laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora
La terra trema nel Sopraceneri
La scossa tellurica, di magnitudo contenuta (2,9), è stata avvertita dalla popolazione del Bellinzonese
Mendrisiotto
1 ora
Il Mendrisiotto vuole far fermare i treni InterCity
Lanciata una petizione popolare (online) per scongiurare i piani dell'orario 2021, che 'stoppano' i convogli a lunga percorrenza a Lugano
Grigioni
3 ore
Grigioni, oltre un centinaio di persone in quarantena
Diversi gli episodi che hanno portato alle misure, tra cui un bimbo positivo in un campo vacanza
Ticino
10 ore
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
10 ore
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
10 ore
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
10 ore
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Ticino
27.02.2020 - 05:500

Il biologo Martinelli: ‘L’importanza di vaccinarsi’

Parte del panico per il Coronavirus è dovuta al non essersi vaccinati, per il fondatore di una start-up dedicata all’analisi di big data nel campo biomedico

«Parte del panico generato dall’attuale epidemia di coronavirus è dovuta alla mancanza di un vaccino protettivo che ne limiti la propagazione: questo sottolinea l’importanza dello sviluppo e dell’utilizzo dei vaccini da parte della popolazione». Axel Martinelli è un biologo e dal 2019 fa parte del team di ricercatori responsabile della BigOmics Analytics, con sede a Bellinzona, una start-up costituita presso lo Ior, l’Istituto oncologico di ricerca, «con l’obiettivo di rendere l’analisi di big data nel campo biomedico più accessibile e rapida», spiega Martinelli, con esperienza pluriennale in malattie infettive.

Due i fondatori della start-up: Murodzhon Akhmedov e Ivo Kwee, ora collaboratori dell’Irb, l’Istituto di ricerca in biomedicina, ed entrambi con dei background in matematica, programmazione ed intelligenza artificiale. «Abbiamo fra l’altro sviluppato – riprende Martinelli – una piattaforma bioinformatica – di cui abbiamo rilasciato, in occasione di questa epidemia, anche una versione open access, dunque pubblica – che permette ai ricercatori un accesso semplice ad analisi sofisticate di dati biomedici, come, ad esempio, vari campioni di precedenti infezioni con coronavirus quali Mers e Sars. Grazie a questa piattaforma è possibile visualizzare rapidamente e in maniera intuitiva varie informazioni che possono aiutare nello studio e nella lotta contro malattie infettive e tumori. Per esempio si possono identificare potenziali farmaci con attività antivirali, proteine per lo sviluppo di vaccini o indicatori genetici che segnalano la presenza di un’infezione in mancanza di sintomi, a dipendenza dei dati disponibili». Secondo il biologo, avvenimenti come l’epidemia di coronavirus attuale «sottolineano l’importanza di implementare queste tecnologie in ambito medico per favorire l’identificazione tempestiva di malattie infettive o tumorali e aiutare nella scelta di farmaci adeguati».

Ieri i ministri della Sanità dei Paesi confinanti con l’Italia hanno deciso fra l’altro di non chiudere le frontiere, considerando la misura «sproporzionata e inutile al momento». Una decisione che Martinelli condivide. «Se pensiamo a tutte le pandemie del passato in Europa, come la peste nera, c’erano regioni che potevano restare isolate sopravvivendo di agricoltura, di prodotti delle loro terre: oggi – avverte il ricercatore – tagliare i contatti con il mondo esterno per mesi sarebbe impossibile, a meno di non volere che l’economia collassi». Martinelli si appella al senso di responsabilità individuale: «I consigli sono quelli che si danno per ogni epidemia influenzale a chi è infetto e a chi è altamente vulnerabile, come le persone anziane o con altre condizioni mediche: consultare il medico di famiglia e limitare l’esposizione a luoghi affollati per evitare sia di spargere che di contrarre un’infezione».

© Regiopress, All rights reserved