ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
4 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
10 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
11 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
11 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
11 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
13 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
13 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
13 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
13 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
24.09.2019 - 15:31
Aggiornamento: 17:35

Aumento premi cassa malati, la controffensiva dal Ticino

Raffaele De Rosa annuncia tre iniziative cantonali su riserve degli assicuratori e contenimento dei costi. La reazione dell'Acsi

di Jacopo Scarinci e Andrea Manna
aumento-premi-cassa-malati-la-controffensiva-dal-ticino
Ti-Press

Le tre iniziative ticinesi sulle casse malati

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

Avrebbe giudicato inaccettabile un aumento dei premi di cassa malati, il direttore del Dss Raffaele De Rosa. Detto fatto: aumenti arrivati (+2,5% medio in Ticino, a fronte dello 0,3% a livello nazionale), arriva quella che il Dipartimento sanità e socialità vorrebbe intendere come una prima controffensiva. Che sarà in tre tappe, come tre saranno le iniziative cantonali – di cui è stato già informato il Consiglio di Stato – e che "presto" saranno poste all'attenzione del Gran Consiglio. Nella conferenza stampa di commento all'aumento dei premi appena svoltasi, sono state illustrate dallo stesso De Rosa.

La prima, "Più forza ai Cantoni", chiede, tramite modifica della Lvamal, che i Cantoni possano dire la loro ad assicuratori e all'autorità di vigilana in merito ai costi stimati e alle tariffe dei premi previste per il loro territorio;

La seconda, "Per riserve eque ed equilibrate", si pone l'obiettivo di aggiungere nella legge il fatto che "le riserve di un assicuratore sono reputate eccessive se risultano superiori al 150% del limite normativo. In presenza di riserve eccessive, l'assicuratore è tenuto a operare una riduzione delle riserve sino al raggiungimento di tale soglia". A oggi, è stato spiegato alla stampa, dei 12 principali assicuratori 5 hanno riserve superiori al 200%. Altri sei, hanno riserve comprese tra 150 e 200%. Uno, del 125%. Tutto questo, quando il limite legale è del 100%. Liberare la parte eccedente al 150%, a mente di De Rosa "consentirebbe di calmierare l'evoluzione dei premi per i prossimi tre anni, dando così al Consiglio federale il tempo necessario per implementare misure per il contenimento dei costi e per maggiore efficienza senza gravare sui costi per i cittadini;

La terza, "Per premi conformi ai costi", vuole far sì che "la correzione dei premi pagati in eccesso avvenga in maniera sistematica se rispettate precise condizioni, a beneficio degli assicurati, ma anche a garanzia di un'equa partecipazione dei Cantoni alla costituzione delle riserve nazionali. Insomma, l'anno successivo dopo dei premi in eccesso, l'assicuratore "è tenuto" a operare una compensazione di premi. Non più una possibilità, quindi. Come chiesto, a più riprese, da Bruno Cereghetti e Franco Denti.

Regazzoni-Meli (Acsi): ‘Preoccupazione e frustrazione’

«Preoccupazione» e «frustrazione», sono i due sentimenti con cui Laura Regazzoni Meli, segretaria dell’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana, commenta il nuovo salasso. «Purtroppo il Ticino è uno dei cantoni dove i premi aumentano di più e questo è preoccupante, la frustrazione deriva dal fatto che ancora una volta ci dicono che le riserve degli assicuratori malattia sono troppo elevate, riducendole si sarebbe pertanto potuto contenere l’aumento. Abbiamo però una legge federale sulla vigilanza che non è sufficientemente incisiva – dice Regazzoni Meli alla ‘Regione’ –. Vi è poi la constatazione che in Ticino il consumo di prestazioni sanitarie specialmente a livello ambulatoriale è alto, più alto della media svizzera. Per cui bisogna agire anche lì». Quanto alle prospettate iniziative cantonali, Regazzoni Meli non si fa soverchie illusioni: «Sono le stesse rivendicazioni che erano state espresse anche dalle associazioni dei consumatori in parlamento a Berna nella discussione sulla legge sulla vigilanza, a Berna allora non ne avevano voluto sapere. Chissà se hanno cambiato idea».

I tempi? "Le procedure parlamentari sono sempre lente, non sarà per domattina" risponde De Rosa. Ma per il Dss "era fondamentale agire in questo senso".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved