il-biologo-martinelli-l-importanza-di-vaccinarsi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
1 ora

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
11 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
12 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
13 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
13 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
27.02.2020 - 05:50

Il biologo Martinelli: ‘L’importanza di vaccinarsi’

Parte del panico per il Coronavirus è dovuta al non essersi vaccinati, per il fondatore di una start-up dedicata all’analisi di big data nel campo biomedico

«Parte del panico generato dall’attuale epidemia di coronavirus è dovuta alla mancanza di un vaccino protettivo che ne limiti la propagazione: questo sottolinea l’importanza dello sviluppo e dell’utilizzo dei vaccini da parte della popolazione». Axel Martinelli è un biologo e dal 2019 fa parte del team di ricercatori responsabile della BigOmics Analytics, con sede a Bellinzona, una start-up costituita presso lo Ior, l’Istituto oncologico di ricerca, «con l’obiettivo di rendere l’analisi di big data nel campo biomedico più accessibile e rapida», spiega Martinelli, con esperienza pluriennale in malattie infettive.

Due i fondatori della start-up: Murodzhon Akhmedov e Ivo Kwee, ora collaboratori dell’Irb, l’Istituto di ricerca in biomedicina, ed entrambi con dei background in matematica, programmazione ed intelligenza artificiale. «Abbiamo fra l’altro sviluppato – riprende Martinelli – una piattaforma bioinformatica – di cui abbiamo rilasciato, in occasione di questa epidemia, anche una versione open access, dunque pubblica – che permette ai ricercatori un accesso semplice ad analisi sofisticate di dati biomedici, come, ad esempio, vari campioni di precedenti infezioni con coronavirus quali Mers e Sars. Grazie a questa piattaforma è possibile visualizzare rapidamente e in maniera intuitiva varie informazioni che possono aiutare nello studio e nella lotta contro malattie infettive e tumori. Per esempio si possono identificare potenziali farmaci con attività antivirali, proteine per lo sviluppo di vaccini o indicatori genetici che segnalano la presenza di un’infezione in mancanza di sintomi, a dipendenza dei dati disponibili». Secondo il biologo, avvenimenti come l’epidemia di coronavirus attuale «sottolineano l’importanza di implementare queste tecnologie in ambito medico per favorire l’identificazione tempestiva di malattie infettive o tumorali e aiutare nella scelta di farmaci adeguati».

Ieri i ministri della Sanità dei Paesi confinanti con l’Italia hanno deciso fra l’altro di non chiudere le frontiere, considerando la misura «sproporzionata e inutile al momento». Una decisione che Martinelli condivide. «Se pensiamo a tutte le pandemie del passato in Europa, come la peste nera, c’erano regioni che potevano restare isolate sopravvivendo di agricoltura, di prodotti delle loro terre: oggi – avverte il ricercatore – tagliare i contatti con il mondo esterno per mesi sarebbe impossibile, a meno di non volere che l’economia collassi». Martinelli si appella al senso di responsabilità individuale: «I consigli sono quelli che si danno per ogni epidemia influenzale a chi è infetto e a chi è altamente vulnerabile, come le persone anziane o con altre condizioni mediche: consultare il medico di famiglia e limitare l’esposizione a luoghi affollati per evitare sia di spargere che di contrarre un’infezione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved