ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Pila: ‘niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’

A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
1 ora

Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt

L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
1 ora

Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate

Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
7 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
8 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
11 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
11 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
11 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
12 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
12 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
06.12.2019 - 23:49
Aggiornamento: 27.01.2020 - 09:57

Padlina chiede nuovi dati. Il governo nicchia

Voto ticinesi all'estero per il ballottaggio del 17 novembre: è braccio di ferro tra l'avvocato e il Consiglio di Stato

di Andrea Manna
padlina-chiede-nuovi-dati-il-governo-nicchia
Ti-Press

È braccio di ferro tra il Consiglio di Stato e Gianluca Padlina sulla questione delle schede concernenti il ballottaggio del 17 novembre per l’elezione degli Stati, che secondo l’avvocato e consigliere comunale del Ppd a Mendrisio sarebbero state spedite tardivamente ai ticinesi residenti all’estero, cosa che avrebbe impedito o vanificato il loro esercizio del voto per corrispondenza. Per questo il 19 novembre Padlina aveva chiesto al governo – istanza cui l’Esecutivo aveva dato subito seguito – di ordinare ai Comuni di conservare buste e relativo materiale di voto giunto dall’estero dopo la domenica 17, quando alla Camera dei Cantoni sono stati eletti il democentrista Marco Chiesa e la socialista Marina Carobbio, che ha superato il popolare democratico Filippo Lombardi per soli 46 voti. Mercoledì 20 l’avvocato momò ha inoltrato ricorso al Tribunale cantonale amministrativo (Tram) chiedendo ai giudici di accertare “l’irregolarità” della procedura preparatoria del turno di ballottaggio. Ebbene, oggi il governo ha risposto a una lettera inviatagli un paio di giorni fa da Padlina con la quale l’avvocato sollecitava una serie di dati e informazioni, ritenendo incompleti, rispettivamente lacunose, quelli contenuti nelle osservazioni che una settimana fa il Consiglio di Stato ha trasmesso al Tram, invitandolo a respingere il ricorso del legale momò, poiché a detta dell’Esecutivo tardivo e irricevibile. Nella missiva datata 4 dicembre Padlina chiedeva anche il numero dei ticinesi all’estero che hanno votato al primo turno e quelli che hanno votato al secondo (ballottaggio), nonché il numero di buste depositate dopo il termine riguardante il primo turno. Dati e informazioni per poter allestire e completare la replica alle osservazioni del governo. Nella sua risposta odierna il governo ha affermato tra l’altro che i servizi cantonali “hanno raccolto e fornito informazioni ben più estese di quelle minime chieste nel ricorso” e che i dati dell’elezione contestata del 17 novembre “sono corretti”. A stretto giro di fax  la risposta di Padlina al Consiglio di Stato: l’avvocato di Mendrisio ha manifestato “stupore” e “assoluta incredulità” per il contenuto della presa di posizione governativa, confidando che le informazioni richieste gli fossero fornite entro le 18.30. In caso contrario, “il sottoscritto riterrà di essere in presenza di una crassa violazione dei diritti costituzionali e procedurali”, ciò che in materia elettorale “è suscettibile di costituire un fatto di inaudita gravità”. Fino alle 18.30 di stasera Padlina non aveva ricevuto nulla dal Consiglio di Stato.

C’è chi ha spedito solo con posta B

Ma c’è di più. L’avvocato avrebbe scoperto che almeno un Comune ha spedito all’estero le buste per il voto per corrispondenza con posta B (Economy), quando le disposizioni di Cantone e Confederazione parlano invece di posta A (Priority). Almeno quattro comuni, inoltre, avrebbero spedito le buste dopo il 29 ottobre, data entro la quale, stando a quanto aveva dichiarato la Cancelleria dello Stato, tutti i Comuni avrebbero proceduto alla spedizione all’estero delle buste.

Leggi anche:

'Ricorso tardivo e irricevibile, da respingere'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved