laRegione
Nuovo abbonamento
Son soldi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 min
Sos Infanzia, aumentano i casi di maltrattamenti su minori
Il dato è emerso nel corso dell'assemblea dell'associazione di Chiasso. Aperte le candidatura per il Premio Federico Mari
Diretta
Ticino
1 ora
Coronavirus, in Ticino contagiato il 9% della popolazione
Possibile nuovo focolaio in una colonia estiva. Non ci sono più ospedalizzati per covid-19. Un caso di contagio dal Woodstock
Bellinzonese
2 ore
Il Teatro Sociale di Bellinzona apre le proprie porte
Da luglio a settembre un'illuminazione suggestiva metterà in risalto gli aspetti architettonici e decorativi più significativi
Mendrisiotto
2 ore
La Mendrisiense riprende l'attività adattando il poligono
Durante l'ultima assemblea Athos Solcà è stato riconfermato alla presidenza. Il 25 luglio il tiro federale di campagna
Mendrisiotto
3 ore
A Morbio Inferiore si gusta ‘pita e curnitt’
Il piatto tipico della cucina del Mendrisiotto viene tradizionalmente cucinato la seconda domenica di luglio
Ticino
4 ore
Da venerdì altri dieci casi di coronavirus in Ticino
I test positivi nel cantone salgono a 3'351, fermi il numero di decessi (350) e le dimissioni dagli ospedali (915)
Bellinzonese
8 ore
Liceo di Bellinzona, dure critiche al corpo insegnante
Alcune testimonianze raccolte dalla redazione sul periodo di lockdown parlano di docenti assenti e menefreghisti verso i bisogni didattici degli studenti
Ticino
8 ore
Sventata strage: ‘La scuola non deve educare alla paura’
Il direttore Adriano Agustoni spiega come compagni e docenti abbiano contribuito in modo decisivo a sventare l’attacco alla Scuola di commercio
Luganese
18 ore
Cc Lugano, per due sere si torna al Palacongressi
Tra i temi caldi, tre mozioni sul Centro sociale e la richiesta di ripristino della legalità. All'ordine del giorno anche la piscina di Carona
Luganese
19 ore
Raiffeisen di Lugano, 2019 da incorniciare
Utile d'esercizio in lieve aumento e il numero di soci ha superato le 8 mila 200 unità
Mendrisiotto
19 ore
Per cifra d'affari l'Admiral è secondo solo a Zurigo
Un 2019 da ricordare per la casa da gioco di Mendrisio che para anche il colpo dell'emergenza sanitaria. Numeri in ripresa e nessun licenziamento
Mendrisiotto
19 ore
Il Consiglio comunale di Mendrisio discute i conti 2019
Agenda fitta per la seconda seduta fuori sede, sullo sfondo le preoccupazioni finanziarie dettate dall'emergenza sanitaria
Luganese
19 ore
Casinò di Campione, la perdita più grave: 120 milioni di euro
Ecco la stima del deficit accumulato dalla casa da gioco a quasi due anni dalla sua chiusura. L'incasso giornaliero medio era di 250 mila euro
Locarnese
20 ore
Lavori notturni sulla tratta Ponte Brolla-Intragna
A partire da domani fino a sabato 11 luglio. Ad Ascona, fermata Linea 1 del bus soppressa, dal 6 al 31 luglio
Ticino
15.01.2020 - 11:480
Aggiornamento : 12:44

Cassa pensione dello Stato: iniezione da mezzo miliardo

Il governo ticinese propone di mettere a bilancio del Cantone un debito verso l'istituto di previdenza. Il costo 'reale' sarebbe di 12,5 milioni all'anno

Iniezione "virtuale" di 500 milioni di franchi dal Cantone all'Istituto di previdenza cantonale (Ipct). È quanto propone il Consigio di Stato al parlamento per garantire i costi supplementari delle pensioni degli assicurati con più di 50 anni. Il piano di riassesto della previdenza cantonale prevede che il mezzo miliardo sia inserito nei conti del cantone quale debito verso l'Ipct. Debito su cui le casse cantonali pagheranno un tasso d'interesse. Allo stato attuale il costo per l'erario sarà di 12,5 milioni di franchi annui.

I motivi dell'intervento

La richiesta, oggetto del messaggio governativo varato oggi, si inserisce nell'ambito del progetto di riforma dell'istituto entrata in vigore nel 2013. I fondi supplementari serviranno a riportare sui giusti binari il cosiddetto "cammino di finanziamento", ovvero il piano di aumento della copertura delle pensioni in modo che esso raggiunga almeno l'85% entro il 2051. Un cammino, ricorda il governo in una nota stampa, su cui si è accumulato del ritardo a causa in particolare della riduzione, a lungo termine, delle aspettative di rendimento delle obbligaziono. "Nei primi tre anni, dal 2013 al 2015, il cammino di finanziamento è stato rispettato – fa notare il governo –. Successivamente, a fine 2018, invece del 69.2% previsto, il grado di copertura effettivo è stato del 63.9%, per un ammanco di patrimonio rispetto a quanto previsto di 420 milioni di franchi".

L'essersi discostati dal piano di copertura "ha costretto l'Ipct, su raccomandazione del perito in materia di previdenza professionale, a ridurre il tasso tecnico dal 3.5 al 2% in tre tappe dal 2015 al 2017 e di conseguenza ad aumentare di 1 miliardo di franchi gli accantonamenti a copertura degli impegni verso i pensionati e per le garanzie di pensione, riducendo in modo marcato il grado di copertura".

A cosa serviranno i 500 milioni e come sono messi a bilancio

Il mezzo miliardo richiesto servirà a coprire la metà dei costi non previsti nel piano di finanziamento, permettendo così di recuperare parte del ritardo accumulato sul cammino di finanziamento. Il contributo "sarà inserito nel bilancio dell'Istituto di previdenza al 1.1.2021 come credito verso il Cantone e nel bilancio del Cantone come debito verso l’Ipct". Su questo debito, "il Cantone verserà un interesse pari al tasso tecnico più un margine dello 0,5%. Con l’attuale tasso tecnico del 2%, l’interesse che il cantone dovrà versare sarà calcolato al tasso del 2,5%, ciò che corrisponde ad un esborso annuo di 12,5 milioni di franchi". 

L'altro mezzo miliardo di maggiori costi non previsti "è stata coperta dall’evoluzione tra il 2013 e il 2018 del patrimonio che è stata migliore di quanto previsto e dagli assicurati attivi. Questi ultimi hanno già contribuito in questi anni al finanziamento dei maggiori oneri per le rendite dei beneficiari, poiché è stato loro riconosciuto unicamente il tasso minimo di interesse Lpp sui loro capitali di previdenza (attualmente l’1%), mentre il rendimento conseguito dall’Ipct ha sfiorato mediamente il 4%". 

Christian Vitta: ‘L'Ente pubblico deve onorare gli impegni presi con i propri dipendenti’

"Non si tratta di presentare un nuovo piano di risanamento, ma di aggiornare l'impegno finanziario che il Cantone quale datore di lavoro deve garantire per onorare gli impegni presi nel 2012", spiega a laRegione il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta. E a questa situazione si è arrivati perché "l'evoluzione dei mercati e dei vari parametri tecnici hanno fatto sì che gli impegni presi costino di più rispetto a quanto a suo tempo era stato previsto. Se l'Ente pubblico quale datore di lavoro si prende degli impegni verso i propri dipendenti, il governo ritiene che sia anche corretto che questi impegni siano mantenuti. E se questo richiede un finanziamento supplementare, bisogna farvi fronte".

Il finanziamento va a coprire questa necessità, che è diluita in più anni. Spiega ancora Vitta: "Questi 500 milioni non sono pagati dall'Ente pubblico a corto termine, ma finanziariamente nel 2051. In questi anni pagheremo gli interessi su questo nuovo impegno, e l'incidenza sui conti dello Stato annua sarà circa di 12,5 milioni".

Passando dal piano tecnico a quello politico, la Lega ha manifestato già mesi fa il proprio disappunto. Ci sono alternative a questa operazione? "Il governo lo ha bene evidenziato in varie prese di posizione: la Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato, oggi Istituto di previdenza del Canton Ticino, è garantita dall’Ente pubblico, il quale non può quindi sottrarsi agli impegni presi. Anzi, se non manterremo il percorso di equilibrio che abbiamo imboccato a suo tempo, il rischio è che la fattura costerà ancora di più tra un po’ di anni, perché dovremo comunque far fronte agli impegni che erano stati appunto presi".

 

© Regiopress, All rights reserved