laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
10 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
17 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
20 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
21 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
22 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
22 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
22 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
22 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
22 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
22 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
22 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
23 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Ticino
12.09.2019 - 12:140

Regazzi replica a Zali sulla pernice: 'Esternazioni gravi'

S'inasprisce il dibattito sulla moratoria. Il presidente della Federazione dei cacciatori, che ha inoltrato ricorso, ribatte al direttore del Dt

Pubblichiamo la replica del presidente della Federazione dei cacciatori (Fcti) Fabio Regazzi all'intervista rilasciata al nostro giornale il 6 settembre da Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, a proposito della moratoria per la pernice bianca contro la quale la Fcti si è opposta. 

di Fabio Regazzi

Il contenuto ed i toni dell’intervista del Consigliere di Stato Claudio Zali pubblicata dalla Regione il 6 settembre scorso titolata “Basta spari per divertimento” impongono una replica. Il Direttore del Dt non si limita a criticare la decisione della Federazione dei cacciatori ticinesi (Fcti) di ricorrere contro la chiusura della caccia alla pernice bianca ma tratta i cacciatori ticinesi alla stregua di gentaglia irrispettosa ed infantile. Usando un’espressione ben nota ad un appassionato di rally quale è l’On. Zali, stavolta è veramente “andato lungo”. La decisione di ricorrere contro il regolamento 2019 relativamente alla pernice bianca (preavvisata all’unanimità dalla conferenza dei Presidenti!) è dettata dall’inesistenza di motivi d’urgenza tali da legittimare l’adozione del provvedimento senza alcuna preventiva consultazione né dei cacciatori, né delle associazioni protezioniste e nemmeno dell’Ufficio caccia e pesca (Ucp), tutti membri della commissione consultiva sulla caccia. E questo malgrado la ribadita disponibilità del mondo venatorio ad avviare un dialogo per giungere a soluzioni condivise; posizione espressa in lettere e comunicazioni rimaste ad oggi senza risposta. Un simile comportamento è inaccettabile per un’associazione che per legge deve essere sentita nell’ambito della definizione del regime venatorio (art. 37 Lcc). Il ricorso censura queste gravi ed irrispettose mancanze ribadendo comunque la disponibilità dei cacciatori al confronto anche su temi delicati a patto di poterlo fare nel contesto delle procedure previste, con trasparenza, senza sotterfugi e soprattutto su basi scientifiche condivise.

Pur di difendere una decisione le cui reali finalità restano ancora sconosciute, il Direttore del Dt arriva addirittura a screditare il lavoro dei funzionari del suo stesso Dipartimento. Una vera e propria novità anche nella realtà politica ticinese degli ultimi decenni. L’On. Zali ritiene di “non essere uno scienziato” affermando nel contempo che “la politica venatoria la fa il capo del dipartimento e non l’Ufficio Caccia e Pesca”. Esternazioni gravi, che suonano come un abuso di potere ritenuto che egli dimentica che le leggi che invoca prevedono il contrario, segnatamente che la gestione venatoria deve fondarsi su basi scientifiche e che tali valutazioni devono essere effettuate dai biologi in forza all’Ucp; specialisti che solo pochi mesi orsono nel rapporto annuale dell’Ucp sugli indirizzi per la stagione venatoria 2019 evidenziavano per la pernice bianca “una stabilità degli effettivi su lungo termine” proponendo il mantenimento del sistema di caccia vigente. Dover sostenere una decisione adottata in aperto contrasto con quanto proposto dall’Ucp ha portato l’On. Zali a consapevolmente utilizzare dati inesatti (per usare un eufemismo) sullo stato delle popolazioni di pernice bianca. Benché iscritta nella lista rossa, la pernice bianca è inserita nelle specie “potenzialmente minacciate”. Il che significa che la caccia è permessa se “monitorata”, come è il caso in Ticino dove le modalità di prelievo venatorio trovano il consenso anche dell’Ufficio Federale dell’Ambiente che nel suo ultimo rapporto precisa come “la caccia tradizionale e ben pianificata, come praticata finora, non dovrebbe avere ripercussioni negative sulle popolazioni di pernice bianca”.

Dal Direttore del Dt sarebbe lecito attendersi maggior rispetto e correttezza, ma soprattutto coerenza e coraggio politico. Coerenza con l’adozione di provvedimenti altrettanto incisivi per la protezione di tetraonidi e lagomorfi e dell’ambiente in cui vivono in tutti quegli ambiti che più della caccia influiscono su queste specie. Coraggio politico proponendo una revisione della legge sulla caccia qualora ritenga che effettivamente talune specie siano da salvaguardare a lungo termine, astenendosi dall’introdurre d’imperio ed a scaglioni moratorie nel regolamento annuale sottraendosi così al confronto. Un’ultima precisazione all’indirizzo dell’On. Zali e dei paladini dell’etica ambientalista un tanto al chilo. Mai nessun cacciatore ha gettato un capo di selvaggina o vi ha sparato per puro divertimento. E mai lo farà perché il rispetto per la natura è la base della nostra passione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved