laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
4 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
6 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
6 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
6 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
7 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
7 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
7 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
7 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
06.12.2019 - 23:490
Aggiornamento : 27.01.2020 - 09:57

Padlina chiede nuovi dati. Il governo nicchia

Voto ticinesi all'estero per il ballottaggio del 17 novembre: è braccio di ferro tra l'avvocato e il Consiglio di Stato

È braccio di ferro tra il Consiglio di Stato e Gianluca Padlina sulla questione delle schede concernenti il ballottaggio del 17 novembre per l’elezione degli Stati, che secondo l’avvocato e consigliere comunale del Ppd a Mendrisio sarebbero state spedite tardivamente ai ticinesi residenti all’estero, cosa che avrebbe impedito o vanificato il loro esercizio del voto per corrispondenza. Per questo il 19 novembre Padlina aveva chiesto al governo – istanza cui l’Esecutivo aveva dato subito seguito – di ordinare ai Comuni di conservare buste e relativo materiale di voto giunto dall’estero dopo la domenica 17, quando alla Camera dei Cantoni sono stati eletti il democentrista Marco Chiesa e la socialista Marina Carobbio, che ha superato il popolare democratico Filippo Lombardi per soli 46 voti. Mercoledì 20 l’avvocato momò ha inoltrato ricorso al Tribunale cantonale amministrativo (Tram) chiedendo ai giudici di accertare “l’irregolarità” della procedura preparatoria del turno di ballottaggio. Ebbene, oggi il governo ha risposto a una lettera inviatagli un paio di giorni fa da Padlina con la quale l’avvocato sollecitava una serie di dati e informazioni, ritenendo incompleti, rispettivamente lacunose, quelli contenuti nelle osservazioni che una settimana fa il Consiglio di Stato ha trasmesso al Tram, invitandolo a respingere il ricorso del legale momò, poiché a detta dell’Esecutivo tardivo e irricevibile. Nella missiva datata 4 dicembre Padlina chiedeva anche il numero dei ticinesi all’estero che hanno votato al primo turno e quelli che hanno votato al secondo (ballottaggio), nonché il numero di buste depositate dopo il termine riguardante il primo turno. Dati e informazioni per poter allestire e completare la replica alle osservazioni del governo. Nella sua risposta odierna il governo ha affermato tra l’altro che i servizi cantonali “hanno raccolto e fornito informazioni ben più estese di quelle minime chieste nel ricorso” e che i dati dell’elezione contestata del 17 novembre “sono corretti”. A stretto giro di fax  la risposta di Padlina al Consiglio di Stato: l’avvocato di Mendrisio ha manifestato “stupore” e “assoluta incredulità” per il contenuto della presa di posizione governativa, confidando che le informazioni richieste gli fossero fornite entro le 18.30. In caso contrario, “il sottoscritto riterrà di essere in presenza di una crassa violazione dei diritti costituzionali e procedurali”, ciò che in materia elettorale “è suscettibile di costituire un fatto di inaudita gravità”. Fino alle 18.30 di stasera Padlina non aveva ricevuto nulla dal Consiglio di Stato.

C’è chi ha spedito solo con posta B

Ma c’è di più. L’avvocato avrebbe scoperto che almeno un Comune ha spedito all’estero le buste per il voto per corrispondenza con posta B (Economy), quando le disposizioni di Cantone e Confederazione parlano invece di posta A (Priority). Almeno quattro comuni, inoltre, avrebbero spedito le buste dopo il 29 ottobre, data entro la quale, stando a quanto aveva dichiarato la Cancelleria dello Stato, tutti i Comuni avrebbero proceduto alla spedizione all’estero delle buste.

© Regiopress, All rights reserved