Ticino
03.06.2019 - 13:410
Aggiornamento : 15:45

Mini: i magistrati non partecipino ad attività politiche

Il presidente del Tribunale d'appello torna sul rapporto fra toghe e partiti. Gobbi su Giustizia 2018: la riforma non resterà in un cassetto

«È giusto esigere che governo, parlamento e partiti rispettino l’indipendenza dei magistrati, ma è altrettanto fondamentale che anche i magistrati stessi siano coscienti e responsabili del loro alto ruolo istituzionale e di servizio». E quindi nei confronti della politica «non devono avere soggezione, sudditanza e reverenza eccessiva». Inoltre «dovrebbero evitare di partecipare ad attività politiche che potrebbero, verso l’esterno, rendere problematica la loro indipendenza». Il presidente del Tribunale d’appello Mauro Mini torna sul delicato e non sempre facile rapporto fra il potere giudiziario e gli altri poteri dello Stato: esecutivo (in Ticino il Consiglio di Stato) e legislativo (il Gran Consiglio). Lo ha fatto stamattina intervenendo a Lugano alla cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2019/2020.

'Più autonomia finanziaria per il Tribunale d'appello'

Un argomento, quello del rapporto fra magistratura e politica, sul quale Mini aveva incentrato lo scorso anno, e in occasione del medesimo evento, il proprio discorso di insediamento alla testa della massima autorità giudiziaria cantonale. Stavolta Mini rivendica maggiore indipendenza, che a suo dire passa pure dall’autonomia finanziaria del Tribunale d’appello («Non ha una propria cassa»), un autonomia che agevolerebbe per esempio «l’organizzazione di momenti di formazione per i magistrati», così come «la partecipazione» delle toghe a seminari e corsi di aggiornamento. Dalla fine degli anni Ottanta del secolo scorso, osserva il giudice, il Tribunale d’appello «è passato da un organico di quarantanove persone fra giudici, cancellieri e funzionari amministrativi, a uno di centodiciassette persone. Un’evoluzione simile l’ha conosciuta anche il Ministero pubblico. A fronte di questa crescita delle dimensioni, non vi è stato tuttavia un incremento dell’autonomia finanziaria e delle competenze organizzative del tribunale».

Riforma 'Giustizia 2018', Gobbi rassicura

Non è tutto. Nomina dei magistrati: Mini auspica «un ridimensionamento del ruolo del Gran Consiglio». Di qui la sua, personale, ricetta. In estrema sintesi: il parlamento si limiti a designare «il procuratore generale e due vice, il presidente del Tribunale d’appello e due vice, il presidente dei giudici dei provvedimenti coercitivi e un presidente dei pretori». Pg, presidente del Tribunale d’appello, quello dei gpc e quello dei pretori formerebbero poi «una commissione» che si occuperebbe del reclutamento, tramite concorso, dei magistrati componenti i vari uffici giudiziari: magistrati che verrebbero confermati o meno «dopo un periodo di prova di due anni». Mini tocca anche il capitolo ‘Giustizia 2018’, la riforma dell’apparato giudiziario ticinese annunciata (diverso) tempo fa dal Dipartimento istituzioni, con l’invito a quest’ultimo a fare ora «una sintesi» degli approfondimenti fin qui svolti. «Rassicuro il presidente del Tribunale d’appello – afferma il capo del Dipartimento Norman Gobbi, anch’egli relatore all’apertura dell’anno giudiziario 2019/20 – che nessuno dei rapporti trasmessi dai gruppi di lavoro rimarrà nei cassetti del Dipartimento, ma che, come più volte indicato nei proficui incontri semestrali tra Dipartimento istituzioni e presidenti delle magistrature parmanenti, come Consiglio di Stato abbiamo definito delle priorità d’intervento sui vari progetti inseriti nella riforma. Perché semplicemente, tutto non si può fare e va garantita l’operatività in questo caso della Divisione giustizia, che si deve occupare anche di altri settori».

Potrebbe interessarti anche
Tags
tribunale appello
appello
presidente
magistrati
tribunale
presidente tribunale
presidente tribunale appello
consiglio
autonomia
riforma
© Regiopress, All rights reserved