marina-carobbio-ambisce-al-consiglio-degli-stati
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
51 min

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
59 min

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
1 ora

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
1 ora

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
1 ora

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
1 ora

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
2 ore

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Mendrisiotto
2 ore

Mercato dell’usato, antiquariato e artigianato a Chiasso

Avrà luogo sabato 30 ottobre sul corso San Gottardo a Chiasso (zona piazza Indipendenza) con orario dalle 9 alle 18
Luganese
3 ore

L’Istituto di medicina di famiglia si presenta

Incontro aperto al pubblico all’Usi di Lugano per lanciare il progetto in seno alla Facoltà di scienze biomediche
Mendrisiotto
3 ore

Festa della battitura delle castagne alla graa di Cabbio

 L’essiccazione è iniziata a metà ottobre, e da allora il fuoco è acceso e curato senza interruzione dall’Associazioni degli amici
Ticino
4 ore

In Ticino 25 contagi, invariata la situazione ospedaliera

Restano negli ospedali del Cantone 8 pazienti Covid di cui 2 in cure intense. I vaccinati raggiungo il 66,9% della popolazione
Mendrisiotto
4 ore

Dal romanzo al poema, doppio appuntamento a Vacallo

Due serate in compagnia dello scrittore Domenico Dara e dell’attore Antonio Zanoletti, parlando di inverno e di Dante Alighieri
Ticino
23.03.2019 - 05:500

Marina Carobbio ambisce al Consiglio degli Stati

La socialista di Lumino candidata in pectore alla Camera dei Cantoni. Afferma di ‘credere molto’ in un’area rosso-verde compatta alle ‘federali‘ di ottobre.

Ha ottenuto la deroga che le permette di ricandidarsi per la quarta volta alle elezioni federali. E se in ottobre verrà riconfermata al Consiglio nazionale – non v’è ragione di dubitarne – la prossima sarà in ogni caso la sua ultima legislatura alla Camera del popolo. Ma per Marina Carobbio Guscetti la prossima potrebbe anche essere la prima legislatura al Consiglio degli Stati. La sua doppia candidatura – Nazionale e Stati – è stata suggellata in occasione di un incontro con la Commissione ‘cerca’ del Partito socialista ieri a Bellinzona, all’indomani dell’annuncio del presidente Igor Righini di voler “concretizzare una collaborazione costruttiva sia coi Verdi, sia con l’insieme delle forze di sinistra del cantone” in vista delle elezioni ‘federali’. Se sbaraglierà una concorrenza che si prospetta agguerrita (Filippo Lombardi per il Ppd? Giovanni Merlini per il Plr?), la 52enne di Lumino diventerebbe la prima donna (e il primo esponente socialista) ticinese alla Camera dei Cantoni.

«Alcuni mesi fa – spiega alla ‘Regione’ Marina Carobbio Guscetti – la Commissione ‘cerca’ mi aveva chiesto se fossi interessata. Allora avevo dato la mia disponibilità di massima. Poi il mio nome era uscito all’ultimo Congresso del 18 novembre. Adesso ho confermato la mia disponibilità a candidarmi anche per gli Stati». Per l’ex consigliere nazionale Fabio Pedrina, membro della ‘Cerca’, «Marina Carobbio, anche grazie alla sua lunga esperienza e alla presidenza del Consiglio nazionale, ha la caratura per candidarsi al Consiglio degli Stati. La sua è l’unica candidatura possibile che non sia solo di ‘bandiera’, cioè con reali chances di essere condivisa all’interno dell’area rosso-verde e di potercela fare» il 20 ottobre, racimolando voti anche al di fuori del bacino elettorale di riferimento. Spetterà ora alle istanze del partito (al comitato cantonale, il 15 maggio; quindi al Congresso, il 16 giugno) ufficializzare la doppia candidatura. Una formalità.

Marina Carobbio Guscetti, perché ha annunciato la sua candidatura proprio ora, a due settimane dalle elezioni cantonali?

Alla ‘Commissione cerca’ lo scorso anno era stato affidato il mandato di allestire sia le liste per le ‘cantonali’, sia quelle per le ‘federali’. Oggi i tempi sono molto stretti: non possiamo più aspettare fino a dopo l’estate, come avveniva in passato, per portare avanti candidature credibili per il Nazionale e gli Stati, che devono passare dal comitato cantonale e dal congresso. L’esito delle ‘cantonali’ del 7 aprile sarà certamente un elemento importante che confluirà nelle valutazioni del Ps e degli altri partiti con cui si potrebbero congiungere le liste. Ma il fatto è che dopo le elezioni cantonali sarò assente: tra l’altro in aprile andrò in Africa con una delegazione della Presidenza del Consiglio nazionale.

A sinistra ci si guarda spesso in cagnesco o si litiga. Anche in Ticino. Cosa le fa dire che l’area rosso-verde si presenterà compatta in ottobre, conditio sine qua non per una candidatura di successo agli Stati?

Io ci credo molto, anche perché nel frattempo sia nei Verdi che nel Ps in Ticino ci sono stati cambiamenti: il dialogo è stato ripristinato. E poi a Berna lavoro molto con i Verdi e mi sono sempre impegnata sui temi ambientali [Marina Carobbio è tra l’altro vicepresidente dell’Iniziativa delle Alpi, ndr]. Ma, al di là della mia persona, credo sia davvero necessario costruire un’alleanza rosso-verde: abbiamo delle differenze, ma anche tanti obiettivi comuni. In questo contesto storico non capisco che senso abbia andare avanti ognuno per conto suo, precludendoci la possibilità reale di conquistare un secondo seggio al Nazionale [quello perso nel 2015 a favore della destra a seguito di una mancata congiunzione delle liste, ndr] e uno agli Stati. Si tratta di rafforzare la componente rosso-verde della Deputazione ticinese alle Camere, adesso sbilanciata verso destra. La mia candidatura, tra l’altro, è in linea con la volontà del Pss di portare candidate donne al Consiglio degli Stati.

Lei è profilata a sinistra. Cosa la rende eleggibile anche agli elettori non di ‘area’, indispensabili per raggiungere quel 50% dei voti più uno che servono per essere eletta agli Stati?

Ho una lunga esperienza politica e ho portato avanti temi, come la politica sanitaria, la parità di genere e la difesa delle minoranze linguistiche e culturali, che stanno a cuore ai ticinesi, dimostrando anche di essere capace di trovare delle soluzioni al di là dei confini politici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved