laRegione
abusi-sessuali-sui-minori-ecco-una-nuova-forma-di-prevenzione
Le statistiche rivelano che 1 ragazza su 3 e 1 ragazzo su 5 subiscono abusi prima di diventare maggiorenni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Natalia Ferrara: ‘Il congedo parentale è una misura liberale’

La deputata del Plr sostiene convintamente la proposta che lunedì tornerà in Gran Consiglio e spiega perché voterà in modo diverso dal suo gruppo
Ticino
2 ore

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare
Locarnese
2 ore

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio
Locarnese
9 ore

Liberali di Locarno, ‘tourbillon’ per tre seggi

Apertissima la lotta interna per un posto in Municipio. Con gli uscenti Scherrer, Giovannacci e Merlini, in lista Renna, Pini, Silacci e Mitric
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio al via: vaccinati i primi cento cittadini

Chiasso seguirà a ruota. Entro la settimana prossima si saranno inoculate oltre mille dosi
Bellinzonese
12 ore

Polo socio-sanitario, Acquarossa lancia un segnale

Per evitare spazi che rimarrebbero vuoti il Municipio confida di poter firmare precontratti con gli interessati
Bellinzonese
12 ore

Bike sharing Biasca-Olivone: c’è da migliorare

L'anno scorso soltanto 252 noleggi a causa del sistema di riservazione un po' complesso che andrà semplificato
Luganese
13 ore

Lugano compra gli studi radio per creare la Casa della musica

Accordo raggiunto fra Città e Ssr. L'ultima parola spetterà al Consiglio comunale
Bellinzonese
13 ore

Piazza del Sole, chiesto il ripristino dell’arredo provvisorio

Secondo i Verdi di Bellinzona favorirebbe il rispetto del distanziamento per chi mangia all'aperto
Ticino
13 ore

Diossido di cloro contro il Covid? La Procura apre un incarto

Il Ministero pubblico avvia un procedimento relativo a un caso di somministrazione di sostanze illegali. In Canton San Gallo un uomo l'ha ingerito ed è stato male
Luganese
13 ore

Puerto Azul, terza condanna per un promoter

Pena di due anni e otto mesi per un 55enne di Pescara, già condannato nel 2018 e poi al risarcimento di due vittime della truffa, lo scorso novembre
Ticino
27.05.2019 - 06:100

Abusi sessuali sui minori, ecco una nuova forma di prevenzione

L’associazione ‘io-NO!’ è pronta a lanciare in Ticino un servizio di supporto che mira ad aiutare i potenziali abusanti prima che passino ai fatti

L’associazione di prevenzione contro gli abusi sessuali sui bambini io-NO! è pronta a iniziare la sua attività in Ticino. Prendendo spunto da altre realtà già esistenti in Svizzera (DIS NO a Monthey e l’Istituto Forio a Frauenfeld), io-NO! intende offrire supporto a coloro, adulti o adolescenti, che sentono di provare attrazione sessuale nei confronti di bambini ma che non sono ancora passati ai fatti, «persone che sentono di avere questo genere di pulsioni – ci spiega Sarah Gamper, presidente della neocostituita associazione –, che stanno male e che non sanno con chi parlarne. L’idea è di contribuire a evitare il primo passaggio all’atto».

In che modo?
Saremo a disposizione per rispondere, via e-mail o telefonicamente, alle loro domande sulla pedofilia e sulla sessualità senza tabù, senza giudizio e garantendo loro l’anonimato. È importante che sappiano che ci siamo, che possiamo ascoltarli senza giudicarli.

C’è già una rete di professionisti che collaborerà con il progetto?
Certamente, abbiamo una rete di persone qualificate e sensibili a questo tema che sono a disposizione per sostenere coloro che ci contatteranno.

Prima parlava di evitare il primo passaggio all’atto. Cosa intende?
Mettere la persona, non necessariamente un pedofilo, a proprio agio per poter parlare di questo tema. Spesso chi ci contatta ne parla per la prima volta: è quindi molto importante ascoltare attivamente cercando di cogliere la domanda della persona. Insieme si fa il punto della situazione chiarendo i bisogni e le aspettative. Si introduce poi la possibilità di iniziare una terapia valutando e affrontando le reticenze, la vergogna o la paura di essere denunciati.

Chi abusa di un minore è sempre considerato un pedofilo?
Bisogna prestare attenzione e non cadere nelle generalizzazioni. Non tutte le persone che abusano di bambini sono dei pedofili nel senso clinico del termine. Infatti esiste una definizione ben precisa per questa devianza riconosciuta dal mondo scientifico. Ci possono essere altre tipologie di perversione che non sono classificate come pedofilia.

Le statistiche parlano di pulsioni pedofile presenti in un uomo ogni 100 in Svizzera, dunque di ventimila potenziali pedofili…
È difficile fare stime. Quando una persona viene denunciata, di solito il numero delle vittime è maggiore rispetto a quelle per le quali viene accusato. Ricordiamoci che tante vittime di abusi sessuali non denunciano i fatti subiti e questo rende difficile stimare in modo più o meno esatto il numero di reati. Alcune fonti (come Unicef), rivelano che 1 ragazza su 3 e 1 ragazzo su 5 subiscono abusi prima di raggiungere la maggiore età. Non vi sono dubbi sulla necessità di rafforzare le prevenzione per proteggere i bambini da questi eventi traumatici e garantire loro il diritto alla protezione.

Siete in contatto con gli altri enti già attivi su questo fronte?
Al momento siamo in contatto con l’associazione DIS NO di Monthey. Tra l’altro mi avevano informata di aver ricevuto delle telefonate dal Ticino, persone che dicevano ‘non sappiamo a chi rivolgerci’. Questo aspetto è un’ulteriore conferma che la nostra iniziativa risponde a un bisogno effettivamente presente sul territorio. Una volta avviata l’attività, sicuramente contatteremo altre realtà attive nella protezione dell’infanzia: l’unione, soprattutto in questi casi, fa la forza.

E con il Cantone?
Dal momento che si tratta di una misura di intervento è molto importante che il nostro lavoro sia riconosciuto dal Cantone. Sarà dunque nostra premura attivarci anche a questo livello. Alcuni passi sono già stati intrapresi e speriamo si possa avviare presto una collaborazione.

© Regiopress, All rights reserved