laRegione
Nuovo abbonamento
premi-malattia-tre-iniziative-di-buonsenso-e-urgenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 ora

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 ora

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
11 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
11 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
12 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
12 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
13 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
10.12.2019 - 17:410
Aggiornamento : 21:40

'Premi malattia, tre iniziative di buonsenso e urgenti'

Chiesa, presidente della deputazione ticinese alle Camere: ci battereno perché il parlamento le accolga. Necessaria la riforma del sistema sanitario

«Adesso dobbiamo essere vigili e presenti a Berna per rimettere il campanile al centro del villaggio», ha affermato stamattina Raffaele De Rosa poco prima del via libera del Gran Consiglio alle tre iniziative cantonali proposte dallo stesso direttore del Dipartimento sanità e socialità,  poi fatte proprie dal governo, per cercare di frenare l’aumento dei premi di cassa malati, fra l’altro permettendo nuovamente ai Cantoni di esprimersi sulle tariffe previste. Tre iniziative – accolte con 73 sì (tre gli astenuti) e indirizzate al parlamento federale – che De Rosa aveva illustrato il 24 settembre, contestualmente all’annuncio dei premi per il 2020, (ancora) in rialzo nel nostro cantone rispetto al 2019. A Berna la deputazione ticinese alle Camere è vigile e presente sul tema, da tempo. «Sono tre atti parlamentari che bisognerà trattare con la massima urgenza», afferma il consigliere agli Stati democentrista Marco Chiesa, contattato dalla ‘Regione’. «E come deputazione – assicura il suo presidente – faremo in modo che ottengano delle risposte in tempi brevi, con l’auspicio ovviamente che vengano accettati dal parlamento federale, affinché le esigenze dei Cantoni in questo delicato e complesso dossier possano essere meglio ascoltate a Berna. Dovremo ora costruire un consenso intorno alle proposte ticinesi». Fino ad oggi, tuttavia, diverse iniziative cantonali una volta a Berna sono finite nei cassetti... « Stavolta il tema non interessa solamente il Ticino, ma tocca tutti i Cantoni e quindi tutti i cittadini. Ed è trasversale a tutti i partiti. Le tre iniziative ticinesi, iniziative di buonsenso, sollevano aspetti importanti suggerendo correttivi plausibili. Insomma, sono abbastanza ottimista circa il loro seguito».
E riguardo ad alleanze e costruzione del consenso, il Dss si è già mosso, stabilendo contatti con altri Cantoni. Le tre iniziative, infatti, sono state nel frattempo presentate da De Rosa alla Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità, così come nelle rispettive conferenze regionali. I Cantoni romandi, come precisato dal capo del Dss, hanno recepito assai positivamente le proposte ticinesi , tramite la Conferenza latina degli affari sanitari e sociali. «Questo è un progetto del Consiglio di Stato e a Ginevra hanno tradotto in francese il nostro messaggio governativo per sensibilizzare tutta la Romandia sul tema», ha sottolineato De Rosa in Gran Consiglio.
Per Chiesa «è comunque assolutamente necessaria una riforma del nostro sistema sanitario: senza misure che vadano a calmierare l’aumento dei costi, i premi continueranno ad aumentare». Con la strategia ‘Sanità 2020’ prospettata dal capo del Dipartimento federale dell’interno Alain Berset «si danno, secondo me, delle risposte che meritano di essere implementate». In ogni caso, aggiunge il presidente della deputazione ticinese a Berna, la riforma del sistema sanitario elvetico «sarà una delle sfide di questa legislatura».

© Regiopress, All rights reserved