mini-amnistia-altri-46-milioni-per-il-cantone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
2 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
3 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
5 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
12 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
14 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
15 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
16 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
16 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
16 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
17 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
17 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
17.01.2020 - 06:000

Mini amnistia, altri 46 milioni per il Cantone

È la quota parte derivante dalle autodenunce fiscali trattate nel 2019. Con quanto spetta a Confederazione e Comuni il gettito sfiora i 100 milioni

La mini amnistia federale, entrata in vigore nel 2010, si sta attenuando di intensità e volumi, ma ancora nel corso del 2019, stando ai dati del Dipartimento finanze ed economia (vedi tabella), ha permesso al fisco cantonale di incassare oltre 46,5 milioni di franchi di imposte a cui si sono aggiunti 32,5 milioni per i Comuni e altri 17,8 milioni a vantaggio della Confederazione: in tutto 96,6 milioni di franchi generati da 1’771 autodenunce evase lo scorso anno e riferite anche a periodi precedenti. L’autodenuncia esente da pena – questo il nome del provvedimento federale – ha esordito in Ticino nel 2010 timidamente con soli 67 casi e 112 milioni di sostanza emersa. Anno dopo anno, però, le autodenunce sono aumentate e con loro anche la sostanza dichiarata, fosse essa detenuta in patria o all’estero sotto forma di conti bancari, attivi finanziari o immobili. Il picco si è avuto nel 2018 con l’imminenza dell’introduzione dello scambio automatico d’informazioni a livello internazionale (da e verso la Svizzera). Il risultato: 3’098 autodenunce e 2,2 miliardi di ulteriore sostanza. L’anno scorso – ed è questo l’ultimo dato disponibile – sono stati ancora 1’947 i casi aperti presso l’Ufficio procedure speciali della Divisione delle contribuzioni, per altri 969 milioni di franchi di sostanza emersa.

Sull’evoluzione delle finanze cantonali abbiamo interpellato il consigliere di Stato e direttore del Dfe Christian Vitta.

In un decennio si sono autodenunciati oltre 9mila contribuenti per un ammontare di sostanza emersa (conti, titoli e immobili) di oltre 9 miliardi di franchi. L’amnistia ha garantito un extragettito rilevante che andrà a diminuire. Come compensarlo?

Da parte nostra stimiamo che per i prossimi anni potremo ancora far fronte a degli importi rilevanti legati alla mini amnistia. Siamo però consapevoli che questi introiti andranno progressivamente a diminuire nel corso degli anni futuri e di questo ne teniamo debitamente conto nell’ambito della pianificazione finanziaria. In questo ambito teniamo conto anche del gettito generato dai nuovi capitali dichiarati, che per lo Stato rappresenta una nuova entrata ricorrente.

Quante pratiche risultano ancora inevase e per quale ammontare?

La mini amnistia è in corso. Ci sono quindi regolarmente nuove pratiche che vengono inoltrate e altre che vengono evase e chiuse. Per far fronte al crescente carico di lavoro, che, come detto, è di natura temporanea, è stato assicurato un potenziamento dell’ufficio competente oltre ad aver operato degli interventi a livello organizzativo. Siccome la situazione è in continua evoluzione non è possibile fare delle stime, possiamo però considerare che per i prossimi anni le entrate per l’ente pubblico (Confederazione, Cantone e Comuni) generate dalla mini amnistia dovrebbero mantenersi attorno al livello attuale.

Presentando la riforma fiscale, contro la quale è poi fallito il referendum lanciato dalla sinistra, lei aveva annunciato un’ampia riforma della Legge tributaria con particolare riferimento alle persone fisiche. Riforma alla quale il Consiglio di Stato sta già lavorando? Quali saranno gli assi portanti di questa revisione?

L’entrata in vigore della riforma fiscale ci permette, tra le altre, anche di attuare la misura della riduzione del coefficiente d’imposta di cui possono già da quest’anno beneficiare in particolare le persone fisiche. E proprio per le persone fisiche daremo avvio, come da decisione del Gran Consiglio, a una revisione generale sulla Legge tributaria per elaborare una riforma fiscale che tenga anche conto dei cambiamenti che negli anni sono intervenuti a livello di società. Queste misure potranno, se realizzate, andare a sostituire la riduzione del coefficiente d’imposta.

La Lega chiede, con un’iniziativa parlamentare depositata di recente, la soppressione totale delle imposte di successione e donazione. Qual è la sua opinione al riguardo?

Il tema della soppressione delle imposte di successione e di donazione potrà essere anch’esso approfondito nell’ambito della revisione generale della Legge tributaria citata in precedenza unitamente alle numerose altre proposte in ambito fiscale presentate da diversi deputati in Gran Consiglio. Dovremo fare delle scelte fissando delle priorità per poter elaborare una soluzione finale equilibrata e sostenibile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved