ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
4 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
4 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
13 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
13 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
13 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
13 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
13 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
13 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
14 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
15 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
15 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
16 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
16 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
16 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
16 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
16 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
01.06.2019 - 05:50

A breve altre due antenne 5G in Ticino. E monta la polemica

Swisscom: 'Niente frequenze nuove, stiamo riconvertendo quelle già in uso'. Il Mendrisiotto (e non solo) fa muro

di Daniela Carugati, Generoso Chiaradonna, Chiara Scapozza e Luca B
a-breve-altre-due-antenne-5g-in-ticino-e-monta-la-polemica
Il luogo a Stabio dove dovrebbe sorgere la nuova antenna per lo standard 5G Ti-Press

«Saranno due le antenne con la tecnologia 5G a essere messe in funzione nei prossimi giorni: una sul tetto dell’Università della Svizzera italiana a Lugano e l’altra a Grancia». È quanto dichiara Stefano Santinelli, delegato del Ceo di Swisscom per la Svizzera italiana dopo l’accensione, ieri, di un’antenna a Locarno. Entro fine anno, l’azienda prevede di mettere in funzione 16 siti a sud delle Alpi. Molti altri sono intanto bloccati in attesa dell’evasione dei ricorsi di privati e associazioni.

Gli ultimi a mettersi di traverso anche alla sola idea di veder spuntare altri impianti per la telefonia mobile, per di più a pochi metri da casa, sono gli abitanti del Mendrisiotto. In queste settimane, infatti, le domande di costruzione spuntate, qua e là, agli albi comunali del Distretto non sono certo passate inosservate. Arduo, del resto, non accorgersi delle cosiddette modine che svettano da palazzi e costruzioni commerciali. A Stabio sono rimasti col naso all’insù quando, circa una settimana fa, i residenti si sono ritrovati a tu per tu con un simulacro di antenna di diversi metri di altezza appoggiato al tetto del supermercato Coop, quasi dirimpetto la Casa comunale e poco distante, in linea d’aria, dalle scuole. Anche qui è Swisscom ad essersi prenotata per potenziare il suo segnale sul territorio locale. La sua richiesta formale è già giunta sul tavolo del Municipio – anche se non è ancora stata pubblicata –; e l’impressione è che non lascerà indifferente la popolazione. Nell’aria, insomma, vi è già odore di opposizioni. A Chiasso, Balerna e Mendrisio, dove, in alternanza, Swisscom e Sunrise si sono palesate nelle settimane scorse avviando la prassi di rito, le censure si sono già materializzate a decine. Il progetto di Swisscom di realizzare un “nuovo impianto radio base per la ricetrasmissione dei segnali di telefonia mobile” in zona Pignolo, sulla collina di Pedrinate (a Chiasso), ha visto coalizzare quasi una trentina di cittadini (e non è detto che restino i soli). Ormai si va di opposizioni collettive; e le firme in calce che accompagnano i documenti sono parecchie. Poco lontano, a Balerna, la decisione di Sunrise di “aggiornare” e aggiungere altre antenne all’impianto esistente sul tetto di un palazzo in località Marediga (in via Guisan) – pure qui, a vista, nel raggio degli edifici scolastici – ha visto insorgere una ventina di persone. E non è neppure la prima volta. Quella appendice aveva fatto discutere i vicini fin dal primo giorno. Solo un’altra operazione simile – stessa azienda, ma in una zona un po’ più discosta rispetto alle aree residenziali, lungo via Passeggiata, verso Novazzano – al momento non sembra aver sollevato proteste. Più tiepida, sinora, anche la reazione – quattro le opposizioni – a Genestrerio, in via Campagna Adorna; luogo dove Swisscom intende installare delle antenne sempre sopra il tetto di un edificio. Certo, adesso, toccherà ai Municipi (e al Cantone) vedersela con l’ambizione di stare al passo con i tempi degli operatori, da un lato, e le preoccupazioni dei cittadini dall’altro. Di sicuro i dossier depositati nelle Cancellerie non aiutano ad allontanare i timori popolari: troppo tecnici e difficili da decifrare (fatto salvo per i 679 metri entro i quali ci si può opporre); la sigla ‘5G’ neppure la si evoca, limitandosi a parlare di nuove tecnologie. Le aziende, dal canto loro, rassicurano, senza nascondere l’obiettivo di voler assecondare entro fine anno il 90 per cento della popolazione svizzera a caccia delle cinque... ‘tacche’. Ecco perché, fa sapere a ‘laRegione’ la portavoce di Swisscom Ivana Sambo, «dove possibile amplieremo i siti già esistenti, oppure costruiremo nuovi impianti, naturalmente sempre rispettando le leggi di costruzione vigenti nel Cantone».

Interrogativi e dubbi, comunque, resistono. E allora si fa avanti la politica, a livello cantonale e comunale. Così, mentre a Mendrisio il Plr (già autore di una mozione nel 2015) si informa su una possibile perizia neutra e un eventuale veto dell’esecutivo, a Novazzano sono Ppd e Verdi liberali a mettere addirittura le mani avanti sull’arrivo di nuove antenne. Al centro per tutti c’è la salute pubblica.

La reazione di Swisscom: ‘Stiamo riconvertendo le vecchie frequenze al nuovo standard’

«Nei prossimi giorni, o comunque nelle prossime settimane, attiveremo altre due antenne 5G in Ticino. Si tratta di quella posta sul tetto dell’Università della Svizzera italiana in centro a Lugano e di quella di Grancia. Entro la fine dell’anno dovremmo avere in servizio circa 16 siti, anche in questo caso saranno siti già esistenti o nuovi, con la tecnologia 5G. Per il resto è invece un po’ tutto bloccato in Ticino, dove vi è molta resistenza, anche parecchio organizzata, contro il 5G». A spiegarlo è Stefano Santinelli, delegato del Ceo di Swisscom per la Svizzera italiana. «E i limiti di emissione consentiti, in Svizzera 10 volte più bassi che nel resto del mondo, non sono cambiati», continua Santinelli. «Bisogna essere vicino all’antenna per captare il segnale. Questo è il grande vantaggio della tecnologia 5G, che ha un modo di irradiare diverso da quello del 4G – rileva da parte sua Ivana Sambo, portavoce Swisscom per il Ticino –. Contrariamente a un 4G che ha un raggio molto ampio, il 5G lo fa solo su richiesta».

Nel caso specifico cosa s’intende? «Il segnale va dalla Morettina fino a Piazza Grande». Ciò significa che avremo bisogno più antenne? «Lì dove sarà possibile e avremo i permessi amplieremo le antenne 4G esistenti. Lì dove non ve ne sono ci sarà invece bisogno di una nuova antenna».

Ciò nonostante le opposizioni sono molto forti, con richieste anche di moratorie cantonali per lo più inapplicabili, siccome la questione è di competenza federale. «Non abbiamo comunque intenzione di adire alle vie legali contro eventuali stop. Alle aule giudiziarie preferiamo il dialogo», precisa Santinelli.

Swisscom ha già in tasca la licenza edilizia per 16 antenne 5G in Ticino, di cui due da realizzare ex novo. «Prendiamo sul serio le preoccupazioni della popolazione: ci sono però oltre quattromila studi che dimostrano che il 5G non è dannoso per la salute. Non siamo noi gli esperti, ma ci basiamo sulle evidenze scientifiche e sugli studi che sono stati fatti negli ultimi 30 anni. Oltretutto le frequenze per il 5G sono quelle che venivano usate dalla televisione. Sono frequenze note», conclude la portavoce di Swisscom.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved