Sabrina Gendotti
Ticino
05.02.2019 - 13:180

'I giudici di pace devono avere una formazione giuridica'

La granconsigliera Sabrina Gendotti interviene sull'esito della perizia. E boccia i correttivi prospettati dal Dipartimento istituzioni: 'I tempi sono cambiati'

«I tempi sono cambiati, le cause sono sempre più complesse e non basta più il buonsenso, bensì è necessaria una solida formazione giuridica». Per Sabrina Gendotti, deputata del Ppd al Gran Consiglio e avvocato di professione, sarebbe quindi «opportuno modificare i requisiti per candidarsi come giudice di pace indicando la necessità di una formazione giuridica per poter ricoprire la carica». Con un’interrogazione al Consiglio di Stato, la parlamentare interviene sull'esito della perizia affidata a suo tempo dal governo, su proposta del Dipartimento istituzioni, ai professori dell'Università di Neuchâtel François Bohnet e Pascal Mahon: ai due costituzionalisti era stato chiesto di verificare se la figura del giudice di pace ticinese fosse compatibile con la Costituzione federale e con la Cedu, la Convenzione europea sui diritti dell'uomo, dopo i dubbi sollevati dal Consiglio della magistratura. Il parere di Bohnet e Mahon, scrive Gendotti richiamando il comunicato stampa diffuso ieri dal Dipartimento istituzioni, «concluderebbe che i giudici di pace laici (non giuristi di formazione, ndr.) ticinesi, ossia la stragrande maggioranza, sono incostituzionali perché violano l’articolo 30 capoverso 1 della Costituzione  e l’articolo  6 paragrafo 1 della CEDU». Alla luce della perizia, aggiunge la deputata, il Dipartimento ha fatto sapere che «si prodigherà per sanare la situazione ed implementare i correttivi proposti dai professori Bohnet e Mahon. Sembrerebbe che il correttivo principale sia quella di affiancare sempre, tranne per i casi di routine, ai giudici di pace laici un referente con formazione giuridica. In poche parole, occorrerebbe prevedere il supporto di un pretore, cancelliere o segretario assessore giurista per ogni Giudicatura di pace». Già di primo acchito, rileva Gendotti, «tale soluzione è inattuabile poiché sproporzionata e dispendiosa. A ciò vanno aggiunti i corsi di formazione giuridica, che i giudici di pace laici dovrebbero frequentare obbligatoriamente e prima di assumere la carica. Tale soluzione appare però insoddisfacente perché dei semplici corsi non possono sostituire una formazione universitaria».

Al Consiglio di Stato Sabrina Gendotti chiede di trasmettere copia della perizia a tutti i granconsiglieri. Pone poi una serie di domande, con riferimento anche all'imminente elezione dei nuovi giudici di pace: «Come mai se il parere giuridico dei professori Bonhet e Mahon risale a inizio estate del 2018 si è deciso di procedere lo stesso con le elezioni per il rinnovo dei giudici di pace per dieci anni? E' stato opportuno e trasparente nei confronti di chi si è candidato quale giudice di pace, investendo tempo e denaro, non informarli dell’esistenza del parere? Quanto costerà al Canton Ticino questa elezione? Come intende affrontare questa incresciosa vicenda?».

 

 

Tags
formazione giuridica
pace
giudici
formazione
giudici pace
gendotti
perizia
consiglio
dipartimento
mahon
© Regiopress, All rights reserved