laRegione
Nuovo abbonamento
la-gioventu-dibatte-con-cognizione-e-rispetto-almeno-lei
(laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 min

141 diplomati all'Accademia di architettura dell'Usi

Si è svolta a Mendrisio sabato 19 settembre la cerimonia di consegna
Grigioni
1 ora

Roveredo, infortunio per un cercatore di funghi

L'uomo è caduto per circa 150 metri nel canale di un riale. È stato trasportato al Civico dalla Rega. La sua vita non dovrebbe essere in pericolo
Bellinzonese
21 ore

Racconti al telefono in piazza Governo a Bellinzona

La bibliocabina si trasforma. Alzando la cornetta si potranno ascoltare narrazioni registrate in diverse lingue
Locarnese
1 gior

Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio

Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
1 gior

Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo

Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
1 gior

Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto

Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
1 gior

Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi

L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Ticino
1 gior

Tutti i radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Caslano
1 gior

È disturbato mentalmente l'anziano piromane

Secondo la perizia psichiatrica, c'è un rischio medio-alto di recidiva, senza cure adeguate
Bellinzonese
1 gior

‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona

Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps
Ticino
1 gior

Presidio antirazzista a Lugano

Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

A Stabio si festeggia il Pedibus

Il Comune è stato il 'cuore' della Giornata internazionale a scuola a piedi. Per Ata in Ticino è stato un 'grande successo'
Ticino
1 gior

Regio Insubrica, la presidenza tocca al Piemonte

L'assessore Matteo Marnati subentra al lombardo Massimo Sertori. Passaggio di consegne questa mattina ad Arona
Locarnese
1 gior

Locarno, Città Vecchia sarà tutta una 'Disfashion'

Domenica si rinnova l'appuntamento settembrino con lo shopping e la svendita di articoli di vario genere di una trentina di negozi
Mendrisiotto
1 gior

A tutta droga: anche a Coldrerio arrestati con hashish e cocaina

In manette un 30enne albanese e un 26enne italiano. Si indaga per infrazione aggrevata alla Legge federale sugli stupefacenti
Locarnese
1 gior

Someo, domenica la festa patronale

La funzione religiosa delle 10.30 vedrà la partecipazione delle coriste della parrocchia accompagnate all'organo da Nadir Ritter Salogni
Mendrisiotto
1 gior

Il confine italo-svizzero in epoca globale

Lo Spazio Officina di Chiasso ospita, il 25 settembre, un convegno per riflettere sul futuro delle aree di confine
Locarnese
1 gior

Locarno, concerto d'organo

Domenica appuntamento nella chiesa di San'Antonio con i due musicisti Olivier Latry e Shin-Young Lee
Ticino
1 gior

Edilizia, 'il Ccl cantonale non è più adeguato'

Gli impresari costruttori ticinesi stanno valutando l'ipotesi di non rinnovare il contratto collettivo di lavoro che scadrà alla fine del 2022
Luganese
1 gior

Malcantone ovest, i controlli non erano 'fantasma'

La Commissione di controllo scagiona la Polizia, ma si ripromette di esaminare il servizio nei Comuni.
Ticino
10.02.2020 - 12:440
Aggiornamento : 22:05

La gioventù dibatte con cognizione e rispetto (almeno lei)

Note dalla giornata 'competitiva' che si è svolta oggi alla Biblioteca di Bellinzona, con 150 liceali. Restano da coinvolgere le Professionali

“Lo stato di salute di una democrazia si misura dalla qualità del suo dibattito pubblico”. Il docente Chino Sonzogni, che da oltre dieci anni organizza ‘la Gioventù dibatte’, sintetizza così lo spirito del progetto. Oggi, per la fase ‘competitiva’ del percorso, 150 studenti delle superiori hanno riempito la Biblioteca di Bellinzona. Ed è incoraggiante vederli chini sui loro fogli, a ripassare le argomentazioni che gli toccherà difendere in questa lunga giornata di dibattiti a coppie. L’aria si riempie del loro vociare: “Oh zio, io comincio con l’economia così è più convincente”, “soressa, il ‘no’ è più difficile!”.

Gioco di ruolo

Va spiegato che si viene sorteggiati per sostenere o avversare una determinata proposta, in questo caso l’export di armi a paesi in guerra civile e la riduzione dell’offerta radiotelevisiva in italiano a un canale tivù e due radio. Ma questo è tutto sommato incidentale: conta sapere argomentare pro o contro anche per posizioni diverse dalle proprie, ed è su questo – conoscenza della materia, capacità di espressione e di dialogo, forza di persuasione – che si viene valutati. Una specie di gioco di ruolo, utilissimo non solo ad affinare le proprie capacità dialettiche, ma anche per imparare a mettersi nei panni degli altri. E non dev’essere facile, soprattutto per un adolescente, abbandonare il suo baricentro e difendere le tesi altrui.

IMG_1560 from laRegione on Vimeo.

Imparare il rispetto

“Per me è stata un’ottima opportunità per imparare ad approfondire argomenti di attualità e imparare ad argomentare”, ci dice Sara, che studia al Liceo di Lugano 2 e un domani vorrebbe studiare diritto. Anche la sua compagna Alyssa conferma: “S’impara a esprimersi meglio e ad allenare la memoria”. Ma anche a vedere con un occhio diverso il dibattito politico degli adulti: “Non voglio essere cattiva, ma se è vero che spesso risultano molto persuasivi, a volte si esprimono su fatti che non conoscono oppure solo per ottenere voti”. Il giornalista Rsi Reto Ceschi, che di dibattiti ne ha moderati un’infinità e oggi è parte di una delle giurie, aggiunge: “È bello vedere che i ragazzi sono preparati e pronti a difendere anche posizioni che non sono le loro. È un esercizio che immagino i partecipanti ai dibattiti radiotelevisivi non facciano, a meno di sorprese… Interessante è anche l’attenzione dimostrata verso la correttezza del dibattito e il rispetto dell’opinione altrui, qualcosa che non si riscontra sempre nella politica qui da noi”.

IMG_1556 from laRegione on Vimeo.

Mancano le Professionali

Passando la giornata a far da mosca sul muro, da un dibattito all’altro, si rimane stupiti dall’impegno dei ragazzi, anche quando magari l’imbarazzo e l’emozione potrebbero ostacolarli. Peccato che non si vedano in giro studenti delle scuole professionali, ma solo dei licei e della Commercio. “Coinvolgere le scuole professionali è un mio grande sogno”, ammette Sonzogni, “anche per renderne gli allievi meno vulnerabili agli slogan facili e alla disinformazione che rischiano di distorcere l’opinione pubblica”. In effetti, però, “facciamo più fatica. Non perché li escludiamo, anzi: il problema è che molti di loro devono conciliare studio e lavoro”. In ogni caso, l’impegno c’è e “il 27 aprile avremo una giornata di dibattito non competitivo che vedrà mettersi in gioco anche una classe del Centro professionale commerciale di Locarno. Segno che anche lo sforzo di sensibilizzazione e di formazione dei docenti sta dando i suoi frutti”. Il che è un bene, visto che “la democrazia non cade dal cielo”.

 

Ecco i vincitori, Lilu2 va fortissimo

Queste le sette coppie premiate:

1. Tullia Molo e Daniele Gianforte - Liceo Lugano 2

2. Santiago Storelli e Yannick Demaria - Liceo Locarno e Scuola cantonale di commercio Bellinzona

3. Samuel Morandi e Brian Brunson - Liceo Lugano 2

4. Chiara Lardi e Giorgia Cantamessi – Liceo Lugano 2

5. Fabio Sala e Zeno Bottinelli Montandon - Liceo Lugano 2

6. Ariela De Martino e Paul Krähenmann – Liceo Lugano 2

7. Alessandro Galli e Chiara Pesare – Scuola cantonale di commercio Bellinzona

 ***

Il progetto

La giornata di oggi, comunque, non è che una parte facoltativa di un percorso di preparazione e allenamento che dura diversi mesi, conta su circa 600 insegnanti formati in Ticino, e coinvolge sia le medie che le superiori. Il tutto alla luce di una convinzione ben espressa da Norberto Bobbio: “La teoria dell’argomentazione rifiuta le antitesi troppo nette: mostra che tra la verità assoluta e la non-verità c’è posto per le verità da sottoporsi a continua revisione”, e “sa che quando gli uomini cessano di credere alle buone ragioni, comincia la violenza”. Per questo l’educazione alla cittadinanza passa anche dall’imparare a dibattere in modo informato, civile e lucido.

Chino Sonzogni, docente in pensione, ha scoperto il progetto nel 2008: “Era derivato da un modello tedesco, chiamato appunto ‘Jugend debattiert’, ed era stato adottato pochi anni prima in Svizzera interna. Mi sono subito adoperato per introdurlo in Ticino”. Per l’organizzatore “si tratta di un modo per stimolare la partecipazione diretta e consapevole dei ragazzi alla vita democratica, con strumenti diversi rispetto a quelli di una convenzionale lezione di civica”.

Le giurie sono formate da tre persone: una formata dall’organizzazione, ad esempio un insegnante; poi un giornalista, un politico o una persona per così dire di spicco della società civile; il terzo, quando possibile, è uno studente universitario che ha già partecipato ai dibattiti da liceale”.

Alla fine della giornata, le sette coppie che hanno ricevuto una votazione più alta ricevono un piccolo premio, ma come si dice: l’importante è partecipare. Per farlo, o anche solo per saperne di più, l’indirizzo da visitare è www.gioventudibatte.ch

IMG_1555 from laRegione on Vimeo.

© Regiopress, All rights reserved