laRegione
Nuovo abbonamento
ricorso-tardivo-e-irricevibile-da-respingere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
36 min

Lugano, la capogruppo socialista Simona Buri lascia il Cc

Se ne va per motivi professionali e di conciliabilità con il Gran Consiglio, ma con la sezione i rapporti si sono raffreddati. Ultima seduta: 5 ottobre
Gallery
Bellinzonese
36 min

Frane e sentieri interrotti in Valle d'Osogna e Moleno

Nelle prossime settimane sono previsti importanti interventi per sistemare la situazione e mettere in sicurezza i percorsi
toto elezioni
36 min

Totoelezioni, dal 'caos' Ppd rispunta Caroni

A Locarno continua ad allargarsi la rosa di aspiranti a Palazzo. Fra i liberali Giudici guarda oltre un destino all'apparenza già scritto
Mendrisiotto
9 ore

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
9 ore

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
10 ore

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
10 ore

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
10 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
10 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
10 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
10 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
10 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
11 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Bellinzonese
11 ore

Educare con empatia, tre incontri a Bellinzona

Gli appuntamenti gratuiti affronteranno alcuni aspetti delle relazioni con i figli, dei conflitti e della gestione delle emozioni
Bellinzonese
11 ore

A Villa dei Cedri si pianta un nuovo melo

L'evento viene organizzato domenica in collaborazione con la Società ticinese di scienze naturali
Luganese
11 ore

Lugano, Acli verso il 14esimo congresso

Le Associazioni cristiane lavoratori internazionali si riuniranno sabato. Fra le trattande, la votazione del presidente e del Consiglio cantonale
Ticino
11 ore

Gran Consiglio: approvati i conti 2019, scintille sui permessi

Con 43 favorevoli e 30 contrari il parlamento dà il proprio via libera al consuntivo dello scorso anno. Gobbi rinvia le polemiche a giovedì
Bellinzonese
11 ore

Serata pubblica su case anziani e Covid

La organizza l'Mps il 30 settembre alle Scuole Nord di Bellinzona. Sul piatto del giorno la gestione durante l'emergenza e nella fase degli allentamenti
Bellinzonese
12 ore

Bellinzona verso un Ente autonomo unico per le zone collinari

Il Municipio risponde a un'interrogazione di Pedrioli (Ppd) sulla Sponda sinistra. Rimangono per ora esclusi i territori di Claro, Giumello e le cime di Medeglia
Luganese
12 ore

Campione d'Italia, primo passo: una deroga a Roma

Il neo sindaco Roberto Canesi parla delle sfide imminenti del Comune;: la riapertura del casinò, i debiti, l'unione doganale europea e la questione sanità
Ticino
12 ore

L'Ocst: 'Impiegati amministrativi e gestionali da tutelare'

Il sindacato cristiano sociale denuncia una situazione in continuo peggioramento, e formula tre richieste alle associazioni padronali
Locarnese
12 ore

Ultimo tiro obbligatorio a Quartino

In concomitanza con il tiro federale in campagna
Ticino
29.11.2019 - 22:100
Aggiornamento : 23:49

'Ricorso tardivo e irricevibile, da respingere'

Ballottaggio, ecco le osservazioni del governo al Tram sulla contestazione dell'avvocato Padlina. Finora 113 le schede di voto tardive giunte dall'estero

Il termine per prendere posizione scadeva oggi. Il Consiglio di Stato lo ha rispettato indirizzando al Tribunale cantonale amministrativo otto pagine di osservazioni. Che si chiudono con una richiesta: il Tram giudichi quel ricorso irricevibile e, per quanto ammissibile, lo respinga integralmente. Il governo sollecita quindi il rigetto del ricorso inoltrato mercoledì 20 dall’avvocato e consigliere comunale del Ppd a Mendrisio Gianluca Padlina, che lamenta il presunto invio tardivo del materiale di voto a ticinesi residenti all’estero per il ballottaggio agli Stati del 17 novembre, quando alla Camera dei Cantoni sono stati eletti il democentrista Marco Chiesa e la socialista Marina Carobbio, piazzatasi davanti al popolare democratico Filippo Lombardi per sole 46 schede. Un invio tardivo, che secondo Padlina avrebbe impedito a chi vive in altri Paesi di esercitare il voto per corrispondenza.
Il ricorso al Tram ha fatto seguito all’istanza trasmessa dal legale al Consiglio di Stato il giorno precedente, il 19 novembre, e che l’Esecutivo ha subito accolto, dando disposizione ai Municipi di conservare tutte le buste contenenti le schede di voto e le carte di legittimazione pervenute ai Comuni dopo la domenica 17. Padlina chiede ai giudici di accertare “l’irregolarità” della procedura preparatoria del turno di ballottaggio e, a titolo cautelativo, di decretare l’annullamento dei risultati delle urne e di ordinare al Consiglio di Stato una nuova votazione.
Il governo replica e sottolinea che Consiglio di Stato e Comuni hanno agito correttamente (“Si sono attenuti all’ordinamento giuridico”). E considera il ricorso “manifestamente irricevibile da più punti di vista”. Anzitutto, rileva, “è rivolto in modo generico contro atti della procedura preparatoria nei Comuni. Esso tuttavia si limita a insinuare in modo generico il dubbio che i Comuni ticinesi (senza precisare quali) non abbiano addottato ‘tutti gli accertamenti necessari’ e di conseguenza non abbiano spedito in modo tempestivo il materiale di voto all’estero”. Ebbene, scrive il governo, il ricorso “non essendo rivolto contro un ben determinato atto preparatorio” deve essere dichiarato “irricevibile”. Il Consiglio di Stato ritiene il ricorso comunque tardivo. Stando al quinto capoverso dell’articolo 133 della Legge sull’esercizio dei diritti politici, il termine per ricorrere contro gli atti della procedura preparatoria è di tre giorni a decorrere, recita la norma, “da quello in cui è stato compiuto l’atto che si intende impugnare o dalla scoperta del motivo d’impugnazione”. Padlina sostiene di aver casualmente appreso della presunta spedizione tardiva del materiale di voto domenica mattina, da una terza persona residente all’estero che ha ricevuto il materiale in ritardo. Ne deduce, ma per il governo si tratta di una mera ipotesi, per nulla sostanziata e tantomeno provata, che il materiale di voto sarebbe pervenuto in ritardo a un numero importante di cittadini ticinesi all’estero aventi diritto di voto. Partendo da questa premessa il ricorrente ritiene che il suo ricorso sia tempestivo, avendolo presentato mercoledì 20 novembre, entro tre giorni da quando avrebbe ricevuto la telefonata. E qui il Consiglio di Stato fa una precisazione di sostanza. “In realtà – annota il governo – il termine ha iniziato a decorrere da quando l’atto preparatorio è stato eseguito e, nella migliore delle ipotesi per il ricorrente, da quando la persona che gli ha segnalato il problema se n’è resa conto (o doveva rendersene conto prestando la normale diligenza)”. Il termine di ricorso di tre giorni, fa ancora presente l’Esecutivo, “non può essere aggirato comunicando a terze persone il problema, così da ripristanarlo ogni volta”.

Il precedente bernese (respinto)

Per il governo il ricorso va respinto nel merito “anche per un altro motivo”. Citando la decisione del Tribunale federale relativa a un caso analogo avvenuto nel 2011 a Berna, ricorda che “la circostanza che non tutti i cittadini svizzeri all’estero abbiano potuto effettivamente esercitare il loro diritto di voto non poteva inficiare l’esito della votazione, in quanto le difficoltà legate ai tempi assai ristretti per il recapito postale delle schede all’estero sono sistemiche e note a tutti”. Di più. Il ricorso, evidenzia il Consiglio di Stato, andrebbe rigettato anche perché la ripetizione di un’elezione “costituisce un atto molto incisivo nella vita istituzionale di un Paese e presenta inconvenienti maggiori per la stabilità e il funzionamento corretto delle istituzioni: il Tribunale federale l’ha rilevato già in relazione a una votazione, osservando tra l’altro che è impossibile che lo scrutinio si ripeta in maniera identica e che più lo scarto di tempo con la prima votazione è grande, maggiori sono i fattori che possono influenzare diversamente l’esito. Ciò – continua il governo – deve essere ammesso a maggior ragione in relazione all’elezione dei deputati al Consiglio degli Stati, che è un organo parlamentare centrale”.

Al momento 113 le buste giunte dall'estero in ritardo

Ma quante sono le schede giunte dall’estero in ritardo (tenuto conto che, in base alla legge, quelle pervenute all’ufficio elettorale dopo la chiusura delle operazioni di voto, la domenica a mezzogiorno, non sono considerate ai fini dello spoglio)? “Al momento” sono 113. Lo indica il Consiglio di Stato nelle osservazioni al ricorso di Padlina. È stato lo stesso governo, dando seguito all’istanza inoltrata martedì 19 dal legale, a dare disposizione ai Municipi di conservare tutte le buste pervenute dopo il 17 novembre: la Cancelleria dello Stato ha quindi chiesto ai Comuni di comunicarle il numero delle schede giunte tardivamente. “Al momento – scrive l’Esecutivo nel documento all’indirizzo del Tram – la Cancelleria dispone delle informazioni comunicate da 79 Comuni che rappresentano oltre i due terzi degli elettori e i tre quarti degli aventi diritto di voto all’estero. In 32 Comuni non sono giunte buste dall’estero in ritardo mentre in 47 comuni ne sono giunte dall’estero complessivamente 113”. Va osservato, aggiunge il governo, “che almeno 11 di queste buste sono state spedite entro il 7 novembre dall’elettore, che le ha quindi ricevute almeno dieci giorni prima dell’elezione”. A due elettori che si trovavano in Ticino in vacanza “è stata data l’opportunità di votare al seggio, ma essi hanno preferito votare per corrispondenza al ritorno all’estero: le due buste sono giunte in ritardo”. Per l’Esecutivo “nulla può comunque essere provato e viene qui anche solo reso verosimile quanto all’effettiva data di ricezione di ogni busta da parte dei singoli elettori la cui scheda di voto è stata spedita dopo il 7 novembre, che possono aver spedito la loro scheda anche giorni dopo la ricezione”.
Il governo, inoltre, ribadisce la regolarità delle operazioni: “Dopo il termine per depositare le dichiarazioni di ritiro, le candidature sono divenute definitive giovedì 24 ottobre alle 18”. Le schede con i nomi dei quattro candidati ammessi al turno di ballottaggio “sono state stampate nelle ore successive e consegnate ai servizi cantonali a metà mattina di venerdì 25 ottobre. Una parte dei Comuni ha ritirato le schede di voto già il 25 e l’altra parte lunedì 28 (un solo Comune ha ritirato il materiale di voto martedì 29 ottobre)”. I Comuni “hanno inviato il materiale di voto all’estero mediante posta prioritaria. Per accelerare le operazioni hanno confezionato e inviato il materiale di voto per i ticinesi all’estero, senza attendere anche la preparazione delle buste da inviare ai cittadini domiciliati in Svizzera”. 

 

 

© Regiopress, All rights reserved