ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
3 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
5 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
5 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
5 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
5 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
5 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
6 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
17.07.2019 - 12:47

5G, il Consiglio di Stato ticinese non appoggia la moratoria

Il governo non l'ha presa in considerazione perché non è di competenza cantonale (ma federale). Procedura edilizia per le antenne? "Soluzione coerente"

a cura de laRegione
5g-il-consiglio-di-stato-ticinese-non-appoggia-la-moratoria
Ti-Press

Il Consiglio di Stato ticinese non intende imporre una moratoria sul 5G. O meglio: non ha nemmeno valutato l'ipotesi. Intanto perché la misura esula dalle competenze cantonali (si tratta di decisioni da prendere eventualmente a livello federale), spiega il governo in due risposte ad altrettanti atti parlamentari inoltrati dai granconsiglieri Fabio Käppeli (Plr) e Claudia Crivelli Barella (Verdi). E poi perché l'attuale sistema, che prevede il ricorso alla procedura edilizia ordinaria per la conversione dei vecchi impianti di telefonia alla tecnologia 5G, "si rivela ancora più coerente e giustificato" siccome "oltre che garantire il diritto di terzi di essere informati, tutela pure il loro diritto di opporsi".

Per l'esecutivo cantonale "l'accorta e rigorosa applicazione" delle norme federali in materia di Radiazioni non ionizzanti e di quelle cantonali è da considerarsi "l'opzione più valida, razionale, giuridicamente ineccepibile e rispettosa degli interessi sia del cittadino sia degli operatori di comunicazione mobile". 

Pur riconoscendo l'esistenza di una certa preoccupazione all'interno della popolazione sulle radiazioni elettromagnetiche e, nello specifico, sulla posa di nuove e antenne, il governo – sollecitato da Crivelli Barella su questo punto – non ritiene vi siano gli estremi per giustificare una campagna informativa "di sensibilizzazione alla cittadinanza sui rischi che comporta un'esposizione alle radiofrequenze". Questo perché "al momento attuale né nella letteratura nazionale né in quella internazionale possono essere reperiti studi dirimenti sul tema". Detta altrimenti: per il momento nessuno studio scientifico prova che effettivamente esistano quei rischi citati dalla deputata ecologista nella sua domanda. 

Per quanto concerne invece l'installazione di wireless nelle scuole, così come previsto dal Dipartimento educazione, cultura e sport, il Consiglio di Stato precisa che la tecnologia senza fili negli istituti "non è destinata a sostituire gli impianti cablati", bensì "è necessaria per diversificare l'accesso alla rete e permettere l'utilizzo di dispositivi mobili da parte di studenti e docenti nel rispetto del livello di sicurezza informatica che una scuola deve garantire". Verranno comunque impiegate "unicamente antenne di alta qualità proprio per garantire che tutte le raccomandazioni e normative federali siano rispettata".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved