legge-negozi-via-il-divieto-di-vendita-serale-di-alcol
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
3 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
4 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
5 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
5 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
6 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
6 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
30.01.2020 - 18:42
Aggiornamento: 21:07

'Legge negozi, via il divieto di vendita serale di alcol'

Iniziativa parlamentare di Andrea Censi (Lega) e Fabio Käppeli (Plr): chiedono di modificare la nuova legge sugli orari. “Il proibizionismo non funziona”

Non c’è pace per la nuova Legge cantonale sugli orari di apertura dei negozi (tra le 6 e le 19 dal lunedì al venerdì, le 21 il giovedì, e fra le 6 le 18.30 il sabato). In vigore da appena un mese, è oggetto di due ricorsi al Tribunale federale – uno inoltrato da Unia e l’altro da un commerciante, presentato per motivi differenti da quelli invocati dal sindacato – e da oggi anche di un’iniziativa parlamentare. L’hanno depositata due deputati: il leghista Andrea Censi e il liberale radicale Fabio Käppeli. Chiedono di abrogare le disposizioni che vietano la vendita di alcolici dopo le 19 nei giorni feriali (le 21 il giovedì, le 18.30 il sabato) e dopo le 18 durante le domeniche e i giorni festivi. Una misura che riguarda i negozi, elencati nella legge, che beneficiano di deroghe: per esempio quelli annessi alle stazioni di servizio, quelli nei camping, i chioschi con superficie di vendita inferiore ai 50 metri quadrati. Ma il divieto concerne anche “gli stand di vendita e le strutture mobili durante manifestazioni culturali, sportive o popolari, inaugurazioni, ricorrenze e anniversari”.

'Meglio educare che proibire'

Per i due granconsiglieri “il proibizionismo non funziona e non ha mai funzionato”. Il divieto di vendere alcolici dopo gli orari stabiliti dalla nuova legge è, secondo Censi e Käppeli, “inutile”. Divieti “talmente inutili che non sono nemmeno compresi dalla popolazione e da chi dovrebbe rispettarli”, scrivono i deputati nell’iniziativa stilata nella forma elaborata. E con la prevenzione come la mettiamo? «Quando questi divieti sono stati inseriti nella legge sui negozi io e Käppeli non eravamo ancora in Gran Consiglio e forse il contesto di allora era un po’ diverso da quello odierno: nel frattempo – aggiunge Censi, da noi interpellato – i controlli sono stati intensificati sull’età dei potenziali acquirenti di bevande alcoliche». Afferma a sua volta Käppeli: «Ritengo che sia meglio educare anziché proibire. Un approccio responsabile al consumo di alcol non lo si ottiene con i divieti». Uno dei due ricorsi al Tribunale federale è stato fatto da un commerciante: anch’egli sollecita l’abolizione delle disposizioni che limitano la vendita serale degli alcolici. «La giustizia segue il proprio iter, noi ci muoviamo come politici – dice Käppeli –. E in quanto tali non dobbiamo per forza delegare ai tribunali scelte che possiamo prendere come politici».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved