatica

Nuovo traguardo per il maratoneta luganese, che immortala sul diario social le emozioni del viaggio verso sud
Luganese
3 ore

Gandria, il piromane avrebbe precedenti

Avrebbe già incendiato un'auto nel Comasco a febbraio. Alle spalle una vita molto difficile, vive in comunità
Locarnese
3 ore

Locarnese, ancora furti di biciclette

Negli ultimi giorni diverse due ruote sono state rubate in città e lungo argini e spiagge, in pieno giorno.
Locarnese
4 ore

Orselina, il Boogie Woogie di Zingg al Parco

Appuntamento mercoledì con il grande pianista svizzero interprete virtuoso del genere in tutto il globo
Bellinzonese
4 ore

Faido, incidente causa 5 feriti leggeri e colonne

Un furgone ha urtato una roulotte, distruggendola. Cinque persone all'ospedale per controlli. Disagi al traffico sull'autostrada in direzione nord.
Mendrisiotto
22 ore

Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'

Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
1 gior

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
1 gior

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
1 gior

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
1 gior

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 gior

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 gior

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
09.03.2020 - 18:270
Aggiornamento : 19:28

Anche in Ticino si raccolgono firme per la microimposta

Tasserebbe allo 0.1% i pagamenti elettronici e permetterebbe di abolire iva, tassa di bollo e imposta federale diretta. Tra i promotori Marty, Cavalli, Rossi

Una microimposta su tutti i pagamenti elettronici: su ogni addebito e ogni accredito. Idealmente dello 0,1%, e comunque non oltre il 5 per mille. Un prelievo apparentemente minuscolo, che però interesserebbe un volume enorme di transazioni finanziarie – molte delle quali robotizzate e altamente speculative – tanto da promettere un gettito annuo mastodontico: 200 miliardi all’anno secondo i promotori di un’iniziativa federale per introdurre la minitassa, che ieri hanno avviato la raccolta firme anche a Bellinzona. Ne basterebbe anche solo un quarto per cancellare l’imposta sul valore aggiunto (Iva), l’imposta federale diretta e la tassa di bollo, mentre il resto tornerebbe utile per finanziare nuovi progetti per la transizione ecologica dell’economia e per il sostegno al sistema pensionistico.

150 volte il Pil

“Per fare un confronto: le entrate fiscali attuali di Confederazione, Cantoni e Comuni ammontano a circa 145 miliardi di franchi. Le transazioni elettroniche invece corrispondono approssimativamente a 150 volte il prodotto interno lordo svizzero”, ha detto Marc Chesney, economista all’Università di Zurigo. Centomila miliardi, secondo alcune stime. Segno, per Chesney, che “il distacco tra economia reale e settore finanziario è sempre più marcato”. La tassa sarebbe dunque un’occasione per disincentivare almeno una parte delle speculazioni finanziarie, e al contempo permetterebbe di alleggerire il carico fiscale su consumi e reddito da lavoro: voci che proporzionalmente sono molto più importanti per la classe media che per gli ‘happy few’ seduti sul cucuzzolo della piramide sociale. Per questo un altro economista del comitato, Sergio Rossi dell’Università di Friburgo, ha definito l’Iva “un’imposta antisociale”, e l’imposta sul reddito particolarmente gravosa “in un contesto nel quale il lavoro stesso è sempre più minacciato dalla digitalizzazione”.

Un aiuto (anche) locale

Rossi ha poi notato l’impatto positivo che a suo avviso la microtassa avrebbe sull’economia ticinese: maggiori consumi grazie all’accresciuto potere d’acquisto della popolazione, e dunque più opportunità per le imprese che producono nel e per il territorio. A essere scoraggiati sarebbero semmai i comportamenti speculativi delle banche, col risultato che la pressione al rialzo sul franco sarebbe limitata – agevolando un contesto economico che vive soprattutto di export – e magari le banche si preoccuperebbero di più di finanziare nuove imprese locali, invece di giocare al tavolo verde della finanza internazionale. Insomma: “Più stabilità, più crescita e maggiore coesione sociale”, ha concluso Rossi.

Una nuova fiscalità

Se poi una parte delle transazioni elettroniche – vendite e pagamenti che i server delle banche effettuano in nanosecondi e che non creano grande lavoro, ma anche semplici versamenti e transazioni bancomat – dovesse cessare o spostarsi, si potrebbe ritoccare al rialzo l’aliquota senza comunque eccedere lo 0.5%. Intanto, un nucleo famigliare che guadagna 100mila franchi all’anno potrebbe risparmiare fino a 4.800 franchi all’anno. L’oncologo Franco Cavalli, anch’egli fra i promotori, è ottimista: “puntiamo a raccogliere fra le otto e le diecimila firme in Ticino” nei prossimi mesi (ne servono 100mila in 18 mesi a livello nazionale per poter andare al voto; si punta a raggiungere le 30mila già entro aprile). D’altronde, come ha spiegato l’ex magistrato, Consigliere di Stato in Ticino e agli Stati a Berna Dick Marty, “l’attuale fiscalità non tiene più conto della formidabile evoluzione in corso a livello tecnologico e finanziario”. Anche alcuni piccoli imprenditori sarebbero interessati a un’idea che promette di venir loro incontro, mentre a detta degli iniziativisti la vera opposizione verrà dai grandi gruppi economici e finanziari. Ora i promotori attendono il sostegno della politica e dei cittadini, raggiunti e informati non solo in piazza, ma anche attraverso campagne mirate sul web e sui social.

 

© Regiopress, All rights reserved