laRegione
consiglio-degli-stati-merlini-ci-sara
Ti-Press
Ticino
06.06.2019 - 13:130

Consiglio degli Stati, Merlini ci sarà

Il Consigliere nazionale liberale radicale si è messo a disposizione per l'elezione del 20 ottobre

Il Consigliere nazionale Plr Giovanni Merlini, dopo l’ultimo di una serie di responsi medici positivi, ha deciso di mettersi a disposizione del partito per l’elezione del Consiglio degli Stati il prossimo 20 ottobre. Le ratifiche della candidatura alla Camera alta e della compagine liberale radicale per il Consiglio nazionale saranno sottoposte al Comitato cantonale previsto venerdì 28 giugno prossimo.

“Il Plr – si legge in una nota stampa – è estremamente soddisfatto di poter contare su una personalità di spicco e riconosciuta a Palazzo federale. Giovanni Merlini è un deputato che in questi anni di intensa attività a Berna ha dimostrato di saper farsi ascoltare e di essere in grado di tessere alleanze trasversali ai partiti per ottenere soluzioni concrete ed equilibrate, come ancora recentemente a favore degli assicurati, con il freno alle modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali da parte degli assicuratori”.

 “Ritengo che nulla debba essere lasciato intentato per difendere il seggio liberale radicale alla Camera dei Cantoni – ha dal canto suo affermato Giovanni Merlini – ininterrottamente rappresentato da deputati qualificati che in tutti questi anni si sono avvicendati nella carica, promuovendo sapientemente a Berna i legittimi interessi del Ticino. Si tratta di assicurare una linea di continuità nella promozione del metodo della concordanza e dei valori del federalismo svizzero, in una visione improntata alla collaborazione costruttiva con le altre forze politiche e non ad uno sterile antagonismo. Se il Comitato cantonale lo vorrà, affronterò con umiltà ma anche con grande determinazione una campagna elettorale che si annuncia particolarmente insidiosa combattuta per il Consiglio degli Stati. Una scelta maturata pure nell’interesse del partito che non ho mai concepito come un taxi – per riprendere una nota metafora dell’industriale Enrico Mattei – funzionale soltanto a traguardi personali. Mi metto a disposizione, anche in questa occasione, con il dovuto rispetto verso le candidate e i candidati con cui dovrò misurarmi e con la passione che ormai da quasi trent’anni anima la mia militanza attiva nella politica comunale, cantonale e federale”.

© Regiopress, All rights reserved